Nuovo sguardo al ruolo della ferroptosi nello sviluppo del cancro

ferroptosi

Professore della Ghent University (Belgio) e ricercatore capo presso l’Istituto di biologia e biomedicina dell’Università Lobegavsky, (UNN) Dmitri Krysko, insieme con scienziati della Germania, il Professor Marcus Conrad e il Professor Jose Pedro Friedmann Angeli, ha recentemente pubblicato un articolo sulla rivista Nature Reviews Cancro, sul ruolo della ferroptosi nello sviluppo del cancro.

Nonostante i significativi progressi nella medicina, il cancro rimane la seconda causa di morte in tutto il mondo (WHO, 2018). Uno dei principali approcci alla distruzione delle cellule tumorali, insieme all’immunoterapia del cancro, è quello di lanciare la morte cellulare attraverso chemioterapia e radioterapia. Nel loro articolo, i ricercatori hanno proposto un nuovo sguardo al ruolo della ferroptosi (un tipo di morte cellulare) nello sviluppo del cancro.

Secondo Dmitri Krysko, le cellule del cancro possono stimolare il sistema immunitario e portare all’attivazione dell’immunità antitumorale, contribuendo così al miglioramento dell’efficacia della terapia antitumorale. In questo caso, viene lanciato il cosiddetto meccanismo di morte cellulare immunogenico.

D’altra parte, secondo i dati pubblicati, le cellule tumorali che muoiono per ferroptosi possono causare la soppressione di una risposta immunitaria antitumorale, che porta allo sviluppo e alla progressione di un tumore in un corpo umano. Quindi, le cellule tumorali che muoiono per ferroptosi svolgono la duplice funzione di una “spada a doppio taglio”, dice Dmitri Krysko

La morte cellulare è un processo biologico essenziale che svolge un ruolo attivo sia nello sviluppo embrionale umano che nell’insorgenza di varie malattie. Ogni giorno, circa 100 miliardi di cellule muoiono nel corpo umano. La morte cellulare è controllata a livello molecolare, genetico e biochimico. Normalmente, le cellule morte vengono assorbite dalle cellule del sistema immunitario umano senza eccessiva attivazione del sistema immunitario.

Tuttavia, lo sviluppo di molte malattie è associato a uno squilibrio tra la morte delle cellule e la loro sopravvivenza. Una morte cellulare eccessivamente massiccia o intensiva nel corpo o un’elevata sensibilità delle cellule alla morte, può causare infiammazione e portare allo sviluppo di varie malattie neurodegenerative. È importante notare che lo sviluppo della resistenza alla morte cellulare è direttamente correlato allo sviluppo del cancro e alla conseguente inefficacia della terapia antitumorale.

La moderna terapia antitumorale mira a scatenare la morte cellulare nelle cellule tumorali, che, quando muoriono, attivano il sistema immunitario. Negli ultimi decenni, gli scienziati di tutto il mondo hanno studiato attivamente i meccanismi molecolari della morte cellulare e l’interazione delle cellule tumorali con il sistema immunitario umano.

La ferroptosi è uno dei 12 tipi di morte cellulare regolata, scoperta solo nel 2012. La ferroptosi è diversa da altri tipi di morte cellulare regolata, come l’apoptosi e la necroptosi, ed è scatenata dal fallimento dei meccanismi di difesa antiossidante delle cellule, che porta alla perossidazione incontrollata dei lipidi della membrana cellulare e alla morte delle cellule tumorali.Le cellule tumorali che muoiono per ferroptosi emettono segnali attraverso i quali interagiscono con le cellule del sistema immunitario del corpo, il che si traduce nella soppressione della risposta immunitaria e nella progressione del tumore o nella stimolazione di una risposta immunitaria antitumorale. Questo indica la natura immunogenica della morte cellulare e porta al coinvolgimento del sistema immunitario nella lotta contro il tumore.