Home Salute Virus e parassiti Perché COVID-19 è più grave nelle persone con obesità, anche se giovani

Perché COVID-19 è più grave nelle persone con obesità, anche se giovani

Immagine: Public Domain.

MaryEllen Antkowiak, del Centro medico dell’Università del Vermont, un medico di terapia intensiva, dice: “Uno dei principali fattori di rischio per il contagio da SARS-CoV-2 è l’obesità”.

Dall’inizio della pandemia, dozzine di studi hanno riportato che molti dei pazienti con COVID-19 grave, erano persone con obesità. Nelle ultime settimane, quel collegamento è diventato più nitido poiché ampi nuovi studi sulla popolazione hanno cementato l’associazione e dimostrato che anche le persone che sono semplicemente in sovrappeso sono a rischio più elevato. Ad esempio, nella prima meta-analisi del suo genere, pubblicata il 26 agosto su Obesity Reviews, un team internazionale di ricercatori ha raccolto dati da decine di articoli sottoposti a peer review che hanno coinvolto 399.000 pazienti. I ricercatori hanno scoperto che le persone con obesità che hanno contratto il virus SARS-CoV-2 avevano il 113% in più di probabilità rispetto alle persone di peso sano, di finire in Ospedale, il 74% in più di probabilità di essere ricoverate in terapia intensiva e il 48% in più di probabilità di morire.

Una costellazione di fattori fisiologici e sociali guida quei numeri cupi. La biologia dell’obesità include l’immunità ridotta, l’infiammazione cronica e il sangue incline a coagulare, tutte conseguenze che possono peggiorare COVID-19.

“Non abbiamo capito subito che uno dei principali fattori di rischio era l’obesità. … È solo di recente che ci siamo resi conto dell’impatto devastante dell’obesità in caso di COVID 19, in particolare nei giovani “, afferma Anne Dixon, un medico-ricercatore che studia obesità e malattie polmonari presso l’Università del Vermont. “L’obesità “potrebbe essere una delle ragioni dell’impatto devastante di COVID-19 negli Stati Uniti, dove il 40% degli adulti è obeso”.

Le persone con obesità hanno maggiori probabilità rispetto alle persone di peso normale di avere altre malattie che sono fattori di rischio indipendenti per COVID-19 grave, tra cui malattie cardiache, malattie polmonari e diabete. Sono anche inclini alla sindrome metabolica, in cui i livelli di zucchero nel sangue, i livelli di grasso o entrambi non sono sani e la pressione sanguigna può essere alta. Un recente studio della Tulane University su 287 pazienti COVID-19 ospedalizzati ha scoperto che la stessa sindrome metabolica aumenta sostanzialmente i rischi di ricovero in terapia intensiva , ventilazione e morte.

” Da solo, il BMI [indice di massa corporea] rimane un forte fattore di rischio indipendente per COVID-19 grave, secondo diversi studi aggiustati per età, sesso, classe sociale, diabete e condizioni cardiache”, afferma Naveed Sattar, un esperto in malattie cardiometaboliche presso l’Università di Glasgow.

L’impatto si estende al 32% delle persone negli Stati Uniti che sono in sovrappeso. Il più grande studio descrittivo finora sui pazienti COVID-19 ospedalizzati negli Stati Uniti, pubblicato come preprint il mese scorso dai ricercatori di Genentech, ha rilevato che il 77% di quasi 17.000 pazienti ospedalizzati con COVID-19 erano in sovrappeso (29%) o obesi (48%). (I Centers for Disease Control and Prevention definiscono il sovrappeso come un BMI da 25 a 29,9 chilogrammi per metro quadrato e l’obesità come un BMI di 30 o superiore).

Un altro studio ha catturato il tasso di ricoveri COVID-19 tra più di 334.000 persone in Inghilterra. Pubblicato il mese scorso negli  Atti della National Academy of Sciences, ha rilevato che sebbene il tasso di ricoveri abbia raggiunto il picco nelle persone con un BMI di 35 o superiore, ha iniziato a salire non appena qualcuno è entrato nella categoria del sovrappeso. “Molte persone non si rendono conto di insinuarsi in quella categoria di sovrappeso”, dice il primo autore Mark Hamer, un fisiologo dell’esercizio presso l’University College di Londra.

Vedi anche:COVID 19 grave e Lupus: simile attivazione di cellule immunitarie

.

Le patologie fisiche che rendono le persone con obesità vulnerabili a COVID-19 grave iniziano con la meccanica: il grasso nell’addome spinge verso l’alto sul diaframma, facendo sì che quel grande muscolo, che si trova sotto la cavità toracica, colpisca i polmoni e limiti il ​​flusso d’aria. Questo volume polmonare ridotto porta al collasso delle vie aeree nei lobi inferiori dei polmoni, dove arriva più sangue per l’ossigenazione rispetto ai lobi superiori.

