Schizofrenia: il legame tra dopamina e allucinazioni non è più un mistero

schizofrenia

I ricercatori della Columbia University Irving Medical Center (CUIMC) e New York State Psychiatric Institute (NYSPI) hanno scoperto che le persone con schizofrenia che provano allucinazioni uditive tendono a sentire ciò che si aspettano. Le persone con allucinazioni e altri sintomi psicotici sono note per avere livelli elevati di dopamina, la principale area di interesse per i trattamenti disponibili per la psicosi, ma non è chiaro come ciò possa portare ad allucinazioni.

I ricercatori hanno scoperto che l’aumento della dopamina potrebbe fare in modo che alcuni pazienti facciano più affidamento sulle aspettative, il che potrebbe provocare allucinazioni.

I risultati, pubblicati recentemente su Current Biology, spiegano perché i trattamenti mirati alla produzione di dopamina potrebbero contribuire ad alleviare questa condizione.

( Vedi anche:La schizofrenia ha origine all’ inizio della gravidanza).

“Il nostro cervello utilizza esperienze precedenti per generare aspettative sensoriali che aiutano a colmare le lacune quando i suoni o le immagini sono distorti o poco chiari”, ha detto Guillermo Horga, Assistente Professore di psichiatria clinica presso la CUIMC e ricercatore psichiatra presso il NYSPI. “Negli individui con schizofrenia, questo processo sembra essere alterato, portando a distorsioni percettive estreme, come sentire voci che non ci sono. Inoltre, mentre tali allucinazioni sono spesso trattate con successo da farmaci antipsicotici che bloccano la neuramina neurotrasmettitore in una struttura cerebrale nota come striato, la ragione di questo successo è rimasta un mistero poiché questo neurotrasmettitore e la regione del cervello non sono tipicamente associate all’elaborazione sensoriale”.

I ricercatori hanno progettato un esperimento che induce un’illusione uditiva sia nei partecipanti sani che nei partecipanti con schizofrenia. Hanno esaminato come costruire o abbattere le aspettative sensoriali può modificare la forza di questa illusione ed hanno anche misurato il rilascio di dopamina prima e dopo la somministrazione di un farmaco che stimola il rilascio di dopamina.

I pazienti con allucinazioni tendevano a percepire i suoni in un modo che era più simile a quelle che erano le loro aspettattive. Questa tendenza ad ascoltare inflessibilmente ciò che ci si aspettava era peggiorata dopo aver somministrato un farmaco che rilasciava dopamina e più pronunciata nei partecipanti con un rilascio di dopamina più elevato e più evidente nei partecipanti con un cingolato dorsale anteriore più piccolo.

“Tutte le persone hanno delle distorsioni percettive, ma questi risultati suggeriscono che l’eccesso di dopamina può esacerbare le nostre percezioni distorte“, ha detto il Dr. Horga. “Le nuove terapie dovrebbero mirare a migliorare l’elaborazione delle informazioni i mirando al sistema della dopamina o ai percorsi a valle associati alla modulazione dell’elaborazione percettiva, che probabilmente include la corteccia cingolata anteriore dorsale“.

Fonte: Cell


Altri articoli su schizofrenia