Malattia polmonare interstiziale: gli effetti collaterali dei farmaci sui polmoni sono più diffusi di quanto pensiamo

malattia polmonare interstiziale

Malattia polmonare interstiziale: gli effetti collaterali dei farmaci sui polmoni sono più diffusi di quanto pensiamo.

Una revisione sistematica della ricerca ha rivelato che gli effetti tossici sul polmone di farmaci comunemente usati per trattare una serie di condizioni comuni, sono molto più diffusi di quanto pensiamo.

Anche se i 27 farmaci che trattano una serie di condizioni tra cui l’artrite, il cancro e il cuore hanno successo per la maggior parte dei pazienti, i medici devono essere più consapevoli dei potenziali rischi per i loro sistemi respiratori.

La ricerca è stata condotta da accademici delle Università di Manchester, Leeds e Sheffield, nonché da medici del NIHR Manchester Biomedical Research Centre, Royal United Hospitals Bath NHS Foundation Trust e Sheffield Teaching Hospitals NHS Foundation Trust e l’Organizzazione europea per la ricerca e il trattamento del cancro (EORTC).

Lo studio, che ha esaminato i dati di 6.200 pazienti e di 156 articoli, è stato pubblicato sul Journal of Clinical Medicine.

Il team fa parte di un progetto di 24 milioni di euro finanziato dall’Unione europea e dell’Iniziativa di medicina innovativa dell’industria farmaceutica europea che sta sviluppando tecniche di imaging per la gestione della malattia polmonare interstiziale indotta da farmaci (DIILD). 

Lo studio è co-guidato da EORTC e Bioxydyn Ltd, una società spin-out dell’Università di Manchester.

( Vedi anche:Prima sperimentazione clinica per la rigenerazione dei polmoni danneggiati).

Sebbene la malattia polmonare interstiziale indotta da farmaci (DIILD) possa causare difficoltà di respirazione, infiammazione e fibrosi, il rischio a volte diventa evidente solo dopo che i farmaci sono stati in uso per alcuni anni.

Lo studio ha anche rilevato che la DIILD rappresentava circa il 3-5% di tutti i casi di malattia polmonare interstiziale .

In alcuni studi sono stati riportati tassi di mortalità superiori al 50% e, nel complesso, il 25% di tutti i pazienti studiati è morto a causa di sintomi respiratori.

Gli steroidi erano il farmaco più comune usato per il trattamento della malattia polmonare interstiziale indotta da farmaci (DIILD), ma nessuno studio ha esaminato il loro effetto sull’esito.

John Waterton, Professore presso il Translational Imaging dell’Università di Manchester, era nel team di ricerca ed ha detto: “Sebbene quest’area non sia ben studiata, possiamo dire che gli effetti collaterali dei farmaci sul polmone sono molto più diffusi di quanto si pensasse in precedenzaSappiamo che colpiscono un numero considerevole di persone, motivo per cui vogliamo sviluppare migliori test di imaging per individuare eventuali problemi ai polmoni prima che diventino seri. È importante sottolineare che i pazienti possono continuare tranquillamente ad assumere i loro farmaci, ma è anche importante che i medici li monitorino e li valutino attentamente per gli effetti collaterali che possono causare nei polmoni”.

Nel team c’è anche la Dott.ssa Nazia Chaudhuri, docente onoraria presso l’Università di Manchester e medico consulente presso l’Ospedale Wythenshawe, parte del NHS Foundation Trust della Manchester University, che ha un interesse specialistico nella malattia polmonare interstiziale.

La Dr.ssa ha detto: “I medici devono essere consapevoli delle possibili tossicità polmonari e dei danni che possono essere causati da alcuni farmaci: con i nuovi farmaci immessi sul mercato si tratta di un problema crescente, ma ancora non riconosciuto e abbiamo bisogno di modi migliori per individuare questi effetti prima che possano causare danni”.

Fonte: Journal of Clinical Medicine

Altri articoli su malattia polmonare interstiziale