HomeAlimentazione & BenessereOrtoressia: quando il "mangiare sano" diventa estremo

Ortoressia: quando il “mangiare sano” diventa estremo

Immagine: Public Domain.

L’ortoressia nervosa è un disturbo alimentare caratterizzato da un’ossessione per la percepita “purezza” del cibo. Le persone con ortoressia potrebbero limitarsi a mangiare solo cibi non trasformati o biologici, escludere interi gruppi di alimenti dalla loro dieta o limitarsi a mangiare solo cibi crudi. 

La condizione va oltre la preoccupazione generale di seguire una dieta sana. Per le persone con ortoressia, il perseguimento di una dieta “perfetta” richiede una notevole quantità di tempo ed energia e interferisce con il lavoro, la scuola e le relazioni. In alcuni casi, può persino portare alla malnutrizione.

- Advertisement -

“C’è disaccordo sul fatto che l’ortoressia sia una diagnosi valida”, ha detto Jennifer Mills, psicologa clinica presso la York University di Toronto, Ontario. La condizione non è elencata nell’edizione corrente del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), la guida diagnostica ufficiale dell’American Psychological Association, che è stata aggiornata l’ultima volta nel 2013 e contiene criteri per varie condizioni psicologiche. “Alcuni esperti dicono che l’ortoressia rientra nell’ambito di altre diagnosi di salute mentale, mentre altri dicono che il riconoscimento della condizione fa sembrare le buone abitudini alimentari anormali o malsane”, ha detto Mills. Ma negli ultimi anni, la condizione ha ricevuto una crescente attenzione da parte di ricercatori e medici.

“C’è un consenso sul fatto che l’ortoressia devia da ciò che considereremmo un’alimentazione normale o ‘sana’ “, ha detto Mills. “La ricerca ha davvero evidenziato come le persone che hanno questo schema alimentare possono soffrire in modo significativo”.

Sintomi di ortoressia

“L’ortoressia differisce da una sana preoccupazione per la dieta in quanto è un’ossessione che danneggia il benessere della persona che ne soffre”, ha affermato Thomas Dunn, psicologo presso l’Università del Colorado settentrionale. “I sintomi dell’ortoressia possono essere di natura psicologica e alla fine possono manifestarsi come carenze nutrizionali che possono causare una serie di problemi di salute”, ha aggiunto. 

Le persone con ortoressia potrebbero controllare compulsivamente gli elenchi degli ingredienti e le etichette nutrizionali, dedicare ore al giorno alla pianificazione dei pasti e tagliare un numero crescente di gruppi di alimenti dalla loro dieta (ad esempio: tutti i carboidrati, tutti i latticini o tutto lo zucchero), secondo il National Eating Disorders. Questa ossessione può portare all’ansia e rendere difficile la partecipazione alle attività sociali, sia a causa delle preoccupazioni sull’adattamento delle restrizioni dietetiche sia a causa della natura dispendiosa in termini di tempo dell’ortoressia.

- Advertisement -

Le persone con ortoressia spesso lottano con l’ansia sociale e l’isolamento perché le loro diete limitate rendono difficile connettersi con gli altri in contesti sociali in cui viene servito il cibo. Questi tipi di eventi sociali possono causare angoscia quando i cibi “consentiti” di un individuo non vengono serviti. E la violazione delle regole alimentari autoimposte può causare un’ansia intensa o sensi di colpa per qualcuno con ortoressia, secondo un articolo del 2015 pubblicato sulla rivista Neuropsychiatric Disease and Treatment, che potrebbe indurre la persona a evitare del tutto le riunioni sociali.

“Nella sua forma estrema, l’ortoressia nervosa può portare un individuo a mangiare solo una manciata di cibi”, ha detto Mills. Una tale dieta può mancare di macronutrienti essenziali come grassi o carboidrati o micronutrienti come ferro o zinco. In casi estremi, la malnutrizione può portare alle stesse conseguenze potenzialmente letali dell’anoressia nervosa : anemia, osteoporosi, squilibri ormonali e battito cardiaco anormalmente lento, secondo l’articolo pubblicato su Neuropsychiatric Disease and Treatment. 

Cause di ortoressia

“Sebbene la restrizione alimentare non sia un fenomeno nuovo, l’ortoressia è in gran parte un prodotto delle tendenze culturali moderne”, ha detto Dunn. “Sappiamo da molto tempo che il consumo di cibo è restrittivo”, ha detto, “ma “le ragioni per cui le persone seguono la restrizione alimentare sono cambiate. Una crescente attenzione culturale alla salute e al benessere può contribuire alla prevalenza dell’ortoressia. Ci sono alcune prove che le persone con una carriera incentrata sulla nutrizione e la salute come i dietologi o con una carriera nell’intrattenimento come gli attori, sono a maggior rischio di sviluppare l’ortoressia rispetto alla popolazione generale”.

Anche i social media sembrano contribuire al disturbo. Uno studio del 2017 pubblicato sulla rivista Eating and Weight Disorders ha rilevato un’alta prevalenza di sintomi di ortoressia tra la comunità del “mangiare sano” su Instagram, un mix di professionisti della salute, non professionisti e influencer che creano post sulle loro diete. Più spesso un individuo utilizzava l’app (a giudicare dal numero di post), più sintomi di ortoressia aveva.

È comune per le persone con ortoressia lottare con altri disturbi di salute mentale. Avere ansia o depressione è un importante fattore di rischio per la condizione, secondo una recensione del 2019 pubblicata sulla rivista AppetiteUno studio australiano, pubblicato nel 2017 sulla rivista Eating and Weight Disorders, ha rilevato che la precedente storia di un disturbo alimentare è un forte predittore dello sviluppo di ortoressia, più forte persino del perfezionismo e dell’immagine corporea. 

Quanto è comune l’ortoressia?

Non è chiaro quanto sia comune l’ortoressia, ma gli studi suggeriscono che non discrimina in base all’età o al sesso: è distribuita tra i gruppi di età ed è ugualmente comune tra uomini e donne.

Trattamento per ortoressia

“Non esiste un metodo di trattamento concordato per l’ortoressia nervosa”, ha detto Mills. “Invece, il trattamento è solitamente adattato all’individuo. In alcuni casi, potrebbe avere senso trattare la condizione come un disturbo alimentare. Un tale approccio potrebbe comportare la terapia cognitivo comportamentale, che aiuta il paziente a identificare e sostituire pensieri e convinzioni distorte o dannose sul cibo. Se un individuo è sottopeso o malnutrito, il trattamento potrebbe anche comportare il ripristino di un peso sano e dei modelli alimentari”. 

Fonte: livescience

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...