HomeSaluteSistema ImmunitarioLupus: promettente farmaco sperimentale

Lupus: promettente farmaco sperimentale

(Lupus-immagine Credit Public Domain).

Un farmaco sperimentale che ha dimostrato di trattare le eruzioni cutanee nelle persone con lupus può anche aiutare a trattare il dolore articolare correlato al lupus.

Il lupus colpisce fino a 1,5 milioni di persone negli Stati Uniti. E’ una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario del corpo si attiva contro le proprie articolazioni, pelle, cervello, polmoni, reni e vasi sanguigni.

- Advertisement -

Lo studio clinico ha dimostrato che le persone con lupus che hanno assunto Litifilimab hanno sperimentato marcate riduzioni del dolore articolare e del gonfiore rispetto alle persone che hanno assunto un placebo (o un farmaco fittizio).

Il nuovo farmaco è un anticorpo monoclonale. Queste sono molecole artificiali che mirano a proteine ​​​​specifiche sulle cellule. In questo caso, il farmaco prende di mira una proteina chiamata antigene delle cellule dendritiche del sangue 2 (BDCA2). Questa proteina si trova sulle cellule dendritiche plasmacitoidi (PDC), che producono molecole infiammatorie inclusi gli interferoni di tipo 1.

“Ci sono molte prove che l’interferone è importante nel lupus“, ha detto l’autore dello studio, il Dottor Richard Furie. È capo di reumatologia presso la Northwell Health di New Hyde Park, NY e Professore presso il Feinstein Institutes for Medical Research di Manhasset, NY

“L’anticorpo si lega a BDCA2, la proteina viene interiorizzata e la sintesi dell’interferone di tipo 1 viene interrotta“, ha spiegatoil Dr. Furie. “Litifilimab non uccide la cellula: la fa solo addormentare“.

- Advertisement -

“Il nuovo farmaco sembra anche aiutare a “raffreddare” altre proteine ​​infiammatorie coinvolte nel lupus, ma il suo effetto principale è sull’interferone di tipo 1″, ha detto Furie.

Per lo studio, 102 persone con lupus che avevano almeno quattro articolazioni dolenti e quattro gonfie hanno ricevuto una dose di 450 mg di Litifilimab o un placebo per 24 settimane. Il farmaco viene somministrato in iniezione ogni quattro settimane.

I ricercatori hanno scoperto che i pazienti che hanno assunto Litifilimab avevano meno articolazioni gonfie e dolenti rispetto alle loro controparti che hanno ricevuto il placebo.

Oltre a migliorare i sintomi articolari, il nuovo farmaco ha anche migliorato le eruzioni cutanee e ha avuto un effetto “molto robusto” su una scala che misura i sintomi e l’attività complessivi del lupus.

“Questo farmaco è indicato per le malattie della pelle e questa risposta robusta dice che è indicato anche per il lupus globale, non solo per l’artrite”, ha detto il ricercatore. Il produttore di farmaci Biogen ha sponsorizzato la sperimentazione.

Vedi anche:Lupus: individuato meccanismo molecolare indotto da stress

Ora, il nuovo farmaco passa a studi di Fase 3 più ampi, per testare la sicurezza e l’efficacia. “Quindi”, ha detto Furie, “si spera che continui la sua marcia verso l’approvazione della Food and Drug Administration statunitense. Il futuro è luminoso. C’è molto sviluppo di farmaci per il lupus e finalmente stiamo vedendo il successo”.

I risultati dello studio sono stati pubblicati l’8 settembre sul New England Journal of Medicine. A luglio, la stessa rivista ha pubblicato risultati promettenti per Litifilimab nel trattamento del lupus cutaneo.

Il Dottor Daniel Wallace, reumatologo e Professore di medicina al Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, ha scritto un editoriale che accompagna le ultime scoperte. “Il farmaco è promettente per il lupus [cutaneo] sia sistemico che cutaneo”, ha detto Wallace.

Tuttavia, le persone che hanno assunto il farmaco avevano un rischio maggiore di sviluppare l’ herpes zoster.

“Si consiglia ai pazienti di essere immunizzati con il vaccino contro l’herpes zoster prima di iniziare il trattamento con questo farmaco”, ha detto Wallace. Questa raccomandazione vale anche per un altro farmaco per il lupus che è stato approvato nell’agosto 2021 per colpire l’interferone. Sono necessari ulteriori studi prima che il Litifilimab venga approvato”, ha affermato.

Il lupus colpisce in modo sproporzionato le persone appartenenti a gruppi di minoranze razziali ed etniche e hanno anche maggiori probabilità di sviluppare un lupus grave.

Il reumatologo Dr. Jill Buyon è cautamente ottimista riguardo al nuovo farmaco e all’attuale pipeline di farmaci per il lupus. È Direttrice del Lupus Center presso la NYU Langone a New York City.

“L’artrite è un bisogno insoddisfatto nel lupus e non abbiamo avuto molto successo nel trattarla”, ha aggiunto. “Il nuovo farmaco è eccitante perché è mirato, sembra essere abbastanza efficace per l’artrite e arriva sulla scia dello studio della sua applicazione per il trattamento cutaneo”.

Si prevede che il futuro del trattamento del lupus riguarderà la medicina di precisione o trattamenti abbinati alle persone in base a caratteristiche molto specifiche della loro malattia.

“Stiamo ora cercando meccanismi che saranno sempre più specifici in modo da poter utilizzare per la prima volta la medicina di precisione nel lupus“, ha aggiunto.

Fonte:New England Journal of Medicine 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...