Mappata la potenziale diffusione del virus della febbre gialla in tutto il mondo

virus della febbre gialla

Una nuova analisi, condotta dall’Ospedale di San Michele, mostra il potenziale rischio che il virus della febbre gialla si diffonda nei centri urbani dove in precedenza non era stato osservato.

I ricercatori, guidati dal Dr. Kamran Khan, hanno mappato i percorsi mondiali attraverso i quali il virus della febbre gialla potrebbe diffondersi, analizzando i modelli globali dei viaggiatori, delle compagnie aeree, le condizioni ambientali necessarie per consentire la trasmissione del virus all’interno di una città ed i requisiti dei paesi per fornire prova della vaccinazione contro la febbre gialla al momento dell’ingresso dei viaggiatori.

Pubblicato nel Bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la ricerca non modella un particolare focolaio, ma piuttosto esamina la potenziale diffusione del virus della febbre gialla tra le città del mondo.

“Immagina un’epidemia di febbre gialla come un incendio”, ha detto il Dr. Khan, che è uno scienziato del Li Ka Shing Knowledge Institute dell’Ospedale St. Michael. “Le braci possono volare in direzioni diverse e se atterrano nel posto giusto, possono creare un altro fuoco. Abbiamo studiato i condotti globali attraverso i quali il virus della febbre gialla può diffondersi e il potenziale per nuovi focolai di febbre gialla che si verificano nelle aree urbane del mondo”.

Il team ha separato il mondo in tre tipi di luoghi: aree endemiche, luoghi in cui è stata stabilita la presenza del virus della febbre gialla; aree che sembrano adatte alla trasmissione del virus della febbre gialla, ma dove non è stata ancora stabilita la presenza e aree non endemiche in cui non vi è alcun virus della febbre gialla e l’ambiente appare inadatto perché si diffonda. La febbre gialla si diffonde attraverso il morso di una zanzara Aedes aegypti che può anche trasmettere virus come dengue, chikungunya e Zika.

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), circa il 15% delle persone che hanno la febbre gialla sviluppano gravi malattie che possono essere fatali.

Il vaccino contro la febbre gialla è la migliore protezione“, afferma il Dr. Martin Cetron, responsabile della Divisione Migrazione e Quarantena del CDC che “esorta chiunque si rechi in un paese dove circola la febbre gialla di essere vaccinato. “Il vaccino contro la febbre gialla è disponibile in un numero limitato di cliniche negli Stati Uniti e le persone con alcune condizioni mediche non dovrebbero essere vaccinate, quindi i viaggiatori dovrebbero pianificare in anticipo questa necessità”.

Alcuni paesi hanno stabilito politiche che richiedono ai viaggiatori internazionali di fornire prove della vaccinazione contro la febbre gialla al momento dell’ingresso. Il Dr. Khan e il suo team hanno preso in considerazione i paesi che necessitano di prove e che al momento non hanno assunto il provvedimento. Hanno quindi analizzato i modelli di viaggio di 1,4 miliardi di persone che volavano attraverso gli aeroporti commerciali di tutto il mondo.

“Ci sono diversi livelli di rischio a seconda di dove la persona è diretta e da dove proviene“, ha detto il Dr. Khan. “Nel mondo di oggi sempre più connesso, una delle preoccupazioni principali è che il virus della febbre gialla potrebbe essere trasportato da un viaggiatore in una città densamente popolata che ha le condizioni ambientali necessarie per supportare la sua trasmissione, dove il virus non è mai stato visto prima. La popolazione urbana non avrebbe essenzialmente alcuna immunità preesistente al virus “.

Attraverso la loro analisi, il del Dr. Khan ha scoperto che:

  • L’89 per cento dei viaggiatori in partenza dalle aree endemiche della febbre gialla verso altre aree endemiche dell teama sonotenuti a fornire prove della vaccinazione al momento dell’ingresso
  • Meno del 35 per cento dei viaggiatori in partenza da zone endemiche della febbre gialla  per le città che sembrano adatte alla trasmissione del virus della febbre gialla sono tenute a fornire la prova della vaccinazione al momento dell’ingresso
  • Meno del 25% dei viaggiatori che sono partiti da zone del mondo in cui non esiste il virus della febbre gialla per le aree endemiche del virus della febbre gialla sono tenute a fornire prove della vaccinazione al momento dell’ingresso
  • Brasile, Cina, India, Messico, Perù e Stati Uniti hanno i più alti volumi di viaggiatori che arrivano dalle aree endemiche della febbre gialla e le più grandi popolazioni che vivono in città che sembrano adatte alla trasmissione del virus della febbre gialla.

“Ora che abbiamo una visione globale di come il virus della febbre gialla può viaggiare tra le città del mondo, i paesi possono riesaminare le loro politiche per impedire l’importazione di virus della febbre gialla, proteggere i viaggiatori dall’infezione da virus e, a loro volta, impedirne l’esportazione altre parti del mondo “, ha detto il Dr. Khan. “Non possiamo supporre che se un focolaio di febbre gialla non si è mai verificato in una specifica area urbana del mondo, non si verificherà mai in futuro”.

Nel frattempo, il Dr. Khan raccomanda ai viaggiatori di mantenere la consapevolezza dei requisiti attuali per la vaccinazione contro la febbre gialla e di avere una discussione ponderata con il proprio medico sull’opportunità o meno di ricevere il vaccino contro la febbre gialla prima del viaggio.

Fonte: EurekAlert