Nuova scoperta offre speranza per la guarigione delle ferite diabetiche

ferite diabetiche

Immagine:  Mayland Chang

I ricercatori dell’Università di Notre Dame hanno scoperto un composto che accelera la guarigione delle ferite diabetiche e che potrebbe aprire le porte a nuove strategie di trattamento. La non-guarigione delle ferite croniche sono la principale complicanza del diabete e si traduce in più di 70.000 amputazioni degli arti inferiori solo negli Stati Uniti, ogni anno. I motivi per cui le ferite diabetiche sono resistenti alla guarigione non sono pienamente compresi e ci sono agenti terapeutici limitati che possono accelerare o facilitare la loro riparazione.

Un team di ricercatori del Dipartimento di Chimica e Biochimica di Notre Dame, guidato da Mayland Chang, ha precedentemente individuato due enzimi chiamati metalloproteinasi della matrice (MMP), MMP-8 e MMP-9, nelle ferite di topi diabetici. Secondo i ricercatori, il primo enzima potrebbe svolgere un ruolo nella risposta del corpo alla guarigione delle ferite e il secondo è la conseguenza patologica della malattia, con effetti dannosi. I ricercatori hanno utilizzato l’inibitore MMP-9 denominato ND-322 che ha dimostrato di accelerare la guarigione delle ferite nei topi diabetici.

In un nuovo studio che appare sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences(PNAS), i ricercatori riferiscono della scoperta di una migliore formula di MMP-9 inibitore denominata ND-336.

“ND-336 è un sei volte più potente dell’ inibitore ND-322 e ha una selettività 50 volte maggiore verso l’inibizione di MMP-9”, ha spiegato Chang. “Al contrario, ND-322 dispone di selettività triplice verso l’inibizione di MMP-9 rispetto a MMP-8.La ricerca in corso dimostra la maggiore efficacia di ND-336 rispetto a ND-322. Abbiamo trovato che le ferite trattate con ND-336 sono  guarite in modo significativamente più veloce rispetto a quelle trattate con ND-322, grazie a una migliore selettività di ND-336 rispetto a ND-322 per quanto riguarda l’inibizione di MMP-9 su MMP-8. Nella sperimentazione abbiamo applicato l’enzima MMP-8 alle ferite di topi diabetici e abbiamo trovato che il trattamento ha accelerato la guarigione delle ferite. Abbiamo anche combinato MMP-9 inibitore ND-336 con l’enzima MMP-8 e trovato un’ulteriore accelerazione della guarigione delle ferite diabetiche “.

I ricercatori hanno scoperto che la combinazione di un inibitore selettivo di MMP-9 (una piccola molecola) e l’ applicazione di MMP-8 (un enzima) migliora  la guarigione e offre una strategia molto promettente per il trattamento delle ulcere diabetiche.

“Il composto ND-336 ha un potenziale come terapia, di accelerare o facilitare la guarigione delle ferite nei pazienti diabetici”, ha detto Chang. “Allo stesso modo, l’enzima MMP-8 potrebbe essere utilizzato per accelerare / facilitare la riparazione delle ferite diabetiche. La combinazione di una piccola molecola (ND-336) con l’enzima MMP-8 ha il potenziale per accelerare ulteriormente la riparazione di queste ferite”.

I ricercatori stanno attualmente reclutando pazienti diabetici per accertare i livelli di MMP-8 e MMP-9 nelle loro ferite. Questo studio è in stato realizzato in collaborazione con il Centro per la guarigione delle ferite dell’ Elkhart General Hospital.

Fonte: http://news.nd.edu/news/62766-new-finding-offers-hope-for-diabetic-wound-healing/

 

Altri articoli su ferite diabetiche