HomeAlimentazione & BenessereMangiare sarde previene il diabete di tipo 2

Mangiare sarde previene il diabete di tipo 2

I benefici delle sarde e del pesce azzurro sono ampiamente conosciuti: i loro alti livelli di grassi insaturi aiutano a regolare i livelli di colesterolo e prevenire l’insorgenza di malattie cardiovascolari. Tuttavia, i vantaggi non finiscono qui. Uno studio condotto da Diana Diaz Rizzolo, docente e ricercatrice della Facoltà di scienze della salute dell’Universitat Oberta de Catalunya (UOC) e dell’Istituto di ricerca biomedica August Pi i Sunyer (IDIBAPS), ha scoperto che il consumo regolare di sardine aiuta a prevenirne l’insorgenza di diabete di tipo 2. I nutrienti presenti in quantità elevate nelle sardine – come taurina, omega 3, calcio e vitamina D – aiutano a proteggere da questa malattia che, secondo lo studio CIBERDEM, colpisce circa il 14% della popolazione spagnola di età superiore ai 18 anni.

“Non solo le sardine hanno un prezzo ragionevole e sono facili da trovare, ma sono sicure e aiutano a prevenire l’insorgenza del diabete di tipo 2. Questa è una grande scoperta scientifica. È facile raccomandare questo alimento durante i controlli medici ed è ampiamente accettato dalla popolazione “, ha spiegato Diana D. Rizzolo.

Ricercatori del Diabetes and Obesity Research Laboratory e del Primary Care Research Group, entrambi di IDIBAPS, l’IMIM, l’Istituto di ricerca sugli acidi grassi (EUA), l’Universitat de Barcelona, ​​CIBERDEM e il Dipartimento di Endocrinologia e Nutrizione dell’Ospedale Clinico di Barcellona, hanno partecipato alla ricerca. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Clinical Nutrition.

- Advertisement -

Vedi anche:Supplementazione di olio di pesce: non fa bene a tutti

Lo studio ha arruolato 152 pazienti di età pari o superiore a 65 anni a cui era stato diagnosticato prediabete (livelli di glucosio nel sangue tra 100-124 mg / dl) da tre diversi centri di assistenza primaria. Tutti questi pazienti sono stati sottoposti a un programma nutrizionale che ha cercato di ridurre il rischio di sviluppare la malattia, ma solo il gruppo di intervento ha aggiunto 200 grammi di sardine alla dieta ogni settimana (due scatole di sardine in olio d’oliva). Per facilitare questo consumo, e grazie alla Fondazione Alicia, questi partecipanti allo studio hanno ricevuto un elenco di ricette a base di sarde. Ai partecipanti è stato consigliato di mangiare le sarde intere, senza rimuovere le ossa, poiché queste sono particolarmente ricche di calcio e vitamina D.

Del gruppo che non includeva le sardine nella dieta, il 27% dei membri era ad alto rischio di soffrire di diabete (misurato tramite il questionario FINDRISC). Dopo un anno, il 22% si è trovato nella stessa categoria. Del gruppo che includeva le sardine nella dieta, il 37% dei membri era ad alto rischio di soffrire di diabete all’inizio dello studio. Dopo un anno, solo l’8% rimaneva a un rischio molto elevato. Sono stati osservati miglioramenti anche in altri importanti parametri biochimici, come un indice di resistenza all’insulina ridotto (HOMA-IR), aumento del colesterolo “buono” (HDL), aumento degli ormoni che accelerano la degradazione del glucosio (adiponectina) e diminuzione dei trigliceridi e della pressione sanguigna, fra gli altri.

Lo studio è stato condotto su partecipanti di età pari o superiore a 65 anni perché l’incidenza del diabete è molto più alta negli anziani che nella popolazione giovane: “Con l’avanzare dell’età, diete restrittive (in termini di calorie o gruppi di alimenti) possono aiutare a prevenire l’insorgenza del diabete. Tuttavia, il rapporto costi-benefici non è sempre positivo, come abbiamo riscontrato in altri studi “, ha affermato il Dottor Rizzolo. “Tuttavia, i risultati ci portano a credere che potremmo ottenere un effetto preventivo altrettanto significativo nella popolazione più giovane”.

- Advertisement -

Il ruolo protettivo del cibo, ma non degli integratori

Il fatto che alimenti come le sarde – che sono ricche di taurina, omega 3, calcio e vitamina D – abbiano un evidente effetto protettivo contro l’insorgenza del diabete non significa che assumere integratori di questi nutrienti da soli avrà lo stesso effetto. “I nutrienti possono svolgere un ruolo essenziale nella prevenzione e nel trattamento di tante patologie diverse, ma il loro effetto è solitamente causato dalla sinergia che esiste tra loro e il cibo in cui sono contenuti. Le sardine avranno quindi un elemento protettivo perché ricche dei suddetti nutrienti, mentre i nutrienti presi isolatamente sotto forma di integratori non funzioneranno nella stessa misura”, ha affermato Rizzolo.

I ricercatori hanno iniziato a studiare l’effetto delle sardine sul microbiota intestinale in una seconda fase dello studio, “poiché influisce sulla regolazione di molti processi biologici e dobbiamo capire se le sarde hanno avuto un ruolo in questo effetto protettivo contro il diabete di tipo 2” , ha aggiunto Rizzolo. Hanno anche avviato studi sulla modulazione dell’espressione di alcuni geni legati all’infiammazione che potrebbero avere un ruolo nell’insorgenza del diabete 2 e di varie altre malattie.

Fonte: Università di Oberta 

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...