Home Salute Sistema Immunitario Malattia autoimmune:scoperto nuovo meccanismo di controllo

Malattia autoimmune:scoperto nuovo meccanismo di controllo

Scoperto meccanismo di controllo importante dietro malattia autoimmune .

I ricercatori della Swedish Medical University Karolinska Institutet hanno scoperto un nuovo meccanismo di controllo nel nostro sistema immunitario. La scoperta è di importanza potenziale per il trattamento di grave malattia autoimmune come la sclerosi multipla (sclerosi multipla), l’artrite reumatoide e LES (lupus eritematoso sistemico).

“Ora che abbiamo cominciato a capire i meccanismi di regolazione coinvolti in queste malattie autoimmuni, siamo fiduciosi che  nuovi trattamenti possano essere trovati”, dice Mikael Karlsson, professore associato presso il Dipartimento di Medicina presso il Karolinska Institutet di Solna. Lo studio è stato pubblicato nel periodico di grande reputazione, The Journal of Experimental Medicine.

Una componente importante della nostra difesa immunitaria è un tipo di cellula chiamata cellula B.Normalmente, il lavoro di queste cellule è di produrre anticorpi, che a loro  volta si legano  e neutralizzano  microrganismi invasivi, come batteri e virus. Nelle persone con una malattia autoimmune, spiega il dottor Karlsson, queste cellule B in realtà hanno un effetto pregiudizievole e invece di servire il corpo, si attivano  ​​contro i propri tessuti che cominciano a rompersi.

I pazienti con malattie autoimmuni LES, hanno più bassi livelli di cosiddette cellule NKT. In precedenza, non si sapeva quale ruolo queste cellule svolgono nella genesi e nello sviluppo della malattia, ora, tuttavia, il gruppo di ricerca presso KI ha dimostrato che questa carenza è un fattore patogeno contributivo.

“Abbiamo dimostrato che le cellule NKT, come le cellule B,  si attivano contro i tessuti sani, e che la mancanza di cellule NKT si traduce in una maggiore attivazione delle cellule B sbagliata”, spiega Karlsson. “Ora siamo in grado di collegare meccanicamente il difetto delle cellule NKT  alla malattia autoimmune.”

Lo studio mostra anche che le cellule NKT ostacolano direttamente  la difettosa attivazione delle cellule B. La squadra è riuscita a inibire l’attività delle cellule B i aggiungendo cellule NKT – un risultato che potrebbe un giorno portare a nuovi tipi di trattamento.

“Questo significa che i nuovi trattamenti specificamente mirati alle cellule NKT di protezione, potranno  aiutare questo i pazienti affetti da malattie autoimmuni”, conclude il dottor Karlsson.

Fonte  Journal of Experimental Medicine , 2010; 207 (5): 943 DOI:10.1084/jem.20091314

ULTIMI ARTICOLI

Confermata la trasmissione da uomo a gatto di SARS-CoV-2

Immagine: polmone di un gatto infettato da SARS CoV-2; un segnale positivo per la proteina nucleocapside (segnale verde) è stato rilevato all'interno del citoplasma dell'epitelio...

COVID-19 uccide alcune persone e lascia altre relativamente indenni. Perchè?

Immagine:Public Domain. COVID-19 uccide alcune persone e lascia altre relativamente indenni. Perché? L'età e le condizioni di salute sottostanti sono fattori di rischio, ma gli scienziati...

Dopo 40 anni, la FDA approva un nuovo tipo di terapia per l’acne

Immagine: Public Domain. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato Winlevi (crema con  clascoterone 1%) per il trattamento dell'acne nei pazienti...

Un anticorpo di prima classe progettato per prevenire la coagulazione

Immagine: Public Domain. I ricercatori della Monash University hanno progettato un nuovo anticorpo che inibisce una particolare proteina per prevenire la formazione di coaguli o...

Cancro del pancreas: la vitamina A rende più efficace il trattamento

Immagine: cellule tumorali pancreatiche coltivate in coltura, SEM. Credito: Anne Weston, Francis Crick Institute. Attribution-NonCommercial 4.0 International (CC BY-NC 4.0). Una combinazione che prevede l'aggiunta di una...