Nuova strategia per curare l’infezione da epatite B cronica

epatite B cronica

Gli scienziati del Karolinska Institutet e della Hannover Medical School hanno pubblicato due studi che forniscono informazioni su come il sistema immunitario risponde e aiuta a debellare un’infezione da epatite B dopo l’interruzione del trattamento.

I risultati dello studio offrono un quadro per future strategie di trattamento personalizzato e sono pubblicati sul Journal of Infectious Diseases e Journal of Hepatology.

L’epatite B cronica (CHB) causata dal virus dell’epatite B (HBV) colpisce 250 milioni di individui in tutto il mondo. Il virus infetta il fegato e i pazienti infetti sono a rischio di sviluppare cirrosi epatica e cancro al fegato.

Gli analoghi nucleosidici / nucleotidici (NA) sono i farmaci più comunemente usati per trattare il CHB, ma questo trattamento sopprime solo il virus e raramente porta all’eradicazione dell’infezione. Pertanto, per la maggior parte dei pazienti, questo è un trattamento che dura tutta la vita.

Il sistema immunitario si riprende in alcuni pazienti

Per questo motivo, nuove strategie di trattamento vengono continuamente valutate allo scopo di ottenere l’eliminazione dell’HBV. Si tratta di fare una interruzione del trattamento strutturato con analoghi nucleosidici / nucleotidici in pazienti che sono stati trattati  un paio di anni. Nel 20-30% dei pazienti con epatite cronica il sistema immunitario si riprende e acquisisce la capacità di combattere efficacemente il virus quando inizia a replicarsi dopo l’interruzione del trattamento.

In uno studio clinico, 15 pazienti con epatite B cronica sono stati sottoposti a una sospensione strutturata del trattamento. Prima, durante e dopo, i pazienti venivano attentamente monitorati e campioni biologici venivano continuamente raccolti per analisi successive mediante citometria a flusso. La ricerca era concentrata sulle parti del sistema immunitario che hanno la capacità di riconoscere ed eliminare le cellule epatiche infette da virus.

( Vedi anche: Epatite B: farmaco sperimentale impedisce la replicazione e uccide nuove copie del virus).

“L’interruzione del trattamento con NA aumenta significativamente la capacità delle cellule immunitarie di uccidere le cellule infettate da HBV e questa attivazione è stata anche associata alla cura funzionale nei pazienti. Per i pazienti che hanno risolto l’infezione, abbiamo anche scoperto che il sistema immunitario era meno esausto e che le cellule specifiche per il virus si sono espanse in vivo “, afferma Christine Zimmer, dottoranda presso il Dipartimento di Medicina, Huddinge, Karolinska Institutet.

Ulteriori studi sono necessari

Anche se il reclutamento dei pazienti per questo tipo di studi clinici è estremamente impegnativo, i risultati devono essere confermati da studi più ampi.

“Restano ancora molte domande a cui rispondere come l’identificazione del componente esatto del sistema immunitario necessario per ottenere una cura funzionale dell’epatite B cronica in seguito all’interruzione del trattamento NA e anche l’identificazione dei pazienti che trarranno beneficio da tale interruzione”, afferma Niklas Björkström, Physician e Professore associato presso il Dipartimento di Medicina Huddinge, Karolinska Institutet e uno dei principali autori.

Fonte: Medicalxpress