HomeSaluteTumoriNevo gigante congenito: i trattamenti farmacologici possono farlo regredire

Nevo gigante congenito: i trattamenti farmacologici possono farlo regredire

(Nevo gigante congenito-Immagine Credito Public Domain).

Circa un bambino su 20.000 nasce con quello che viene chiamato un nevo gigante congenito, un enorme neo pigmentato che può coprire gran parte del viso e del corpo. A causa dell’aspetto del neo e del suo rischio di sviluppare successivamente un cancro della pelle, molti pazienti decidono di sottoporre i propri figli a un ampio intervento chirurgico per rimuovere l’intera lesione, che può causare cicatrici grandi e permanenti. 

I ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno recentemente creato più modelli preclinici di questa condizione e li hanno utilizzati per dimostrare che diversi farmaci possono essere applicati sulla pelle per far regredire le lesioni e un farmaco topico è anche protetto contro il cancro della pelle.

- Advertisement -

I loro risultati sono pubblicati sulla rivista Cell.

“Gli obiettivi del nostro studio erano lo sviluppo di una serie di modelli animali progettati per chiarire le caratteristiche biologiche chiave di queste lesioni e per testare trattamenti farmacologici non chirurgici sulla pelle, con l’obiettivo di far recedere le cellule del nevo, eliminando così la necessità di trattamenti chirurgici“, afferma l’autore senior David E. Fisher, MD, Ph.D., Direttore del programma sul melanoma dell’MGH Cancer Center e Direttore del Centro di ricerca sulla biologia cutanea dell’MGH.

Vedi anche:Melanoma: l’amiloide beta favorisce la diffusione

I modelli includevano topi ingegnerizzati per esprimere un gene chiamato NRAS che contiene una mutazione nota per causare la maggior parte dei nevi giganti congeniti negli esseri umani, nonché topi con innesti cutanei trapiantati contenenti nevi giganti congeniti umani. Fisher e i suoi colleghi hanno utilizzato questi modelli per analizzare le diverse fasi di questi nevi per capire meglio come si formano e si sviluppano. Inoltre, quando gli scienziati hanno utilizzato i modelli per testare applicazioni topiche di farmaci singoli o combinati che bloccano le vie di segnalazione note per essere attivate da mutazioni NRAS, hanno scoperto che alcuni dei trattamenti portavano a significative regressioni del nevo. Inoltre, un farmaco che stimola un tipo di reazione infiammatoria dopo l’applicazione topica sulla pelle ha causato la completa regressione dei nevi dopo tre trattamenti. La terapia ha anche offerto una prevenzione completa contro la formazione di tumori della pelle nei topi.

- Advertisement -

“Si spera che questi risultati preparino le basi per ulteriori perfezionamenti volti a testare direttamente tali trattamenti per la pelle su pazienti con nevi giganti congeniti”, afferma Fisher. “Questo lavoro includerà ulteriori studi sulla sicurezza, potenziali ulteriori miglioramenti dell’efficacia e una maggiore analisi dei meccanismi sottostanti. Gli obiettivi generali sono prevenire il melanoma in questi pazienti e anche evitare i problemi di deturpazione da queste lesioni”.

Fonte:Cell

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...