Home Salute Sistema Immunitario Nuova luce sulla malattia autoimmune della tiroide

Nuova luce sulla malattia autoimmune della tiroide

Immagine: Public Domain.

Gli scienziati di genetica della deCODE, una sussidiaria di Amgen e i loro collaboratori del sistema sanitario islandese, l’Università dell’Islanda e l’Istituto Karolinska in Svezia, hanno pubblicato uno studio su Nature che confronta oltre 30.000 pazienti con malattia tiroidea autoimmune proveniente dall’Islanda e dal Regno Unito con 725.000 controlli.

La malattia autoimmune della tiroide (AITD) è la malattia più comune ed è altamente ereditabile. Gli scienziati hanno scoperto 99 varianti di sequenza associate alla malattia autoimmune della tiroide e 84 di queste non erano mai state associate alla malattia in precedenza.

Una delle varianti di sequenza recentemente scoperte è in un gene che codifica per il recettore FLT3 (tirosina chinasi 3 correlata alla fms) su cellule del sangue e cellule immunitarie, ed è interessante per diverse ragioni.

In primo luogo, aumenta fortemente il rischio di malattie autoimmuni della tiroide e di altre malattie autoimmuni, sia il lupus eritematoso sistemico (LES), l’artrite reumatoide (RA) che la celiachia. Queste malattie sono tutte caratterizzate da autoanticorpi e sono più comuni nelle donne rispetto agli uomini. Inoltre, i pazienti con queste malattie sono abbastanza spesso colpiti dalla malattia autoimmune della tiroide.

Vedi anche:Due farmaci approvati per il cancro alla tiroide anaplastico

In secondo luogo, è noto che l’attivazione di mutazioni somatiche nel gene FLT3 si associa alla leucemia mieloide acuta (LMA). Pertanto, gli scienziati hanno testato se questa variante della linea germinale FLT3 influenza il rischio di LMA in quanto aumenta il rischio di malattie autoimmuni. Si è scoperto che raddoppia quasi il rischio di LMA, ma non il rischio di cancro in generale.

In terzo luogo, è abbastanza notevole che questa variante di FLT3, che si trova in un introne del gene e non influenza direttamente la sequenza di codifica, possa avere un effetto così forte sul rischio di malattia. Si scopre che la variante introduce un codone di stop in un terzo delle trascrizioni, il che si traduce in una proteina più corta priva della parte della chinasi, che è essenziale per la sua funzione.

Video: Credito: deCODE genetics Inc.

Infine, questa variante di FLT3 influenza i livelli plasmatici di molte altre proteine ​​nel corpo, in particolare il ligando di FLT3, risultando quasi il doppio del livello nei portatori. Questa coppia molecolare, il recettore FLT3 e il suo ligando, ha un ruolo chiave nello sviluppo delle cellule del sangue che sono importanti sia nella leucemia mieloide acuta che nelle risposte immunitarie. Quindi, questa variante è una perdita della mutazione della funzione che attraverso un aumento compensativo del livello del ligando, agisce come un guadagno di funzione.

“Questo rapporto descrive un nuovo gene a rischio maggiore per diverse malattie autoimmuni, scoperto attraverso uno studio a livello del genoma sulla malattia autoimmune della tiroide e su come la variante di rischio influisce sul prodotto genico, FLT3, e di conseguenza il livello del ligando al recettore FLT3 nel sangue, dimostrando così la sua importanza funzionale “, afferma il Prof. Saedis Saevarsdottir, scienziato di genetica deCODE e primo autore dell’articolo

“Le scoperte presentate in questo articolo si basano sull’applicazione sequenziale di genomica, trascrittomica e proteomica; la combinazione di queste tre omiche in modo indipendente da ipotesi fornisce un approccio straordinariamente potente allo studio delle malattie umane”, afferma Kari Stefansson, CEO di deCODE genetica e autore senior dell’articolo.

Fonte: Nature


ULTIMI ARTICOLI

Le statine riducono la gravità di COVID-19

Immagine: l'infezione da SARS-CoV-2 (verde, a sinistra) è inibita dal trattamento con 25HC (a destra). Credito: UC San Diego Health Sciences. Non ci sono trattamenti approvati...

Il trattamento con metformina è collegato al rallentamento del declino cognitivo

Immagine: Public Domain. La metformina è il trattamento di prima linea per la maggior parte dei casi di diabete di tipo 2 e uno dei...

Il fruttosio prodotto nel cervello potrebbe essere alla base dell’Alzheimer

Una nuova ricerca pubblicata dall'Anschutz Medical Campus dell'Università del Colorado propone che la malattia di Alzheimer possa essere guidata dall'iperattivazione del fruttosio prodotto nel...

Come il microbioma della madre influenza il neurosviluppo fetale

Immagine: Public Domaian. "Durante la gravidanza nei topi, i miliardi di batteri e altri microbi che vivono nell'intestino di una madre regolano i metaboliti chiave,...

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un "casco leggero" nel luglio 2019. Credito:RON...