Microbiota e diabete di tipo 2: quale collegamento?

diabete di tipo 2,microbiota

Una ricerca pubblicato sulla rivista Cellular and Molecular Gastroenterology and Hepatology, ha rivelato che i batteri del microbiota possono invadere lo strato mucoso interno del colon portando allo sviluppo di malattie metaboliche, in particolare il diabete di tipo 2.

“Le alterazioni nei batteri del microbiota sono state associate a malattie metaboliche, tra cui l’obesità e il diabete di tipo 2, ma i meccanismi che inducono queste alterazioni rimangono ancora non conosciuti”, ha dichiarato il Prof. Andrew T. Gewirtz, dell’Istituto di Scienze Biomediche presso la Georgia State University.

( Vedi anche: Nuovo candidato farmaco potrebbe trattare sia il diabete di tipo 2 che la perdita di tessuto osseo).

” Precedenti studi sui topi hanno rivelato che i batteri che sono in grado di penetrare sull’epitelio potrebbero essere in grado di promuovere l’infiammazione che guida le malattie metaboliche e ora abbiamo dimostrato che questa è anche una caratteristica della malattia metabolica negli esseri umani, in particolare nei pazienti con diabete di tipo 2 “.

Per indagare se il passaggio del microbiota colonico alle cellule epiteliali dell’ospite potesse essere correlato con le caratteristiche della sindrome metabolica, Gewirtz ed i suoi colleghi hanno utilizzato la microscopia confocale per misurare la distanza dei batteri più vicini all’epitelio nelle biopsie del colon  prelevate da 42 partecipanti sottoposti a screening di routine per il cancro con colonscopia presso l’ospedale di Atlanta VA (età media, 58,1 anni).
Nel complesso, l’86% dei partecipanti era in sovrappeso, il 45% era obeso e un terzo aveva il diabete.

Dopo la pulizia standard dell’intestino, i ricercatori hanno scoperto che era possibile osservare i batteri rimanenti, quasi esclusivamente nelle regioni esterne dello strato di muco, nei partecipanti sani senza obesità o diabete , mentre nelle persone obese con diabete si trovavano batteri nel denso muco interno in prossimità dell’epitelio .
I ricercatori  hanno trovato una correlazione inversa tra la distanza epiteliale batterica e i marcatori della sindrome metabolica in tutti i pazienti, inclusi  BMI, i livelli di glucosio a digiuno e l’emoglobina A1c.

Dopo aver stratificato i partecipanti con e senza diabete, i ricercatori hanno scoperto che la distanza epiteliale batterica era quasi tre volte inferiore nei pazienti con diabete di tipo 2, anche dopo aver escluso i partecipanti con obesità.
Inoltre, hanno anche osservato che la distanza epiteliale batterica era paragonabile tra i pazienti con e senza obesità dopo aver escluso i soggetti con diabete.

I ricercatori hanno concluso che “il passaggio del microbiota è una caratteristica della disglicemia associata alla resistenza all’insulina nell’uomo” e hanno aggiunto che i loro risultati di questo studio potrebbero eventualmente contribuire a nuove strategie di trattamento e di prevenzione per la sindrome metabolica. “I dati sono impressionanti e potrebbero aver aperto un nuovo campo di indagine nella funzione metabolica e nel diabete di tipo 2”, ha dichiarato in un comunicato stampa Samuel Klein, capo della divisione di geriatria e scienze nutrizionali presso il Centro di Ricerca per la Diabete.
Secondo il comunicato stampa, sono in corso studi di follow-up per identificare i l passaggio dei batteri ed esplorare strategie di prevenzione.

Fonte:  Cellular and Molecular Gastroenterology and Hepatology


Altri articoli su diabete di tipo 2, microbiota