HomeAlimentazione & BenessereL'idratazione può influire sulla funzione cognitiva negli anziani

L’idratazione può influire sulla funzione cognitiva negli anziani

Non bere abbastanza acqua è sufficiente per farti sentire spento o avere mal di testa, ma un nuovo studio del Penn State suggerisce che potrebbe anche influire sulle prestazioni cognitive. I ricercatori hanno studiato se i livelli di idratazione e l’assunzione di acqua tra gli anziani fossero correlati con i loro punteggi in diversi test progettati per misurare la funzione cognitiva. Hanno scoperto che tra le donne, livelli di idratazione più bassi erano associati a punteggi più bassi in un compito progettato per misurare l’attenzione sostenuta e la memoria di lavoro. Non hanno trovato lo stesso risultato per gli uomini.
I risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Nutrition.
“Lo studio ci fornisce indizi su come l’idratazione e le relative abitudini di consumo di acqua si collegano alla cognizione negli adulti più anziani”, ha affermato Hilary Bethancourt, un ricercatore post-dottorato sulla salute bio-comportamentale e primo autore dello studio. “Questo è importante perché gli adulti più anziani già affrontano un aumentato rischio di declino cognitivo con l’avanzare dell’età e spesso hanno meno probabilità rispetto agli adulti più giovani, di soddisfare le raccomandazioni quotidiane sull’assunzione di acqua”.
Asher Rosinger, Professore presso Ann Atherton Hertzler in Global Health, ha affermato che i ricercatori hanno trovato risultati simili quando i partecipanti erano iperidratati.
“Abbiamo trovato una tendenza che suggerisce che l’iperidratazione potrebbe essere altrettanto dannosa per le prestazioni cognitive quanto la disidratazione per gli adulti più anziani”, ha detto Rosinger.
I ricercatori sospettano da tempo che la disidratazione possa avere un effetto sulle prestazioni cognitive. Tuttavia, studi precedenti si sono ampiamente concentrati su persone giovani e sane che sono disidratate dopo l’esercizio fisico e / o che sono disidratate a causa del caldo. Bethancourt ha affermato che, poiché l’esercizio fisico e le temperature ambientali e corporee elevate possono avere i propri effetti indipendenti sulla cognizione, lei e gli altri ricercatori erano interessati agli effetti dello stato di idratazione quotidiano in assenza di esercizio fisico o stress da calore, in particolare tra adulti più anziani.
“Con l’avanzare dell’età, le nostre riserve idriche diminuiscono a causa della riduzione della massa muscolare, i nostri reni diventano meno efficaci nel trattenere l’acqua e i segnali ormonali che scatenano la sete e motivano l’assunzione di acqua diventano smussati”, ha detto Bethancourt. “Pertanto, abbiamo ritenuto che fosse particolarmente importante esaminare le prestazioni cognitive in relazione allo stato di idratazione e all’assunzione di acqua negli adulti più anziani che possono essere regolarmente disidratati”.
Per lo studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati di un campione rappresentativo nazionale di 1271 donne e 1235 uomini di età pari o superiore a 60 anni. I dati sono stati raccolti dal sondaggio sull’esame della nutrizione e della salute. I ricercatori hanno calcolato lo stato di idratazione dei partecipanti in base alle concentrazioni di sodio, potassio, glucosio e azoto ureico nel sangue dei partecipanti. L’assunzione totale di acqua è stata misurata come liquido e umidità combinati da tutte le bevande e gli alimenti.
I partecipanti hanno anche completato tre attività progettate per misurare diversi aspetti della cognizione.
Un compito finale ha misurato la velocità di elaborazione, l’attenzione sostenuta e la memoria di lavoro
Una volta che abbiamo tenuto conto dell’età, dell’istruzione, delle ore di sonno, del livello di attività fisica e dello stato del diabete e abbiamo analizzato i dati separatamente per uomini e donne, le associazioni con lo stato di idratazione e l’assunzione di acqua sono diminuite”, ha detto Bethancourt. “Una tendenza verso punteggi più bassi nel test dei simboli numerici tra le donne che sono state classificate come sottoidratate o iperidratate è stata la scoperta più importante che è rimasta dopo che abbiamo tenuto conto di altri fattori influenti“.
Bethancourt ha affermato che, poiché i dati erano trasversali, non possono essere sicuri se i livelli di idratazione non ottimale possano causare un deterioramento cognitivo o se le persone con cognizione compromessa hanno solo maggiori probabilità di essere sotto-o iperidratate. I ricercatori non erano inoltre sicuri del motivo per cui non riuscivano a vedere le stesse associazioni tra gli uomini. Tuttavia, i risultati sollevano domande interessanti.
È  interessante il fatto che anche se il test di attenzione, velocità di elaborazione e memoria di lavoro ha richiesto solo pochi minuti, è stato quello più fortemente associato a livelli di idratazione più bassi”, ha detto Bethancourt. “Altre ricerche hanno similmente suggerito che l’attenzione potrebbe essere uno dei domini cognitivi più colpiti dallo stato di idratazione.
Rosinger ha affermato che i risultati suggeriscono che gli adulti più anziani potrebbero dover prestare molta attenzione al loro stato di idratazione, sia consumando abbastanza liquidi per evitare la disidratazione sia garantendo un adeguato equilibrio elettrolitico per evitare l’eccessiva idratazione.
“Poiché gli adulti più anziani potrebbero non avere sete quando il loro corpo sta raggiungendo uno stato di disidratazione e possono assumere diuretici che possono aumentare l’escrezione di sale, è importante che sia gli adulti più anziani che i loro medici comprendano meglio i sintomi della ipo e della iperidratazione”, ha detto Rosinger.
Anche W. Larry Kenney, Marie Underhill Noll Chair in Human Performance e David M. Almeida, Professore di sviluppo umano e studi familiari, hanno partecipato a questo lavoro.

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...