Nuovo approccio per il trattamento della leucemia linfoblastica acuta

leucemia linfoblastica acuta

La leucemia linfoblastica acuta è la forma più comune di cancro che colpisce i bambini e, sfortunatamente, è spesso incurabile. I ricercatori dell’Università di Zurigo e dell’Ospedale pediatrico universitario di Zurigo hanno ora trovato un modo per fermare la forza trainante dietro questo tipo di leucemia a livello molecolare e sviluppare una terapia mirata.

La leucemia linfoblastica acuta (ALL) è una forma di tumore del sangue che colpisce principalmente bambini e giovani. E’ spesso causato da un cambiamento nel materiale genetico, con due cromosomi che si fondono insieme per creare nuovi geni anomali che interrompono il sistema che controlla il normale sviluppo del sangue. Tali tipi di leucemia sono spesso estremamente resistenti e non possono essere curati con chemioterapia intensiva o trapianto di cellule staminali. Alla ricerca di nuovi modi per affrontare questo problema, un team di scienziati dell’Università di Zurigo e dell’University Children’s Hospital di Zurigo ha esaminato attentamente le cause molecolari di questo disturbo.

Le proteine ​​anomale attivano i geni nel momento sbagliato

 

Ai fini della loro indagine, i ricercatori, guidati da Jean-Pierre Bourquin e Beat Bornhauser, hanno analizzato una proteina chiamata TCF3-HLF, che è tipicamente associata a questo tipo di leucemia. Questa proteina non si presenta naturalmente; è prodotto attraverso la fusione di due cromosomi e contiene elementi di quelli che sono noti come fattori di trascrizione, che attivano la trascrizione di alcuni geni. Le analisi hanno rivelato che la proteina anomala TCF3-HLF attiva anche un’intera gamma di geni, ma lo fa nel contesto sbagliato e nel punto sbagliato del processo di sviluppo del sangue. Ciò innesca la formazione di globuli bianchi maligni e causa la leucemia. “La nostra ricerca mostra che la proteina anormale si lega a quasi 500 elementi regolatori nel materiale genetico delle cellule di leucemia umana, attivando centinaia di geni per errore”, spiega Yun Huang, autore principale dello studio.

I fattori scatenanti della leucemia sono stati calcolati usando il “gene cutter”

I ricercatori hanno anche scoperto che la proteina anormale non agisce da sola. Infatti, raccoglie più di 100 altre proteine ​​attorno ad essa, che aiutano ad attivare i geni. “Abbiamo studiato la funzione delle singole proteine ​​in questo meccanismo genetico e usato questo per identificare elementi chiave che potrebbero essere presi di mira attraverso la terapia“, spiega Huang.

Ve3di anche, Progressi nel trattamento della leucemia linfoblastica acuta pediatrica.

Lui e i suoi colleghi hanno usato il metodo CRISPR / Cas9, a volte indicato come “gene cutter”, per staccare le parti specifiche che avevano identificato. Di conseguenza, sono riusciti a trovare undici fattori critici che sono cruciali per l’accumulo di cellule del sangue anormali maligne dietro la leucemia.

La nuova sostanza uccide le cellule tumorali in modo mirato.

Uno dei componenti essenziali ora identificati è la proteina EP300, un cofattore che aumenta l’attivazione genica. Un esperimento con topi ha indicato che EP300 potrebbe essere un obiettivo molto promettente per la terapia.

Per questa indagine, i ricercatori hanno usato un nuovo tipo di sostanza chiamata A-485, che è nota per legarsi a EP300 e inibire la sua attività. Quando A-485 è stato somministrato a topi portatori di cellule di leucemia umana, le cellule maligne si sono estinte. “È quindi possibile, in linea di principio, arrestare direttamente la forza motrice fondamentale dietro questa leucemia e quindi sviluppare un tipo di terapia mirata”, afferma il leader del gruppo di ricerca Jean-Pierre Bourquin. “La cosa importante ora è costruire un quadro più completo di ciò che non funziona in modo da poter studiare il modo migliore per combinare modalità di attacco specifiche come questa.

Dato che altre forme di leucemia sono causate da meccanismi simili, è possibile identificare un denominatore comune per lo sviluppo di nuovi farmaci per combattere il cancro.

Fonte, Cancer Cell


Altri articoli su leucemia linfoblastica acuta