Le persone obese hanno bisogno di più vitamina E

obesità,vitamina E

Uno studio recente suggerisce che le persone obese con sindrome metabolica devono affrontare un dilemma imprevisto quando si tratta di vitamina E – hanno bisogno di più alti livelli di vitamina E perché il loro peso e altri problemi causano un aumento dello stress ossidativo, ma quegli stessi problemi effettivamente riducono l’efficacia della vitamina E.

La ricerca è stata pubblicata dalla rivista  American Journal of Clinical Nutrition.

Di conseguenza, gli esperti del Linus Pauling Institute presso la Oregon State University affermano che un enorme numero di americani può essere cronicamente carente di vitamina E e questo potrebbe aggravare la vasta gamma di malattie note per essere associate alla sindrome metabolica, tra cui le malattie cardiache, diabete, la malattia di alzheimer e il cancro.

La sindrome metabolica colpisce più di uno su ogni tre adulti negli Stati Uniti ed è presente nelle persone che hanno almeno tre dei cinque problemi comuni che sollevano preoccupazioni per la salute – grasso addominale in eccesso, pressione alta, bassi livelli di colesterolo “buono”, e / o alti livelli di zucchero nel sangue e trigliceridi.

Alcuni dei risultati di questo studio sono controintuitivi perché la vitamina E è un micronutriente liposolubile e, in teoria, dovrebbe essere più disponibile a un aumento dei livelli nelle persone che sono in sovrappeso e mangiano grandi quantità di cibi grassi.

Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che, anche se i livelli di vitamina E sono più elevati nelle persone obese, questo micronutriente essenziale non trova sua strada per raggiungere i tessuti dove è più necessario.

“La vitamina E è associato con i lipidi, o grassi presenti nel sangue”, ha detto Maret Traber, Professore nel Collegio di sanità pubblica e Scienze Umane a OSU, e Ricercatore principale presso il Linus Pauling Institute.”Quello che abbiamo scoperto è che i tessuti delle persone obese rifiutano l’assunzione di alcuni di questi lipidi, perché hanno già abbastanza grasso”, ha detto Traber. “Nel processo rifiutano anche la vitamina E. Quindi, anche se i tessuti si trovano ad affrontare gravi stress ossidativi, la consegna di vitamina E per loro è compromessa”.

“Il grasso genera ossidanti che aumentano lo stress metabolico” ha aggiunto Traber. ” La vitamina E, insieme alla vitamina C e altri antiossidanti, sono difese alimentari naturali contro questo problema. Tuttavia, milioni di americani – più del 92 per cento-  seguono una dieta carente di vitamina E, spesso di circa la metà della quantità necessaria”.

La vitamina E si trova a livelli più alti in alcuni alimenti come noci, semi e olio d’oliva.

“Un’altra preoccupazione è che quando le persone cercano di perdere peso, spesso la prima cosa che fanno è limitare l’assunzione di grassi”, ha detto Traber. “Questo può avere senso se si sta cercando di ridurre le calorie, ma il grasso è la fonte più comune di vitamina E nella nostra dieta e l’approccio alla perdita di peso a volte può effettivamente peggiorare una carenza di nutrienti”.

“Un approccio ragionevole per le persone obese”, ha spiegato Traber, “sarebbe quello di cercare di seguire una dieta equilibrata e sana e anche durante il  tentativo di perdere peso, assumere un multivitaminico quotidiano che copre il 100 per cento della dose giornaliera raccomandata di vitamina E che è di 15 milligrammi al giorno. E’ anche importante mangiare del cibo contenente almeno un po’ di grasso durante l’assunzione di un integratore, perché altrimenti questa vitamina liposolubile – nella forma presente nella maggior parte degli integratori alimentari – non sarà ben assorbita”.

Gli autori hanno concluso che i risultati supportano le esigenze alimentari più elevate di vitamina E negli adulti con sindrome metabolica.

Fonte: American Journal of Clinical Nutrition, 2015; 102 (5): 1070 DOI: 10,3945 / ajcn.115.118570


Altri articoli su obesità, vitamina E