Leucemia linfoblastica acuta pediatrica, scoperto marcatore genetico predittore della recidiva

leucemia linfoblstica acuta

 Immagine, da sinistra a destra: Megan Foley, XiaoLu Jin, Jean Latimer; Back Row: Omar Ibrahim, Amanda Arcila, Abdullah Alhamed, Stephen Grant. Credito Nova Southeastern University.

I ricercatori della Nova Southeastern University (NSU) hanno recentemente scoperto che nella leucemia linfoblastica acuta pediatrica,  testando il livello di espressione del gene NER (nucleotide excision repair), si può determinare la probabilità di recidiva precoce (meno di tre anni).

Questa è una scoperta fondamentale perché i livelli di espressione genica di NER possono ora aiutare a guidare i medici nel trattamento appropriato mirato alla malattia di ciascun paziente.

LLA è il cancro infantile più comune. Il trattamento è migliorato notevolmente grazie dell’evoluzione dei metodi di determinazione dei fattori di rischio e dell’analisi genetica. I tassi di sopravvivenza a cinque anni sono aumentati notevolmente dal 57% nel 1975 – 1977 al 92% nel 2006 – 12.

 Tuttavia, gli attuali regimi chemioterapici genotossici sono ancora estremamente debilitanti.

Vedi anche Due geni cooperano per lo sviluppo della leucemia linfoblastica acuta.

“La nostra ricerca ha trovato una correlazione tra alti livelli di espressione di NER e recidiva precoce della LLA nei pazienti recidivanti”, ha detto Jean Latimer, Direttore  NSN AutoNation Institute for Breast e Solid Tumor Cancer Research e Professore associato e ricercatore oncologo nel College of Pharmacy della NSU. “Essere in grado di identificare i pazienti con il più alto rischio di recidiva precoce che non sono rilevabili utilizzando le attuali misure cliniche e quindi trattarli con una terapia mirata, è cruciale per superare il cancro”.

Questo è fondamentale, secondo la ricerca recentemente pubblicata sulla rivista peer-reviewed, BMC Medical Genomics, perché mentre LLA è molto più trattabile rispetto al passato, il tasso di sopravvivenza dopo la ricaduta è scarso.

“Essendo in grado di prevedere con precisione se il tumore di un bambino rischia di ripresentarsi in anticipo o meno, potremmo anche risparmiare a molti bambini che hanno bassi livelli di NER, i regimi di chemioterapia più tossici”, ha affermato Latimer.

Fonte, Nova Southeastern University

Altri articoli su leucemia linfoblstica acuta