In che modo l’infezione da Zika porta alla morte del feto

Zika

Immagine: quando il tessuto placentare umano (immagine microscopica) è esposto all’interferone-β, sviluppa nodi sinciziali, che appaiono come rigonfiamenti sporgenti, non visibili nei tessuti sani. Credit: Yockey et al., Science Immunology (2018)

Una potente proteina antivirale può fungere da punto di controllo per mantenere o terminare una gravidanza, durante un’infezione da Zika.

Quando esposti al virus Zika prima della nascita, nei feti di topo con la proteina si verifica il suicidio cellulare, mentre i feti senza di essa continuano a svilupparsi.

Il risultato, pubblicato il 5 gennaio su Science Immunology, suggerisce che la proteina, un recettore coinvolto nella segnalazione delle cellule immunitarie, svolge un ruolo negli aborti spontanei e in altre complicazioni della gravidanza umana.

( Vedi anche:Nuovo composto blocca la replicazione di Zika ed altri virus).

“Il lavoro potrebbe avere implicazioni per le donne incinte infettate da Zika o per le donne con disturbi autoimmuni che stanno cercando di avere un bambino”, dice l’autore dello studio Akiko Iwasaki, un ricercatore e immunologo dell’Università di Yale e del Howard Hughes Medical Institute (HHMI).

“La gravidanza è un enorme investimento per una madre”, aggiunge il ricercatore. “Il nostro lavoro mostra come questa via di segnalazione lavori per terminare la gravidanza”.

Il virus Zika viene trasportato e trasmesso dalla zanzara Aedes aegypti e può anche essere diffuso attraverso rapporti sessuali. Gli scienziati hanno collegato le infezioni durante la gravidanza alla morte dei feti e difetti alla nascita come la microcefalia. Iwasaki e altri ricercatori hanno studiato il modo in cui le proteine ​​di segnalazione chiamate interferoni difendono il corpo dal virus.

“Gli interferoni sono uno dei più potenti fattori antivirali che il corpo genera”, afferma Iwasaki. “Quando il corpo rileva un virus, le cellule rilasciano interferoni, che preparano una rapida difesa immunitaria. Studi precedenti hanno dimostrato che topi adulti privi del recettore che lega due tipi di interferone, l’interferone-α e l’interferone-β, sono altamente suscettibili a Zika. Ma l’effetto del recettore sui feti infetti era ancora sconosciuto”.

Nel nuovo lavoro, Iwasaki e colleghi hanno accoppiato topi femmina a cui mancava il recettore con maschi che ne possedevano una copia. I topi in stato di gravidanza sono stati quindi infettati dal virus Zika. Ogni femmina portava una miscela di feti che mancavano o avevano il recettore. I feti senza il recettore avevano livelli di virus più alti di quelli con il recettore. “Questo ha senso”, dice Iwasaki, “perché se manca il recettore, non c’è effetto antivirale e il virus può replicarsi senza alcun controllo”.

Ma avere il recettore non ha garantito ai feti una buona salute. I feti con il recettore sono morti all’inizio della gravidanza. Una serie di cambiamenti strutturali e molecolari potrebbe aver portato alla morte di questi feti. Le placente avevano sviluppato vasi sanguigni sottosviluppati, la barriera tra madre e cellule fetali era anormale e i ricercatori hanno individuato prove di stress cellulare.

Iwasaki spiega che il recettore dell’interferone agisce da punto di controllo durante la gravidanza. Se il recettore rileva interferoni, può segnalare molecole che uccidono il feto in risposta. I risultati suggeriscono che la risposta dell’ospite al virus è in realtà ciò che termina la gravidanza e non il virus stesso.

Il team non può ancora dire se segnali simili avvengono in feti umani infettati da Zika. I ricercatori hanno cercato di capire in che modo gli interferoni potevano influenzare le gravidanze umane. In collaborazione con il gruppo del Carolyn Coyne presso l’Università di Pittsburgh, il team di Iwasaki ha testato l’impatto degli interferoni sulla placenta umana. Quando esposta a interferone-β, che non è tipicamente presente durante una gravidanza sana, il tessuto placentare umano ha sviluppato strutture anormali dei nodi. Precedenti studi hanno collegato queste strutture con gravidanze ad alto rischio. I ricercatori hanno ipotizzato che la segnalazione di interferone e la capacità del feto di rilevare e rispondere all’infezione potrebbero essere legati a esiti negativi della gravidanza nell’uomo.

Ora, Iwasaki vuole studiare i livelli di interferone in momenti diversi durante la gravidanza, il che potrebbe fornire indizi su come si sviluppano la microcefalia e altri importanti problemi di salute associati a Zika. ” I nostri risultati non sono specifi solo per Zika”, dice Iwasaki. “Gli interferoni  collegano le infezioni come il toxoplasma, la rosolia e l’herpes alle complicazioni della gravidanza. Siamo davvero entusiasti di vedere se lo stesso tipo di percorsi è anche coinvolto in queste infezioni” dice il ricercatore.

“Questa scoperta ha implicazioni cliniche che vanno oltre i virus”, osserva Iwasaki. “Le donne con malattie autoimmuni, come il lupus, hanno livelli più alti di interferoni di tipo I ed hanno anche problemi con le gravidanze. Se potessimo prevenire o trattare la risposta all’interferone nelle donne con queste malattie, la gravidanza potrebbe essere protetta e portatta a termine”.

Fonte: Science

Altri articoli su Zika