HomeAlimentazione & BenessereL'uovo in polvere è adatto come integratore alimentare?

L’uovo in polvere è adatto come integratore alimentare?

(Uovo e malnutrizione-Immagine:Dr. Philip Pirkwieser nel laboratorio di analisi. Credito: LSB).

La malnutrizione è una sfida chiave non solo nei paesi africani. Come mostra uno studio internazionale pubblicato su Frontiers in Nutrition guidato da Veronika Somoza, l’uovo in polvere è un alimento con un grande potenziale per migliorare la situazione nutrizionale dei bambini nelle aree svantaggiate.

Rispetto alle uova intere pastorizzate, la polvere contiene quantità inferiori di acidi grassi essenziali, ma fornisce comunque molte vitamine, aminoacidi indispensabili e importanti oligoelementi. Inoltre, ha una lunga durata senza conservanti aggiuntivi, è facile da trasportare su lunghe distanze ed è semplice da preparare.

- Advertisement -

Secondo il Ministero Federale tedesco dell’alimentazione e dell’agricoltura, più di 250 milioni di persone nella sola Africa sono denutrite. I neonati e i bambini sono particolarmente colpiti. “Gli studi dimostrano che l’aggiunta di un uovo al giorno al cibo complementare può aiutare a ridurre del 74% l’incidenza del sottopeso nei bambini più grandi, oltre a contrastare il cosiddetto effetto ‘arresto della crescita’”, afferma Veronika Somoza, direttrice dell’Istituto Leibniz per la Biologia dei Sistemi Alimentari presso l’Università Tecnica di Monaco di Baviera (LSB).

Uovo in polvere come alternativa a basso costo

Nelle zone in cui la malnutrizione fa parte della vita quotidiana, invece, le uova sono difficilmente disponibili. L’uovo in polvere potrebbe quindi essere un’alternativa. Grazie al suo contenuto d’acqua minimo, ha una durata di conservazione significativamente più lunga e una densità di nutrienti relativamente elevata. Inoltre, è più facile da conservare e trasportare rispetto alle uova e può essere facilmente aggiunto al cibo. Questo lo rende interessante come potenziale integratore alimentare.

Nonostante il suo diffuso uso industriale, si sa poco della sua qualità nutrizionale. Per colmare questa lacuna di conoscenze, il team guidato da Veronika Somoza ha condotto un ampio studio comparativo. Utilizzando metodi di analisi chimica degli alimenti all’avanguardia, gli scienziati hanno determinato i profili nutritivi di tre lotti ciascuno di uova intere pastorizzate e prodotte industrialmente e uova in polvere lavorate e li hanno confrontati sulla base della sostanza secca.

Uovo in polvere non contaminato da metalli pesanti

- Advertisement -

“Come hanno mostrato le nostre analisi, il processo di essiccazione non ha portato ad un accumulo di metalli pesanti cadmio, piombo, arsenico e mercurio”, riferisce Philip Pirkwieser, Ph.D. chimico presso LSB e autore principale dello studio. Inoltre, il team di ricerca ha osservato una perdita minima o nulla di grasso totale, contenuto di aminoacidi essenziali, importanti oligoelementi o carotenoidi. Allo stesso modo, le concentrazioni di vitamina E (alfa e gamma-tocoferolo) e vitamina B12 sono rimaste quasi costanti. Tuttavia, i livelli di vitamina A (retinolo) sono diminuiti del 14%. La quantità di acidi grassi vitali omega-6 e omega-3 è persino diminuita significativamente in media rispettivamente del 39% e del 61%.

Vedi anche:Le uova: una ricca fonte di benefici per la salute

Nonostante la piccola perdita di retinolo, l’uovo in polvere è una preziosa fonte di vitamina A. In particolare le regioni dell’Africa subsahariana potrebbero trarne vantaggio. Questo perché la carenza di vitamina A è diffusa lì e porta a un’elevata prevalenza di problemi di vista”. spiega Veronika Somoza.

Un’assunzione giornaliera di uovo in polvere equivalente a un uovo di media grandezza è sufficiente a coprire il 24% del fabbisogno giornaliero di vitamina A di un bambino, il 100% di vitamina E, il 61% di selenio e il 22% di zinco, a seconda dell’età. Questo è positivo. “Se fosse possibile aumentare il contenuto di acidi grassi essenziali e vitamina A, le grandi potenzialità dell’uovo in polvere come integratore alimentare potrebbero essere sfruttate appieno”, prosegue il Drettore di LSB. Un modo per raggiungere questo obiettivo potrebbe essere attraverso il mangime per polli arricchito con questi acidi grassi e vitamine.

Fonte:Frontiers in Nutrition 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...