Migliaia di pazienti con cancro al seno potrebbero evitare la chemio

cancro al seno

Migliaia di donne con la forma più comune di carcinoma mammario in fase precoce possono essere risparmiate dalla chemioterapia con un nuovo approccio di “medicina di precisione”, secondo un nuovo studio.

I ricercatori stimano che a più di 123.000 donne negli Stati Uniti e  23.000 donne nel Regno Unito,  viene ogni anno diagnosticata una forma particolare di questa malattia. Se i risultati dello studio saranno implementati, meno di un terzo di queste pazienti avrà bisogno della chemioterapia, rispetto alla metà attuale.

“In pratica, questo significa che migliaia di donne potranno evitare la chemioterapia, con tutti i suoi effetti collaterali, pur ottenendo eccellenti risultati a lungo termine”, ha affermato il Dott. Harold Burstein, Professore associato presso la Harvard Medical School.

Per la maggior parte delle donne, l’assistenza standard comprende la chemioterapia e la terapia endocrina, in parte a causa dei benefici proporzionalmente maggiori della chemioterapia per le giovani donne.

La chemioterapia è spesso accompagnata da nausea, vomito, perdita di capelli e affaticamento a breve termine, e in rari casi da leucemia. I ricercatori sono stati in grado di separare, attraverso test genetici, le donne con maggiori probabilità di avere un cancro ricorrente e grazie a  questi test potrebbero potenzialmente risparmiarne migliaia dal trattamento con la chemioterapia.

Lo studio americano Trial Assigning Individualised Options for Treatment (Tailorx) è stato presentato in sessione plenaria alla riunione annuale dell’American Society of Clinical Oncology a Chicago.

“Stratificando questi pazienti con carcinoma mammario e scoprendo che solo quelli con il più alto rischio di recidiva devono avere una chemioterapia basata sulla loro genetica tumorale, Tailorx mostra un grande potenziale per assicurare un trattamento più delicato senza comprometterne l’efficacia”, ha detto il Prof. Arnie Purushotham, un anziano consulente clinico presso il Cancer Research UK.

I ricercatori hanno esaminato più di 10.000 donne di età compresa tra i 18 ed i 75 anni. Ognuna di queste donne era stata sottoposta a DX oncotipico, un tipo di biopsia che esamina 21 geni tumorali. Il test ha assegnato alle donne un punteggio compreso tra 0 e 100 in base alla probabilità che il cancro si ripresentasse entro 10 anni.

I ricercatori sapevano già che le donne con punteggi di 0-10 non beneficiavano della chemioterapia – circa il 17% delle donne nello studio. Al contrario, le donne con un punteggio di rischio di 26 o più (14% dello studio) hanno beneficiato della chemioterapia. Lo scopo dello studio era di valutare la maggioranza delle donne nel mezzo, con un punteggio di 11-25.

(  Vedi anche:Cancro al seno: scoperta una proteina legata alle metastasi).

Delle 10.273 donne testate, 6.711 (69%) avevano un punteggio di 11-25. Queste donne sono state assegnate in modo casuale a ricevere la terapia endocrina da solo o una combinazione di terapia endocrina e chemioterapia. I ricercatori hanno concluso che, a seconda dell’età, le donne che hanno ricevuto solo la terapia endocrina non hanno mostrato peggioramento rispetto a  quelle che sono state  trattate anche con la chemioterapia.

Significa che le donne over 50 con questo tipo di cancro e un punteggio di 0-25 non hanno bisogno di chemioterapia. Le donne di età inferiore ai 50 anni con un punteggio di 0-15 possono anche evitare il difficile trattamento.

Secondo gli autori questo studio  è stato il più grande trial di medicina di precisione mai fatto. “È una notizia fantastica che questo studio storico potrebbe ora consentire a migliaia di pazienti con cancro al seno oltre i 50 anni di non essere sottoposte a una chemioterapia estenuante”, ha detto Delyth Morgan, l’amministratore delegato di Breast Cancer Now.

“Questo è un altro passo significativo verso il trattamento personalizzato del cancro al seno e speriamo che questi risultati che cambiano la pratica, aiuteranno a perfezionare il nostro uso della chemioterapia”, affermano gli autori.

“La metà di tutti i tumori al seno è negativa al recettore ormonale, negativa per HER2 e negativa al nodo ascellare”, ha spiegato l’autore principale, il Dr.Joseph Sparano, Direttore associato della ricerca clinica presso il Cancer Center Albert Einstein e il Montefiore Health System di New York e Vicepresidente del gruppo di cooperazione oncologica orientale.

“Il nostro studio mostra che la chemioterapia può essere evitata in circa il 70% di queste donne quando il suo uso è guidato dal test, limitando così la chemioterapia al 30% che possiamo prevedere ne trarrà beneficio”.

Fornire la chemioterapia costa al servizio sanitario nazionale circa euro 4.500 per ciascun paziente. Negli Stati Uniti, la chemioterapia può costare più di 105.000 euro. Il prezzo di listino di oncotype DX è di euro 4.000 circa. La maggior parte delle compagnie di assicurazione americane copre il costo del test che non è ancor disponibile in Italia.

 

Fonte: BBC news


Altri articoli su cancro al seno