Nuove prove dimostrano che la permeabilità intestinale è collegata all’infiammazione cronica

malattia infiammatoria cronica,permeabilità intestinale

Con l’aiuto di topi geneticamente ingegnerizzati, gli scienziati del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno dimostrato che l‘aumento della permeabilità intestinale gioca un ruolo nelle condizioni infiammatorie croniche. Regolata da una proteina chiamata zonulina, l’elevata permeabilità intestinale è stata associata a una serie di condizioni croniche, tra cui l’autoimmunità, malattie metaboliche, malattie neurodegenerative e persino il cancro.

( Vedi anche:I ricercatori scoprono il grilletto molecolare della malattia infiammatoria cronica intestinale).

In un articolo pubblicato sugli Annals of New York Academy of Sciences, l’autore dello studio Craig Sturgeon, un ricercatore del Mucosal Immunology and Biology Research Center (MIBRC) al MGH e colleghi, forniscono le prove di un collegamento diretto tra l’aumento della permeabilità dell’intestino tenue e la malattia infiammatoria cronica. Essi riferiscono che topi transgenici con colite indotta che erano portatori di due copie della variante del gene zonulina, hanno sviluppato sintomi significativamente più gravi e un aumento della mortalità rispetto ai topi con colite indotta, ma senza il gene zonulina.

“Per la prima volta siamo stati in grado di dimostrare il collegamento tra permeabilità intestinale zonulina-dipendente e sviluppo di una malattia infiammatoria”, spiega Alessio Fasano, Direttore  MIBRC e autore senior dell’articolo.

“Quando abbiamo esposto questi due gruppi di topi a stress infiammatorio, i topi transgenici con la variante del gene zonulina hanno avuto un notevole aumento dell’ infiammazione del colon e della mortalità, fino al 70%,  rispetto ai topi di controllo”.

In una scoperta correlata che Fasano definisce “notevole”, il trattamento dei topi transgenici con l’ inibitore- zonulina AT1001, chiamato anche Larazotide acetato, ha completamente protetto gli animali da infiammazione del colon e dalla morte, riducendo la permeabilità dell’intestino tenue a livelli normali, nonostante la continua espressione di zonulina.

Il gruppo di Fasano ha scoperto che zonulina regola l’apertura delle giunzioni strette tra le cellule che rivestono il tratto digestivo, nel 2000 e da allora la proteina è stata oggetto di numerosi studi che implicano la permeabilità intestinale nella malattia infiammatoria cronica. Nel 2001,  presso l’Università del Maryland School of Medicine, Fasano ha sviluppato AT1001 come agente terapeutico per la malattia celiaca. L’agente bloccante la zonulina sarà sottoposto a studi clinici di fase III entro la fine dell’anno..

“L’utilizzo di questi topi transgenici ci permetterà di conoscere i meccanismi specifici zonulina-dipendenti che aumentano la permeabilità intestinale e che possono influenzare l’insorgenza della malattia, la gravità clinica e gli esiti e sarà possibile anche la prevenzione”, dice Jinggang Lan, del MIBRC e co-autore dell’articolo.

Fonte: Annals of New York Academy of Sciences

 


Altri articoli su malattia infiammatoria cronica, permeabilità intestinale