Ottenere proteine ​​dalle piante: una ricetta per la longevità

 

 

 

 

Immagine; Public Domain.

“Sostituire le uova con il tofu o usare fagioli invece della carne, potrebbe aiutarti a vivere più a lungo”, secondo un nuovo studio.

“Ottenere le proteine ​​quotidiane dalle piante anziché dagli animali sembra ridurre il rischio complessivo di morte precoce”, dicono i ricercatori.

I risultati dello studio hanno dimostrato che ogni 3% dell’apporto energetico giornaliero di una persona proveniente da proteine ​​vegetali anziché da proteine ​​animali riduce il rischio di morte prematura di una persona del 10%.

I risultati sono stati particolarmente forti quando le persone hanno sostityuito le uova o con le proteine ​​vegetali (rischio inferiore del 24% negli uomini e rischio inferiore del 21% nelle donne) o sostituito la carne rossa (rischio inferiore del 13% negli uomini, 15% nelle donne).

“Eliminare la carne rossa dalla dieta può essere benefico, ma solo se si sostituisce con un sostituto sano”, ha detto la ricercatrice capo Jiaqi Huang, ricercatrice post-dottorato presso il National Cancer Institute degli Stati Uniti. “Ad esempio, la sostituzione del 3% di proteine ​​dell’uovo o proteine ​​della carne rossa con proteine ​​vegetali come cereali integrali o cereali ha portato a un’associazione protettiva contro la mortalità globale”, ha detto Huang. 

Per questo studio, il team di Huang ha analizzato i dati dietetici di oltre 237.000 uomini e 179.000 donne riuniti tra il 1995 e il 2011 nell’ambito di uno studio a lungo termine sui modelli alimentari e sulla salute.

Le proteine ​​costituivano circa il 15% della dieta quotidiana delle persone, con il 40% proveniente da piante e il 60% da animali.

Vedi anche:Una dieta ricca di proteine ​​può aumentare leggermente il rischio di insufficienza cardiaca

Durante 16 anni di follow-up, è emerso un modello in cui l’assunzione di proteine ​​vegetali sembrava ridurre il rischio di morte precoce. Ogni 10 grammi di scambio proteico pianta-animale per 1.000 calorie ha comportato un rischio di morte inferiore del 12% per gli uomini e del 14% per le donne.

Secondo il ricercatore senior Dr. Demetrius Albanes, un ricercatore senior presso l’istituto oncologico, “I nostri dati forniscono prove a sostegno del ruolo favorevole delle diete a base vegetale nella prevenzione della mortalità per malattie cardiovascolari e che le modifiche nelle scelte delle fonti proteiche possono influenzare risultati sulla salute e longevità “.

“Ci sono molti motivi per cui la scelta delle proteine ​​vegetali rispetto alle proteine animali potrebbe aiutarti a prolungare la vita”, hanno detto i ricercatori e gli esperti.

“Le proteine ​​della carne tendono ad contenere livelli più elevati di grassi saturi, colesterolo, sodio e altri nutrienti che non sono molto buoni per la salute”, ha dichiarato Connie Diekman, consulente alimentare e nutrizionale a St. Louis e ex presidente dell’Accademia della Nutrizione e dietetica.

“Ad esempio, 30 grammi di carne rossa mescolata con pasta integrale e verdure fornirebbe molto meno grassi saturi di una bistecca”, ha detto Diekman.

“D’altro canto, le proteine ​​vegetali sono ricche di fibre, antiossidanti, vitamine e minerali”, ha affermato Kayla Jaeckel, dietista e responsabile della cura del diabete con il Mount Sinai Health System a New York City.

I ricercatori hanno anche aggiunto che potrebbe esserci qualcosa di specifico negli aminoacidi formati dalla rottura delle proteine ​​di origine animale che potrebbe far sì che le arterie diventino più rigide o si verifichi un’infiammazione. Le proteine animali potrebbero anche influenzare la salute dei batteri intestinali delle persone.

“Uno dei punti deboli dello studio è che si basava sui ricordi delle persone, poiché era stato loro chiesto di ricordare cosa avevano mangiato e di compilare un questionario”, ha detto Diekman.

Ha detto Diekman: “La combinazione di un uovo con riso integrale e verdure fornisce un apporto di nutrienti molto diverso rispetto a uova, pancetta, biscotti e salsa“.

“Questi risultati sono in contrasto con altri studi recenti che hanno dimostrato che le uova sono più sane di quanto la gente credesse da decenni”, ha detto Jaeckel. “Penso che le uova possano far parte di una dieta sana ed equilibrata“, ha aggiunto Jaeckel.

Diekman ha dichiarato: “La mia opinione sullo studio e ciò che direi ai clienti è che le prove continuano a crescere per sostenere l’importanza di consumare più alimenti vegetali e meno alimenti da animali, aumentando al contempo l’assunzione di verdure, cereali integrali e frutta”.

Lo studio è stato pubblicato online il 13 luglio su JAMA Internal Medicine.

Fonte: Medicalxpress