Nuova strategia per combattere i tumori solidi

tumori solidi

Un team internazionale di scienziati ha dimostrato che un anticorpo contro la proteina EphA3 che si trova nel micro-ambiente di tumori solidi, ha effetti anti-tumorali. 

EphA3 è presente negli organi normali solo durante lo sviluppo embrionale, ma è espressa nei tumori del sangue e tumori solidi e il nuovo approccio basato su un anticorpo, può essere un trattamento adatto a combattere i tumori solidi.

I ricercatori della Monash University e Ludwig Cancer Research, in Australia e KaloBios Pharmaceuticals, negli Stati Uniti, hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Cancer Research . 

Il team, guidato congiuntamente dal professor Martin Lackmann della Scuola di Scienze Biomediche  presso la Monash e il dal professor Andrew Scott del Ludwig Cancer Research, ha scoperto che, anche se le cellule tumorali non hanno questa molecola possono crescere reclutando e approfittando delle cellule di supporto-EphA3 contenute nel microambiente tumorale.

Il primo autore, il dottor Maria Vail, Monash  del Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare, ha dichiarato: “Le cellule tumorali inviano segnali alla zona circostante per avere un apporto di sangue e una base su cui diffondersi”.

“Abbiamo dimostrato che EphA3 è espressa dalle cellule staminali stromali, che sono prodotti dal midollo osseo, le cellule che formano, supportano e creano vasi sanguigni nei tumori”, ha spiegato il dottor Vail.

Il team del professor Andrew Scott a Ludwig ha introdotto cellule tumorali prostatiche umane in un modello di topo per imitare la progressione della malattia negli esseri umani. EphA3 è stata trovata nelle cellule stromali e vasi sanguigni che circondano il tumore.

I ricercatori hanno anche osservato che il trattamento con un anticorpo contro EphA3 (chIIIA4) ha rallentato in modo significativo la crescita del tumore. L’anticorpo ha danneggiato i vasi sanguigni del tumore e compromesso il micro-ambiente tumorale causando la morte delle cellule tumorali.

“Inoltre, abbiamo indagato vari altri  tumori da biopsie dei pazienti – sarcomi, melanomi e tumori della prostata, del colon, della mammella, del cervello e del polmone – e confermato l’ espressione di EphA3 sulle cellule stromali e vasi sanguigni di recente formazione”, ha spiegato il professor Scott.

“I nostri risultati indicano che il microambiente tumorale è molto importante per lo sviluppo del tumore e anticorpi monoclonali contro EphA3, sono un modo per colpire e uccidere una varietà di tumori solidi e tumori del sangue”.

Attualmente, KaloBios Pharmaceuticals sta testando l’anticorpo anti-EphA3 KB004 in un centro multi-fase I / II trial clinico a Melbourne e negli Stati Uniti in pazienti con EphA3 espresso in tumori maligni del sangue: AML, MDS e mielofibrosi.

La ricerca è stata finanziata dalla ARC, NHMRC e KaloBios Pharmaceuticals.

Fonte http://monash.edu/news/show/new-ways-to-treat-solid-tumours-with-monoclonal-antibodies


Altri articoli su tumori solidi