Home Salute Virus e parassiti COVID 19 grave e Lupus: simile attivazione di cellule immunitarie

COVID 19 grave e Lupus: simile attivazione di cellule immunitarie

Immagine: Public Domain.

Nei casi gravi di COVID-19, i ricercatori di Emory hanno osservato un’esuberante attivazione delle cellule immunitarie, simile a quella che si verifica nei casi acuti di Lupus eritematoso sistemico (LES), una malattia autoimmune.

I loro risultati puntano verso test che potrebbero separare alcuni pazienti COVID-19 che necessitano di terapie immunitarie calmanti da altri che potrebbero non averne bisogno. Potrebbero anche iniziare a spiegare perché alcune persone infette da SARS-CoV-2 producono abbondanti anticorpi contro il virus, ma hanno risultati negativi.

- Advertisement -

I risultati dello studio sono stati pubblicati online il 7 ottobre su Nature Immunology.

I risultati del team Emory convergono con le recenti scoperte di altri ricercatori che hanno scoperto che un’infiammazione elevata in COVID-19 può interrompere la formazione di centri germinali, strutture nei linfonodi in cui vengono addestrate le cellule produttrici di anticorpi. Il gruppo Emory ha osservato che l’attivazione delle cellule B si muove in avanti lungo un percorso “extrafollicolare” al di fuori dei centri germinali – simile a quello osservato nel LES.

Vedi anche:Enzima naturale ha il potenziale per trattare COVID 19

Le cellule B rappresentano  un insieme di “schemi per gli anticorpi” che il sistema immunitario può utilizzare per combattere le infezioni. Nella grave COVID-19, il sistema immunitario sta, in effetti, “estraendo elementi dall’insieme e gettandoli in un mucchio disorganizzato”.

- Advertisement -

Prima della pandemia COVID-19, il co-autore senior Ignacio (Iñaki) Sanz, MD e il suo laboratorio si sono concentrati sullo studio del LES e su come la malattia perturba lo sviluppo delle cellule B.

Sanz è a capo della divisione di reumatologia presso il Dipartimento di Medicina, Direttore del Lowance Center for Human Immunology e un Eminent Scholar della Georgia Research Alliance. L’autrice co-senior Frances Eun-Hyung Lee, MD è Professore associato di medicina e Direttore del programma Emory’s Asthma / Allergy Immunology.

Dice Sanz: ” Quando abbiamo analizzato le cellule del terzo o quarto paziente in terapia intensiva, ci siamo resi conto che stavamo vedendo modelli che ricordavano i casi acuti di LES”.

Nelle persone con LES, i linfociti B sono attivati ​​in modo anomalo ed evitano i controlli e gli equilibri che di solito li vincolano. Ciò porta spesso alla produzione di “autoanticorpi” che reagiscono contro le cellule del corpo, provocando sintomi come affaticamento, dolori articolari, eruzioni cutanee e problemi renali. 

Se COVID-19 grave porti alla produzione di autoanticorpi con conseguenze cliniche è attualmente oggetto di indagine da parte del team di Emory. Sanz osserva che altri ricercatori hanno osservato autoanticorpi nella fase acuta della malattia e sarà importante capire se le risposte autoimmuni a lungo termine possono essere correlate all’affaticamento, al dolore articolare e ad altri sintomi sperimentati da alcuni sopravvissuti.

“È una domanda importante che dobbiamo affrontare attraverso un attento follow-up a lungo termine”, afferma Sanz. “Non tutte le infezioni gravi portano allo sviluppo di autoanticorpi. La sepsi non ha questo aspetto”.

“Nel lupus, le risposte extrafollicolari delle cellule B sono caratteristiche dei pazienti afro-americani con malattia grave”, aggiunge. “Nel nuovo studio, la maggior parte dei pazienti con infezione grave era afro-americana. Sarà importante capire come le condizioni sottostanti e le disparità legate alla salute guidino l’intensità e la qualità delle risposte delle cellule B sia nelle malattie autoimmuni che in COVID-19”, afferma Sanz.

Lo studio ha confrontato 10 pazienti con COVID-19 in condizioni critiche (4 dei quali sono morti) ricoverati in unità di terapia intensiva negli Ospedali Emory con 7 persone con COVID-19 che sono state trattate come pazienti ambulatoriali e 37 controlli sani.

Le persone nel gruppo in condizioni critiche tendevano ad avere livelli più elevati di cellule che secernono anticorpi all’inizio della loro infezione. Inoltre, i linfociti B e gli anticorpi che producevano mostravano caratteristiche che suggerivano che le cellule venivano attivate in una via extrafollicolare. In particolare, le cellule hanno subito meno mutazioni nei loro geni anticorpali rispetto a quanto osservato in una risposta immunitaria focalizzata, che è tipicamente affinata all’interno dei centri germinali.

Il documento pubblicato da Nature Immunology è stato il risultato di una collaborazione con Emory. I co-primi autori sono Matthew Woodruff, PhD, un istruttore nel laboratorio di Sanz, e Richard Ramonell, MD, un collega di medicina e di terapia intensiva all’Emory University Hospital.

Ramonell osserva che i pazienti studiati sono stati trattati precocemente durante la pandemia COVID-19, prima dell’introduzione diffusa del Desametasone, corticosteroide antinfiammatorio, che ha dimostrato di ridurre la mortalità.

I risultati del team potrebbero offire indicazioni su quali pazienti COVID-19 dovrebbero ricevere trattamenti immunomodulatori, come Desametasone o farmaci anti-IL-6. I pazienti con una maggiore espansione delle cellule B in fase di attivazione extrafollicolare avevano anche livelli più elevati di citochine infiammatorie, come IL-6.

Ad alcuni pazienti COVID-19 sono stati somministrati farmaci che riducono IL-6, ma i risultati sono stati contrastanti negli studi clinici.  “I pazienti con marcatori di risposte immunitarie non regolate possono essere candidati appropriati per il trattamento con farmaci antinfiammatori che prendono di mira i percorsi corrispondenti”, suggerisce Sanz.

Fonte:Emory news Center

ULTIMI ARTICOLI

Scoperta mutazione genetica che protegge dalle malattie

Immagine:Mutazione genetica. Credit:Montreal Clinical Research Institute. Gli scienziati canadesi hanno scoperto una rara mutazione genetica che protegge dal rischio di malattie e pensano possa essere...

Fibrosi cistica: comprensione delle lesioni polmonari

Immagine: Fibrosi cistica. Credit: Public Domain. Lo Staphylococcus aureus (che include la MRSA) è l'organismo più diffuso isolato dalle vie aeree dei bambini con fibrosi...

Malattie infiammatorie: nuovo target per combatterle

Immagine:malattie infiammatorie. Segni di infiammazione. Credito:WEHI. Un team internazionale di ricercatori ha scoperto un composto simile che blocca un percorso infiammatorio cruciale, aprendo potenzialmente la...

Spray nasale anti-COVID 19 pronto per l’uso nell’uomo

Immagine:spray nasale anti COVID 19. Credit: Università di Birmingham. Uno spray nasale in grado di fornire una protezione efficace contro il virus COVID-19 è stato...

Tre motivi per cui COVID-19 può causare ipossia silenziosa

Immagine: COVID 19. Credit: Public Domain. Gli scienziati stanno ancora risolvendo i molti aspetti sconcertanti di come il nuovo coronavirus SARS-CoV-2, causa di COVID 19,...