HomeSaluteSessualitàPossibile sviluppo di nuovo tipo di contraccettivo maschile

Possibile sviluppo di nuovo tipo di contraccettivo maschile

Un nuovo tipo di contraccettivo maschile potrebbe essere creato grazie alla scoperta di un gene chiave, essenziale per lo sviluppo degli spermatozoi. La ricerca, condotta presso l’Università do Edimburgo, ha mostrato come un gene , Katnal1, è fondamentale per consentire agli spermatozoi di maturare. Regolare il gene Katnal1, potrebbe impedire agli spermatozoi di maturare completamente, rendendoli inefficaci senza alterare i livelli ormonali. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista PL0S Genetics e potrebbe anche essere utile nella cura di casi di infertilità maschile, quando il malfunzionamento del gene Katnal1 ostacola lo sviluppo degli spermatozoi. Secondo la nuova ricerca si potrebbe sviluppare un contraccettivo non ormonale e la cosa più importante è che gli effetti di tale farmaco sarebbero reversibili perchè Katnal1 colpisce solo le cellule spermatiche nella fase successiva di sviluppo, in  modo da non ostacolare le fasi di produzione e la capacità complessiva di produrre spermatozoi. La sperimentazione evidenzia che gli animali maschi, modificati in modo da non avere il gene Katna1, erano sterili.

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...