Nuovi indizi sull’origine e sulla progressione della sclerosi multipla

sclerosi multipla

La mappatura di un certo gruppo di cellule, note come oligodendrociti, nel sistema nervoso centrale di un modello murino di sclerosi multipla (SM), dimostra che potrebbero avere un ruolo significativo nello sviluppo della malattia. 

La scoperta può portare a nuove terapie mirate ad altre aree oltre al solo sistema immunitario. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Nature Medicine da ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia.

Due milioni e mezzo di persone in tutto il mondo vivono con la SM, tra cui circa 18.000 persone in Svezia con circa 1.000 nuovi casi all’anno. La SM si sviluppa quandoglobuli bianchi del sistema immunitario attaccano la sostanza grassa isolante nota come mielina che riveste le fibre nervose nel sistema nervoso centrale. Ciò interferisce con la corretta trasmissione dei segnali elettrici nervosi e provoca i sintomi della malattia. Il motivo per cui il sistema immunitario attacca la mielina è sconosciuto, m uno studio dei ricercatori del Karolinska Institutet mostra che le cellule che producono la mielina, gli oligodendrociti, potrebbero avere un ruolo inaspettato nello sviluppo della malattia. Gli oligodendrociti sono uno dei tipi più comuni di cellule nel cervello e nel midollo spinale.

“Il nostro studio fornisce una nuova prospettiva su come la sclerosi multipla potrebbe emergere ed evolvere”, dice Gonçalo Castelo-Branco, Professore associato presso il Dipartimento di biochimica e biofisica medica, Karolinska Institutet. “I trattamenti attuali si concentrano principalmente sull’inibizione del sistema immunitario, ma ora possiamo dimostrare che le cellule bersaglio del sistema immunitario nel cervello e nel midollo spinale, gli oligodendrociti, acquisiscono nuove proprietà durante la malattia e potrebbero avere un impatto maggiore sulla malattia di quanto si pensasse in precedenza “.

I ricercatori hanno dimostrato che un sottogruppo di oligodendrociti e le loro cellule progenitrici hanno molto in comune con le cellule immunitarie, in un modello murino di sclerosi multipla. Tra le altre proprietà, possono prendere parte alla eliminazione della mielina che è danneggiata dalla malattia, in un modo che ricorda il funzionamento delle cellule immunitarie. 

Le cellule progenitrici degli oligodendrociti possono anche comunicare con le cellule immunitarie e far cambiare il loro comportamento.

Vediamo anche che alcuni geni che sono stati identificati come quelli che causano una suscettibilità alla SM sono attivi (espressi) negli oligodendrociti e nei loro progenitori”, dice Ana Mendanha Falcão, la prima autrice dello studio condotto con  David van Bruggen, entrambi al Dipartimento di biochimica e biofisica medica al Karolinska Institutet.

“Tutto sommato, questo suggerisce che queste cellule hanno un ruolo significativo da svolgere sia nell’insorgenza della malattia che nel processo della malattia”, afferma David van Bruggen.

Lo studio è stato condotto utilizzando la tecnica recentemente sviluppata del sequenziamento dell’RNA a singola cellula che fornisce agli scienziati un’istantanea dell’attività genetica delle singole cellule e quindi con un mezzo molto più efficace per differenziare le proprietà delle singole cellule. Ciò ha permesso ai ricercatori di identificare i vari ruoli e funzioni delle diverse cellule.

Sebbene lo studio sia stato condotto in gran parte su topi, alcuni dei risultati sono stati osservati anche in campioni umani.

“Continueremo ora con ulteriori studi per accertare il ruolo svolto dagli oligodendrociti e le loro cellule progenitrici nella SM“, afferma Gonçalo Castelo-Branco. “Un’ulteriore conoscenza può eventualmente aprire la strada allo sviluppo di nuovi trattamenti per la malattia”.

Fonte, Nature

Altri articoli su sclerosi multipla