Altri problemi aggravano questi problemi meccanici. Per cominciare, il sangue delle persone con obesità ha una maggiore tendenza a coagulare, un rischio particolarmente grave durante un’infezione che, se grave, infetta indipendentemente i piccoli vasi polmonari con coaguli. “Nelle persone sane, le cellule endoteliali che rivestono i vasi sanguigni normalmente inducono il sangue circostante a ‘non coagulare’ “, dice Beverley Hunt, un medico esperto di coagulazione del sangue presso Guy’s e St. Thomas, a Londra. “Ma pensiamo che la segnalazione venga modificata da COVID“, dice Hunt, “perché il virus danneggia le cellule endoteliali, che rispondono all’insulto attivando il sistema di coagulazione“.

“Aggiungi l’obesità al mix e il rischio di coagulazione aumenta. Nei pazienti con obesità e COVID-19″, dice Hunt, “Hai il sangue più appiccicoso che abbia mai visto in tutti i miei anni di pratica”.

Inoltre, anche l’immunità si indebolisce nelle persone con obesità, in parte perché le cellule adipose si infiltrano negli organi in cui vengono prodotte e immagazzinate le cellule immunitarie, come la milza, il midollo osseo e il timo“, afferma Catherine Andersen, nutrizionista della Fairfield University. “Stiamo perdendo tessuto immunitario in cambio di tessuto adiposo, rendendo il sistema immunitario meno efficace nel proteggere il corpo dai patogeni o nel rispondere a un vaccino”, dice Hunt.

“Il problema non è solo un minor numero di cellule immunitarie, ma anche cellule meno efficaci”, aggiunge Melinda Beck, coautrice della metaanalisi Obesity Reviews che studia l’obesità e l’immunità all’Università del North Carolina, a Chapel Hill. “Gli studi di Beck su come i topi obesi rispondono al virus dell’influenza hanno dimostrato che le cellule immunitarie chiave chiamate cellule T “non funzionano altrettanto bene nello stato obeso”, dice Beck. Producono meno molecole che aiutano a distruggere le cellule infettate dal virus e il corpo dei linfociti T “di memoria” lasciato dopo un’infezione, che è la chiave per neutralizzare futuri attacchi dello stesso virus.

Il lavoro di Beck suggerisce che la stessa cosa accade nelle persone obese: ha scoperto che le persone con obesità vaccinate contro l’influenza avevano il doppio del rischio di contrarla rispetto alle persone vaccinate e di peso sano. “Ciò significa che le sperimentazioni sui vaccini per la SARS-CoV-2 devono includere persone con obesità“, dice il ricercatore, “perché “i vaccini contro il coronavirus possono essere meno efficaci in quelle persone”.

Oltre a una ridotta risposta alle infezioni, le persone con obesità soffrono anche di infiammazioni croniche di basso grado. Le cellule adipose secernono diversi messaggeri chimici che innescano l’infiammazione chiamati citochine e altri provengono da cellule immunitarie chiamate macrofagi che lavorano per ripulire le cellule adipose morte e morenti. Questi effetti possono aggravare l’attività incontrollata delle citochine che caratterizza COVID-19 grave. “Si finisce per causare molti danni ai tessuti, reclutare troppe cellule immunitarie, distruggere le cellule sane degli astanti”, dice Ilhem Messaoudi, un immunologo che studia le risposte degli ospiti alle infezioni virali presso l’Università della California, a Irvine. Del rischio aggiuntivo derivante dall’obesità, aggiunge: “Direi che molto è immuno-mediato“.

“I dati su come trattare i pazienti con COVID-19 con obesità sono scarsi. Le prove pubblicate supportano la somministrazione a tali pazienti di dosi più elevate di anticoagulanti”, afferma Scott Kahan, un medico che dirige il Centro nazionale per il peso e il benessere. Kahan esorta che gli studi per il trattamento di COVID-19 includano persone con un BMI elevato, ove possibile.

“Le persone con obesità dovrebbero prestare particolare attenzione per evitare di ammalarsi”, dice Messaoudi. “Se sei una persona con obesità, sii più cauto”, dice. “Indossa la tua maschera. Lavati le mani. Evita le grandi riunioni “.

“Inoltre, fare esercizio e, separatamente, perdere anche un po’ di peso può migliorare la salute metabolica di una persona con obesità e, così facendo, ridurre le sue possibilità di sviluppare COVID-19 grave in caso di infezione”, afferma Stephen O’Rahilly, un medico-ricercatoire che dirige l’MRC Metabolic Diseases Unit presso l’Università di Cambridge.

Fonte:Science

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...