HomeSaluteCervello e sistema nervosoPerché gli oppioidi non possono curare il dolore cronico

Perché gli oppioidi non possono curare il dolore cronico

(Oppioidi-Immagine Credit Getty Images).

I ricercatori affermano che il dolore emotivo e il dolore cronico sono correlati e gli antidolorifici oppioidi, in ultima analisi, peggiorano le cose.

Un ‘cuore spezzato’ è spesso più difficile da guarire di una gamba rotta. Ora i ricercatori dicono che un cuore spezzato può contribuire al dolore cronico duraturo.

- Advertisement -

In un articolo di riflessioni pubblicato sugli Annals of Family Medicine, gli esperti del dolore Mark Sullivan e Jane Ballantyne della University of Washington School of Medicine, affermano che il dolore emotivo e il dolore fisico cronico sono bidirezionali. “Gli antidolorifici”, hanno detto, “alla fine peggiorano le cose”. La loro argomentazione si basa su nuove prove epidemiologiche e neuroscientifiche che suggeriscono che il dolore emotivo attiva molti degli stessi centri cerebrali limbici del dolore fisico. “Ciò è particolarmente vero”, hanno detto i ricercatori, “per le sindromi da dolore cronico più comuni: mal di schiena, mal di testa e fibromialgia”. “Gli oppioidi possono far sentire meglio i pazienti all’inizio, ma a lungo termine questi farmaci causano tutti i tipi di danni”, hanno detto i ricercatori che hanno affermato che nuove prove suggeriscono che il sistema di ricompensa del corpo potrebbe essere più importante del danno tissutale nella transizione dal dolore acuto a quello cronico. Per sistema di ricompensa, si intende, in parte, il sistema oppioide endogeno, un sistema complicato collegato a diverse aree del cervello. Il sistema include il rilascio naturale di endorfine da attività piacevoli.

Quando questo sistema di ricompensa è danneggiato dagli oppioidi sintetici, perpetua l’isolamento e la malattia cronica ed è un forte fattore di rischio per la depressione.

“Piuttosto che aiutare il dolore per il quale è stato originariamente ricercato l’oppioide, l’uso persistente di oppioidi può inseguire il dolore in modo circolare, diminuire le ricompense naturali dalle normali fonti di piacere e aumentare l’isolamento sociale”, hanno scritto i ricercatori. Sia Sullivan che Ballantyne prescrivono oppioidi ai loro pazienti e affermano che hanno un ruolo nell’uso a breve termine.

Vedi anche:Una terapia genica per il dolore cronico

- Advertisement -

“La terapia con oppioidi a lungo termine che dura mesi e forse anni dovrebbe essere un evento raro perché non tratta bene il dolore cronico, altera la funzione sociale ed emotiva umana e può portare a dipendenza”, hanno scritto i ricercatori.

Ciò che Sullivan raccomanda è che se i pazienti assumono oppioidi a lungo termine ad alte dosi e non stanno avendo un chiaro miglioramento del dolore e della funzione, devono ridurre l’assunziomne gradualmente o passare alla Buprenorfina. Se disponibile, un programma multidisciplinare sul dolore che utilizza un case manager per monitorare la loro cura e il loro benessere, simile a quelli per la cura del diabete e della depressione, può essere di beneficio.

Fonte: Università di Washington

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...