Home Salute Virus e parassiti L'Italia riporta 475 decessi per coronavirus SARS-CoV-2 in un solo giorno

L’Italia riporta 475 decessi per coronavirus SARS-CoV-2 in un solo giorno

Immagine: impatto del coronavirus, strada del centro vuota Torino, Italia – marzo 2020. Credito di immagine: MikeDotta / Shutterstock
L’Italia è alle prese con la pandemia da SARS-CoV-2 che ha devasta il paese dal mese di  febbraio. In appena un mese, il numero di casi ha raggiunto oltre 35.000. Nelle ultime 24 ore, l’Italia ha segnalato 475 decessi , aumentando il bilancio delle vittime fino a raggiungere l’incredibile cifra di 2.978, a pochi numeri dal bilancio della provincia di Hubei, l’epicentro della pandemia da cui ha origine il virus. E’ il più alto numero di decessi correlati al coronavirus di qualsiasi nazione dall’inizio dell’epidemia. In Cina, il bilancio delle vittime più alto ha registrato il 23 febbraio, 150 decessi.
I casi confermati in Italia ora ammontano a 35.713, in aumento del 13 percento rispetto al giorno precedente. Attualmente, ci sono 28.710 persone infette, di cui 14.363 sono ricoverate in ospedale con sintomi, 2.257 sono in terapia intensiva, mentre 12.090 sono isolati nelle loro case. L’Italia è ancora bloccata ed è il primo paese occidentale a imporre severe restrizioni ai movimenti per contenere la malattia.
Ma il provvedimento è arrivato troppo tardi?
L’Italia ha imposto i primi blocchi intorno al 21 febbraio, estendendoli a undici comuni in Lombardia, la regione settentrionale del paese più colpita. . Sebbene ai residenti fosse ancora permesso di lasciare le loro case per acquistare cibo e medicine, il governo ha chiuso scuole e luoghi di lavoro, mentre le riunioni di massa non erano consentite. Durante questo periodo, il numero di casi confermati ha superato 1.000 e ci sono stati 29 decessi. Una settimana dopo i primi blocchi, l’8 marzo il primo ministro italiano Conte ha dichiarato un blocco di tutto il nord Italia che ha interessato 16 milioni di residenti. Nonostante il blocco, che ha comportato il divieto di eventi e funerali e l’imposizione di un allontanamento sociale, le persone sono state autorizzate a viaggiare su treni e aerei, purché avessero una prova delle esigenze lavorative, dei motivi di salute e delle emergenze. I turisti nella regione erano ancora autorizzati a lasciare la zona. Il giorno successivo, tuttavia, l’Italia ha annunciato un blocco totale dell’intero paese a causa della rapida diffusione del virus anche in altre regioni. Il paese aveva segnalato quasi 6.000 casi in quel momento. Oggi, gli Ospedali e le Unità di terapia intensiva sono a rischio di non poter accogliere tutti i malati.
Situazione globale
La pandemia di coronavirus (COVID-19) si è diffusa in tutto il mondo, colpendo 157 di 195 paesi e toccando tutti i continenti tranne l’Antartide. “Più di 200.000 casi di COVID-19 sono stati segnalati all’OMS e più di 9000 persone hanno perso la vita. “Oltre l‘80% di tutti i casi proviene dal Pacifico occidentale e dall’Europa. Sappiamo che molti paesi ora affrontano epidemie crescenti e si sentono sopraffatti “, ha dichiarato il Dr. Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS, in una nota.
Finora, ci sono 218.809 casi confermati di COVID-19 e 8.810 decessi correlati all’infezione virale. L’Italia ha il maggior numero di casi al di fuori della Cina, seguita dall’Iran con 17.361 casi, la Spagna con 14.769 casi, la Germania con 12.327 casi, gli Stati Uniti con 9.410 casi, la Francia con 9.0524 casi e la Corea del Sud con 8.565 casi. Altri paesi europei restano indietro con migliaia di infezioni, rendendo il continente il nuovo epicentro dell’epidemia.
Per arginare la vasta diffusione in corso del virus, l’OMS sottolinea l’importanza delle misure precauzionali contro il virus. È essenziale non dare per scontato che la propria comunità o il proprio paese non ne saranno interessati. 
Non dare per scontato che la tua communità non sarà interessata. Preparati come se lo fosse. Non dare per scontato che non sarai infetto. Preparati come se lo fossi. Ma c’è speranza. Ci sono molte cose che tutti i paesi possono fare ”, ha esortato il Dr. Tedros. Ha affermato che le misure di allontanamento fisico o sociale potrebbero aiutare a ridurre la trasmissione del virus, la cancellazione di eventi significativi come concerti, grandi raduni, eventi sportivi, matrimoni e feste. Inoltre, le chiusure scolastiche possono anche aiutare a ridurre la diffusione del virus. Tutte queste misure possono ridurre l’onere per il sistema sanitario. Inoltre, l’OMS ha aggiunto che, al fine di sopprimere e controllare le epidemie, i paesi dovrebbero isolare, testare, trattare e rintracciare.
- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Glaucoma: invertita la perdita della vista legata all’età

ll glaucoma è una malattia oculare correlata generalmente a una pressione dell’occhio troppo elevata. Secondo l’OMS ne sono affette circa 55 milioni di persone...

Vaccino COVID 19 in Italia da Gennaio

Le prime dosi del vaccino COVID 19 di Pfizer-BioNTech sono in viaggio verso l’Europa tramite voli cargo dagli Stati Uniti. I voli charter della...

Vaccino COVID 19: Pfizer fa domanda per approvazione

Pfizer e BioNTech hanno chiesto l'approvazione del loro vaccino contro il coronavirus COVID 19 all'EMA. Le aziende farmaceutiche hanno già richiesto l'autorizzazione negli Stati Uniti...

Vaccino COVID 19: a che punto siamo?

Vaccino COVID 19: a che punto siamo? I ricercatori di tutto il mondo stanno cercando di sviluppare vaccini sicuri ed efficaci contro SARS-CoV-2, il...

Cancro: accorciamento dei telomeri protegge dal rischio

Cancro/telomeri.Immagine:Telomeri umani (verdi) alle estremità dei cromosomi (blu). Credito: Rockefeller University. L'accorciamento dei telomeri protegge dalla rischio di sviluppare il cancro, secondo uno studio dei ricercatori...