Home Salute Virus e parassiti Le infezioni da SARS-CoV-2 possono causare delirio e potenzialmente PTSD

Le infezioni da SARS-CoV-2 possono causare delirio e potenzialmente PTSD

Immagine: Public Domain.

“Le persone con infezione da SARS-CoV-2 possono sperimentare problemi psichiatrici mentre sono ricoverate in Ospedale e potenzialmente dopo il loro recupero”, suggerisce un’analisi delle ricerche passate, condotta dall’Istituto di salute mentale dell’UCL con i collaboratori del King College di Londra.

Il documento di revisione sistematica, pubblicato su The Lancet Psychiatry, ha raccolto i risultati di studi a breve e lungo termine su persone ricoverate in Ospedale da recenti coronavirus, vale a dire SARS (sindrome respiratoria acuta grave) nel 2002-2004, MERS (sindrome respiratoria del Medio Oriente) nel 2012 , così come COVID-19 quest’anno.

- Advertisement -

COVID-19 è causata dal virus SARS-CoV-2, un tipo di coronavirus. Alcuni coronavirus causano solo lievi sintomi del comune raffreddore, ma SARS-CoV-2 può causare gravi malattie respiratorie, così come SARS-CoV-1 (il virus implicato nell’epidemia di SARS 2002-2004) e MERS-CoV, che ha causato MERS nel 2012. L’analisi ha rilevato che una persona su quattro ricoverata in Ospedale con COVID-19 può sperimentare delirio durante la malattia, un problema noto tra i pazienti ospedalizzati che può aumentare il rischio di morte o prolungare il tempo in Ospedale. Gli effetti post-recupero da COVID-19 non sono ancora noti, quindi rischi a lungo termine come disturbo da stress post-traumatico (PTSD), affaticamento cronico, depressione e ansia si basano su studi della SARS e MERS, che possono o meno valere anche per COVID-19.

Vedi anche: Gli anticorpi monoclonali umani possono neutralizzare efficacemente SARS-CoV-2

Jonathan Rogers (UCL Psychiatry and South London e Maudsley NHS Foundation Trust), co-lead autore dello studio, ha dichiarato: “La maggior parte delle persone con COVID-19 non svilupperà alcun problema di salute mentale, anche tra quelle con casi gravi che richiedono il ricovero, ma dato l’enorme numero di persone che si ammalano, l‘impatto globale sulla salute mentale potrebbe essere considerevole. La nostra analisi si concentra sui potenziali rischi per la salute mentale derivati dal ricovero in Ospedale delle persone con un’infezione da coronavirus e su come le condizioni psichiatriche potrebbero peggiorare la prognosi o impedire alle persone di tornare alla loro vita normale dopo il recupero”.

Gli autori del nuovo articolo hanno analizzato 65 studi peer-reviewed e sette recenti pre-stampe in attesa di peer review, che includevano i dati di oltre 3.500 persone che hanno avuto una delle tre malattie correlate. La revisione ha incluso solo i risultati di persone ricoverate in Ospedale e non di persone con casi più lievi. I risultati riguardano sia i sintomi acuti durante la malattia, sia i risultati a lungo termine da due mesi a 12 anni.
Quasi una persona su tre ricoverata in Ospedale con SARS o MERS ha continuato a sviluppare PTSD, con un tempo medio di follow-up di quasi tre anni, soprattutto se aveva problemi di salute fisica in corso. Anche i tassi di depressione e ansia erano alti, circa il 15% un anno o più dopo la malattia, con un ulteriore 15% che presentava anche alcuni sintomi di depressione e ansia senza una diagnosi clinica. Oltre il 15% ha manifestato affaticamento cronico, sbalzi d’umore, disturbi del sonno o ridotta concentrazione e memoria.
In Ospedale, una significativa minoranza di persone con infezioni da coronavirus ha manifestato sintomi di delirio come confusione, agitazione e coscienza alterata. Quasi il 28% delle persone ricoverate in Ospedale per SARS e MERS ha manifestato confusione e le prime prove della pandemia in corso suggeriscono che il delirio potrebbe essere similmente comune nei pazienti COVID-19. Gli autori hanno trovato alcune prove preliminari che il delirio potrebbe essere associato a un aumento della mortalità durante l’epidemia di MERS. Il co-conduttore Dr. Edward Chesney (Institute of Psychiatry, Psychology & Neuroscience, King’s College London and South London e Maudsley NHS Foundation Trust) ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di ulteriori ricerche su come prevenire i problemi di salute mentale a lungo termine. Una possibilità potrebbe essere quella di ridurre l’isolamento sociale consentendo ai pazienti di comunicare con i propri cari utilizzando collegamenti video “.
Il team di ricerca ha anche identificato alcuni dei fattori di rischio associati a peggioramenti della salute mentale. I ricercatori hanno scoperto che preoccuparsi molto della malattia era associato a una peggiore salute mentale a lungo termine e che gli operatori sanitari avevano risultati di salute mentale a lungo termine peggiori rispetto ad altri gruppi, mentre un buon recupero fisico prevedeva una migliore salute mentale a lungo termine. Il Professor Anthony David (UCL Institute of Mental Health), autore senior, ha dichiarato: “Per evitare una crisi della salute mentale su larga scala, speriamo che le persone che sono state ricoverate in Ospedale con COVID-19 possano essere supportate e monitorate dopo il loro recupero per assicurarsi che non sviluppino malattie mentali e possano accedere al trattamento se necessario. Mentre la maggior parte delle persone con COVID-19 si riprenderà senza sperimentare malattie mentali, dobbiamo ricercare quali fattori possono contribuire a supportare problemi di salute mentale e sviluppare interventi per prevenirli e curarli”.
- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...