Home Salute Biotecnologie e Genetica Neuroscienze nel 2025: uno sguardo al futuro

Neuroscienze nel 2025: uno sguardo al futuro

Immagine: Public Domain.

Come sarà il nostro mondo nel 2025? Tanto per cominciare, il numero dei centenari sarà venti volte di più. Dal 15 al 20% della popolazione di diversi paesi sarà ottantenne.

Gli spermatozoi e gli ovuli umani potranno essere acquistati tramite Internet. Finora sono stati prodotti almeno 120.000 bambini solo negli Stati Uniti in una capsula di Petri. Siamo entrati nell’era dei bambini firmati.

. Dei 130.000 geni individuati dal Progetto Genoma Umano, almeno il 30% dirige la crescita e lo sviluppo del sistema nervoso. Il neuro-oncologo del futuro non sarà un chirurgo aggressivo e armato di coltelli, ma un dottorando in neuro-oncologia molecolare.

La scoperta della cellula staminale neurale umana adulta rivoluzionerà le opzioni di trattamento. Le cellule staminali possono essere iniettate stereotatticamente nelle aree malate, come terapia sostitutiva cellulare. La manipolazione delle cellule staminali sarà l’ultimo kit di riparazione del corpo. Il trapianto di organi può diventare ridondante. Far crescere un nuovo cervello è certamente anche al di là dei regni della fantascienza. La crescita di gruppi specifici di cellule nel cervello non lo è. Il neurologo interventista inietterà fattori di crescita capillare altamente specifici nel vaso sanguigno cerebrale trombizzato per garantire l’angiogenesi e la rivascolarizzazione per invertire gli effetti deleteri dell’ictus.

Il neurochirurgo del 2025 potrebbe essere il principale consulente nella gestione del diabete insulino-dipendente. Ciò comporterà il trapianto di isolotti di Langerhans in un serbatoio CSF.

Possiamo sostituire il nostro corpo?

La maggior parte delle parti – sì. Nervi, vasi sanguigni, ossa e cartilagine, cuore, fegato, reni possono essere rigenerati dalle cellule staminali. Gli arti protesici saranno collegati direttamente alle parti motorie del cervello. Il tessuto geneticamente modificato, coltivato in laboratorio, sarà disponibile gratuitamente. Si ritiene ora che i neurotrasmettitori possano fuoriuscire dalla sinapsi e partire per i loro viaggi praticamente ovunque. I recettori dei neurotrasmettitori sono stati trovati lontano dalle sinapsi. Il cervello è un super computer cablato o una super farmacia? Forse entrambi!

Sono state eseguite con successo craniotomie complesse sul feto di primati. Una guarigione migliore e più rapida, oltre a una riorganizzazione più rapida nelle cellule cerebrali fetali, rende la neurochirurgia fetale una proposta interessante. La diagnosi genetica prenatale sarà all’ordine del giorno. La biopsia muscolare fetale confermerà le miopatie che portano alla correzione genica. Il gene Matusalemme nella mosca della frutta aumenta la sua durata di vita del 35%. Lo identificheremo nell’umano?

La telemedicina trasporterà elettronicamente lo specialista al paziente indipendentemente da dove si trovi. Il cyberschirurgo di domani eseguirà regolarmente simulazioni avanzate prima di eseguire qualsiasi procedura. I cambiamenti elettrici a livello neuronale verranno registrati telemetricamente. Alla fine sarà compreso il loro significato fisiologico e persino cognitivo. Il terrorista del prossimo decennio non dovrà più essere in prigione. Sarà in libertà condizionale con un chip elettronico impiantato nell’amigdala.

Questo chip monitorerà continuamente l’attività elettrica. Quando si verifica anche un pensiero di natura antisociale, verrà rilevato il cambiamento nell’attività elettrica e verrà impedita l’ulteriore propagazione dell’impulso all’organo effettore. L’imaging funzionale intraoperatorio avanzato consentirà al chirurgo di resecare le lesioni dalle aree più eloquenti del cervello. La craniotomia sveglia, con il neurologo in sala che valuta gli effetti clinici della stimolazione, sarà all’ordine del giorno. Il neurochirurgo di domani sarà in grado di visualizzare il tumore attraverso la pelle intatta, il cranio, la dura madre e persino attraverso la corteccia cerebrale. Indosserà occhiali speciali attraverso i quali l’immagine MRI della lesione verrà sovrapposta tridimensionalmente mentre guarda attraverso la pelle sopra il cranio. Ciò risulterà nella scelta dell’apertura più piccola.

