Home Salute Tumori Le cellule adipose svolgono un ruolo chiave nella pericolosa trasformazione del melanoma

Le cellule adipose svolgono un ruolo chiave nella pericolosa trasformazione del melanoma

I ricercatori dell’ Università di Tel Aviv, guidati dal Prof. Carmit Levi e dal Dr. Tamar Golan, del Dipartimento di Biochimica della Sckler School, hanno scoperto che le cellule adipose sono coinvolte nella trasformazione che le cellule del melanoma subiscono da cellule tumorali con crescita limitata dell’epidermide a cellule metastatiche letali che attaccano gli organi vitali dei pazienti.

“Abbiamo risposto a una domanda che ha preoccupato gli scienziati per anni”, spiega il Prof. Levy. Cosa fa cambiare forma al melanoma quando  diventa aggressivo e violento? Bloccato nello strato esterno della pelle, l’epidermide, il melanoma è curabile quando è ancora allo stadio 1 e non è penetrato nel derma per diffondersi attraverso i vasi sanguigni ad altre parti del corpo e può essere semplicemente essere rimosso senza ulteriori danni“.

Il melanoma invia cellule tumorali al derma

Il melanoma diventa fatale quando si “sveglia” e invia cellule tumorali allo strato di pelle del derma, sotto l’epidermide, metastatizzando in organi vitali. Il blocco della trasformazione del melanoma è uno dei principali obiettivi della ricerca sul cancro oggi e ora sappiamo che le cellule adipose sono coinvolte in questo cambiamento “.

La ricerca è stata condotta in collaborazione con diversi patologi senior: la Dott.ssa Hanan Vaknin del Wolfson Medical Center e la Dott.ssa Dov Hershkowitz e la Dott.ssa Valentina Zemer del centro medico di Tel Aviv.

Lo studio è stato pubblicato il 23 luglio su Science Signaling ed è stato pubblicata sulla copertina della rivista.

Nello studio, i ricercatori hanno esaminato dozzine di campioni di biopsia prelevati da pazienti con melanoma presso il Wolfson Medical Center e il Tel Aviv Medical Center e hanno osservato un fenomeno sospetto: cellule adipose vicino ai siti tumorali.

“Ci siamo chiesti cosa ci facessero le cellule adipose vicino ai siti del tumore e abbiamo iniziato a indagare”, aggiunge il Prof. Levy. “Abbiamo posizionato le cellule adipose su una capsula di Petri vicino alle cellule di melanoma e abbiamo seguito le loro interazioni”.

I ricercatori hanno osservato che le cellule adipose trasferiscono proteine ​​chiamate citochine che influenzano l’espressione genica, alle cellule del melanoma.

I nostri esperimenti hanno dimostrato che l’effetto principale delle citochine è ridurre l’espressione di un gene chiamato miRNA211 che inibisce l’espressione di un recettore del melanoma TGF beta, una proteina che è sempre presente nella pelle“, afferma il Prof. Levy. “Il tumore assorbe un’alta concentrazione di TGF beta che stimola le cellule di melanoma e le rende aggressive”.

Bloccare la trasformazione del melanoma

I ricercatori hanno anche trovato un modo per bloccare questa trasformazione.

È importante notare che abbiamo trovato il processo reversibile in laboratorio: quando abbiamo rimosso le cellule adipose dal melanoma, le cellule cancerose si sono calmate e hanno smesso di migrare”, aggiunge il Prof. Levy.

Vedi anche, Individuata una proteine col​​legata al melanoma maligno.

Uno studio sui modelli murini di melanoma ha prodotto risultati simili: quando miRNA211 è stato represso, sono state trovate metastasi in altri organi, mentre la ri-espressione del gene ha bloccato la formazione di metastasi.

Nella ricerca di un potenziale farmaco basato sulla nuova scoperta, i ricercatori hanno sperimentato terapie che sono note per inibire le citochine e TGF beta, ma che non sono mai state usate prima per trattare il melanoma.

“Stiamo parlando di sostanze che sono attualmente allo studio come possibili trattamenti per il cancro del pancreas e sono anche in studi clinici per tumori alla prostata, al seno, alle ovaie e alla vescica”, ha detto il Dott. Golan. “Abbiamo visto che hanno frenato il processo metastatico e che il melanoma è tornato al suo stato relativamente” calmo “e dormiente“.

“I nostri risultati possono servire come base per lo sviluppo di nuovi farmaci per arrestare la diffusione del melanoma, terapie che già esistono, ma che non sono mai state utilizzate per questo scopo”, conclude il Prof. Levy. “In futuro, stiamo cercando di collaborare con le case farmaceutiche per migliorare lo sviluppo dell’approccio metastatico alla prevenzione del melanoma”.

Fonte, Science Signaling


ULTIMI ARTICOLI

Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere rallentano la diffusione del virus SARS-CoV-2 riducendo la quantità di persone infette che spargono il virus nell'ambiente circostante quando tossiscono o parlano. Le prove di esperimenti...

Composto ultrapotente può aiutare a trattare C. diff e ridurre le recidive

Immagine:Public Domain. Clostridioides difficile o C. diff, è la principale causa di infezione associata all'assistenza sanitaria negli Stati Uniti. Solo due antibiotici, Vancomicina eFfidaxomicina, sono stati...

Sindrome dell’intestino irritabile: peptide del veleno di ragno potrebbe fermare il dolore

Ricercatori dell'Università del Queensland hanno scoperto che un peptide specifico trovato nel veleno di ragno potrebbe alleviare il dolore nei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile. Lo...

Nuove inaspettate possibilità per la ricerca sugli antidolorifici da SARS-CoV-2

Immagine: la proteina spike su SARS-CoV-2 interferisce con la percezione del dolore. SEBASTIAN KAULITZKI / SCIENCE PHOTO LIBRARY / Getty Images. L'autore di un nuovo...

Le statine riducono la gravità di COVID-19

Immagine: l'infezione da SARS-CoV-2 (verde, a sinistra) è inibita dal trattamento con 25HC (a destra). Credito: UC San Diego Health Sciences. Non ci sono trattamenti approvati...