HomeSaluteCervello e sistema nervosoNuovo test misura direttamente la perdita sinaptica nell'alzheimer

Nuovo test misura direttamente la perdita sinaptica nell’alzheimer

I ricercatori della Yale hanno testato un nuovo metodo per misurare direttamente la perdita sinaptica in soggetti con malattia di Alzheimer. Il metodo, che utilizza la tecnologia PET per la ricerca di una proteina specifica nel cervello legata alle sinapsi, ha il potenziale per accelerare la ricerca di nuovi trattamenti per l’Alzheimer, secondo i ricercatori.

Lo studio è stato pubblicato su JAMA Neurology.

La malattia di Alzheimer colpisce 5,7 milioni di americani e si prevede che il numero raggiungerà i 14 milioni entro il 2050. Ad oggi, la maggior parte della ricerca sugli effetti della malattia sul cervello è stata fatta postmortem. Per studiare nuovi trattamenti, i ricercatori hanno recentemente esplorato metodi per misurare la perdita di memoria nei pazienti viventi.

- Advertisement -

( Vedi anche:Il Big Bang dell’Alzheimer: forse la più grande scoperta fino ad oggi).

Questo è uno studio collaborativo tra i ricercatori dello Yale PET Center e Yale Alzheimer’s Disease Research Unit (ADRU) per esplorare una nuova strategia per misurare la perdita sinaptica – un indicatore stabilito di declino cognitivo. Una diminuzione delle sinapsi, le giunzioni tra le cellule nervose, si correla con il deterioramento cognitivo nei pazienti con malattia di Alzheimer.

Per quantificare la perdita sinaptica, il team di ricerca ha utilizzato una sostanza radioattiva specifica, [11C] UCB-J, che si lega a una proteina, l’SV2A, presente in quasi tutte le sinapsi. I ricercatori hanno reclutato 21 anziani con malattia di Alzheimer precoce o normale capacità cognitiva. Ciascuno è stato iniettato con [11C] UCB-J e poi scansionato con tecnologia PET ad alta risoluzione. Le scansioni hanno consentito ai ricercatori di visualizzare la “densità” sinaptica in diverse regioni del cervello.

I ricercatori hanno analizzato le scansioni, nonché i risultati della risonanza magnetica e delle valutazioni cognitive per entrambi i gruppi. Rispetto agli individui con cognizione normale, i partecipanti con malattia di Alzheimer hanno mostrato una riduzione del 41% nel marcatore SV2A in un’area del cervello associata alla memoria.

- Advertisement -

“Abbiamo scoperto che nella malattia di Alzheimer, c’è una perdita di densità sinaptica nella regione dell’ippocampo“, ha detto il primo autore Ming-Kai Chen, Professore associato di radiologia e imaging e co-Direttore medico del Centro PET .

I risultati mostrano che il test PET non invasivo può fornire una misura diretta della perdita sinaptica negli adulti con compromissione cognitiva anche lieve. “Con questo nuovo biomarker, PET imaging per SV2A, possiamo misurare la densità sinaptica nel cervello umano vivente“, ha osservato Chen.

Il team di Yale sta attualmente reclutando più partecipanti allo studio per confermare i risultati e potenzialmente utilizzare la tecnica PET per valutare i farmaci per la malattia di Alzheimer.

“Questo strumento di imaging PET viene anche utilizzato negli studi di ricerca clinica della Yale per altre malattie del cervello in cui la perdita di sinapsi è una componente critica della malattia”, ha affermato Richard Carson, co-autore e Direttore del Yale PET Center. Queste malattie comprendono il morbo di Parkinson, l’epilessia, l’abuso di droghe, la depressione e la schizofrenia.

“Una barriera critica nella ricerca dell’Alzheimer è stata l’incapacità di misurare la densità sinaptica negli individui viventi“, ha detto il Direttore di ADRU Christopher Van Dyck, “Il team del Dr. Carson ha condotto uno sforzo rivoluzionario per fornirci la valutazione in vivo della densità sinaptica nell’ alzheimer e questo successo può trasformare la nostra capacità di monitorare la patogenesi e la risposta al trattamento precoce del morbo di Alzheimer “.

Fonte: YALE News

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...