Le craniotomie del ventesimo secolo svaniranno gradualmente nell’oblio. Il computer nel 2025 avrà sensori di segnali biologici con software di riconoscimento del pensiero integrato. Un chip di computer non può mai raggiungere la compattezza di un neurone. Le cellule nervose coltivate in computer basati su colture / proteine ​​sostituiranno il chip di silicio. Verrà utilizzata la bioelettricità del corpo. Scariche minime da muscoli, nervi, cervello verranno amplificate 10.000 volte e inviate telemetricamente da un berretto elettronico indossato sulla testa. Il mouse elettronico avrà sensori che monitorano la frequenza cardiaca, la temperatura, la sudorazione, la tensione muscolare e la resistenza della pelle. L’impronta vocale e le immagini visive dell’utente verranno analizzate in tempo reale, per rivelare lo stato emotivo. Una voce digitale umanizzata nel computer risponderà in modo appropriato. La sensazione tattile di un’immagine sullo schermo può essere percepita semplicemente puntando e facendo clic. La farmacia del 2025 realizzerà un farmaco su misura per soddisfare il tuo profilo genetico, che è prontamente disponibile sulla tua smart card. Questa scheda conterrà anche la tua intera storia medica. L’ecografia eseguita quando eri in utero, il tuo ultimo angiogramma coronarico e l’istologia del cancro al seno di tua nonna possono essere visualizzati istantaneamente da questa scheda con un comando vocale.

Signore e signori, dove finirà tutto questo? I sistemi esperti provocheranno la morte della neurologia clinica? Molti animali selvatici potrebbero essere estinti nel 2025. E il neurochirurgo di oggi? Ebbene, sarà sicuramente una specie in via di estinzione! Molti di noi hanno paura del futuro e si aggrappano disperatamente al presente senza rendersi conto che siamo già il passato. Arthur C. Clarke una volta disse: “La tecnologia avanzata alla fine sarà indistinguibile dalla magia“. Per affrontare questa magia, ciò di cui abbiamo bisogno nel prossimo decennio è una testa matura sulle spalle dei giovani, per non lasciarsi trasportare dai gadget. 

Non dovremmo mai dimenticare che abbiamo il privilegio unico di risolvere i problemi e riparare il più grande supercomputer di tutti i tempi, il cervello umano. La scienza senza compassione è cieca; la compassione senza la scienza è zoppa. Nella nostra ansia di entrare nel terzo millennio, non dimentichiamoci mai che prima siamo guaritori e poi tecnologi.

Articolo originale pubblicato il 23 maggio 2000 in World Neurology Vol 15 No.2 da estratti della conferenza tenuta dal Prof. K. Ganapathy al 10 ° Congresso asiatico  di Neurologia tenutosi a Manila, 22 gennaio – 26, 2000.

Fonte: Neurologynews

ULTIMI ARTICOLI

Un’equazione può calcolare il rischio di trasmissione di COVID 19

Immagine: JOHNS HOPKINS UNIVERSITY. Come la famosa equazione di Drake, la disuguaglianza CAT cerca di dare un senso alle molte variabili, comprese quelle ambientali, che...

Nuovo DPCM entro domenica: anticipazioni sulle possibili misure anti COVID 19

Immagine:Public Domain. La situazione sanitaria è ormai “fuori controllo” secondo gli esperti e entro domenica potrebbe arrivare un nuovo DPCM. La situazione illustrata dal bollettino del...

Composto vegetale riduce i deficit cognitivi nella sindrome di Down

Immagine: Credit:Wikipedia Secondo uno studio condotto da ricercatori del National Institutes of Health e di altre istituzioni, il composto vegetale apigenina ha migliorato i deficit...

Nuova strategia rileva con precisione il medulloblastoma

Lo studio rivela un potenziale biomarcatore epigenetico nel liquido cerebrospinale del medulloblastoma pediatrico. Un team di scienziati della Texas A&M University, del Baylor College of...

Immunità e COVID 19: cosa sappiamo

Immgine: ALEXI ROSENFELD / GETTY IMAGE. Non è chiaro se potremmo mai raggiungere l'immunità di gregge senza un vaccino o un alto numero di morti. Stanno...