Home Salute Tumori Le statine possono ridurre il rischio di cancro

Le statine possono ridurre il rischio di cancro

Immagine:Credito: Pixabay / CC0 Public Domain.

I farmaci per abbassare il colesterolo chiamati statine possono ridurre il rischio di cancro negli esseri umani attraverso un percorso non correlato al colesterolo, afferma uno studio pubblicato oggi su eLife.

Le statine riducono i livelli di colesterolo LDL, il cosiddetto colesterolo “cattivo”, inibendo un enzima chiamato HMG-CoA reduttasi (HMGCR). Studi clinici hanno precedentemente trovato prove convincenti che le statine riducono il rischio di attacchi di cuore e altre malattie cardiovascolari. Ma le prove del potenziale effetto delle statine per ridurre il rischio di cancro sono meno chiare.

“Precedenti studi di laboratorio hanno suggerito che i lipidi, compreso il colesterolo, svolgono un ruolo nello sviluppo del cancro e che le statine inibiscono lo sviluppo del cancro“, spiega l’autore principale Paul Carter, Cardiology Academic Clinical Fellow presso il Department of Health and Primary Care, University of Cambridge, UK. “Tuttavia, nessuno studio è stato progettato per valutare il ruolo delle statine per la prevenzione del cancro nella pratica clinica. Abbiamo deciso di valutare il potenziale effetto della terapia con statine sul rischio di cancro utilizzando prove dalla genetica umana”.

Vedi annche:Le statine riducono la gravità di COVID-19

Per fare ciò, Carter e il team hanno studiato varianti genetiche che imitano l’effetto delle statine utilizzando una tecnica nota come randomizzazione mendeliana nella UK Biobank, un ampio studio di residenti nel Regno Unito che traccia la diagnosi e il trattamento di molte malattie gravi. La randomizzazione mendeliana valuta le associazioni tra i livelli geneticamente previsti di un fattore di rischio e l’esito di una malattia, al fine di prevedere la misura in cui quel fattore di rischio causa l’esito. Ad esempio, può confrontare il rischio di cancro in pazienti che ereditano una predisposizione genetica a livelli di colesterolo alti o bassi, al fine di prevedere se l’abbassamento dei livelli di colesterolo ridurrà il rischio di cancro. Questo studio è la prima analisi randomizzata mendeliana di sottotipi lipidici per una serie di tumori in tutto il corpo umano.

Il team ha ottenuto associazioni di varianti genetiche correlate ai lipidi con il rischio di cancro complessivo e 22 tipi di cancro per 367.703 individui nella biobanca del Regno Unito. In totale, 75.037 di questi individui hanno avuto un evento di cancro.

La loro analisi ha rivelato che le varianti nella regione del gene HMGCR, che rappresentano proxy per il trattamento con statine, erano associate al rischio complessivo di cancro, suggerendo che le statine potrebbero ridurre il rischio complessivo di cancro. È interessante notare che le varianti nelle regioni geniche che rappresentano altri trattamenti per abbassare il colesterolo che funzionano in modo diverso dalle statine non erano associate al rischio di cancro e il colesterolo LDL geneticamente previsto non era associato al rischio di cancro generale.

“Presi insieme, questi risultati suggeriscono che l’inibizione dell’HMGCR con le statine può aiutare a ridurre il rischio di cancro“, dice Carter. “Questo effetto può operare attraverso altre proprietà delle statine, incluso lo smorzamento dell’infiammazione o la riduzione di altre sostanze chimiche prodotte dallo stesso meccanismo cellulare che sintetizza il colesterolo”.

Nonostante l’ampio campione di oltre 360.000 partecipanti e l’ampia serie di risultati analizzati in questo studio, il team aggiunge che ci sono una serie di limitazioni a questo lavoro. Ad esempio, per molti tipi di cancro, non c’erano sufficienti eventi di esito necessari nell’analisi per escludere la possibilità di effetti causali moderati.

“Sebbene ci siano prove a sostegno della nostra ipotesi che le varianti genetiche in regioni geniche rilevanti possano essere utilizzate come proxy per interventi farmacologici, i nostri risultati dovrebbero essere considerati con cautela fino a quando non saranno confermati negli studi clinici. Tuttavia, il nostro lavoro evidenzia che l’efficacia delle statine deve essere urgentemente valutato da ampi studi clinici per un potenziale utilizzo nella prevenzione del cancro “, afferma l’autore senior Stephen Burgess, Group Leader presso l’unità di biostatistica del Medical Research Council, parte dell’Università di Cambridge. “Sebbene le statine abbiano alcuni effetti negativi, i nostri risultati ponderano ulteriormente l’equilibrio a favore di questi farmaci riducendo il rischio di malattie gravi”.

Fonte: eLife

ULTIMI ARTICOLI

Un’equazione può calcolare il rischio di trasmissione di COVID 19

Immagine: JOHNS HOPKINS UNIVERSITY. Come la famosa equazione di Drake, la disuguaglianza CAT cerca di dare un senso alle molte variabili, comprese quelle ambientali, che...

Nuovo DPCM entro domenica: anticipazioni sulle possibili misure anti COVID 19

Immagine:Public Domain. La situazione sanitaria è ormai “fuori controllo” secondo gli esperti e entro domenica potrebbe arrivare un nuovo DPCM. La situazione illustrata dal bollettino del...

Composto vegetale riduce i deficit cognitivi nella sindrome di Down

Immagine: Credit:Wikipedia Secondo uno studio condotto da ricercatori del National Institutes of Health e di altre istituzioni, il composto vegetale apigenina ha migliorato i deficit...

Nuova strategia rileva con precisione il medulloblastoma

Lo studio rivela un potenziale biomarcatore epigenetico nel liquido cerebrospinale del medulloblastoma pediatrico. Un team di scienziati della Texas A&M University, del Baylor College of...

Immunità e COVID 19: cosa sappiamo

Immgine: ALEXI ROSENFELD / GETTY IMAGE. Non è chiaro se potremmo mai raggiungere l'immunità di gregge senza un vaccino o un alto numero di morti. Stanno...