L’ansia compromette la salute delle ossa

ansia

Come se le donne anziane non si preoccupassero già abbastanza della loro salute ossea, una nuova ricerca suggerisce che l’ansia potrebbe aumentare il rischio di fratture.

La ricerca, che ha coinvolto quasi 200 donne italiane in postmenopausa, si basa su precedenti che collegavano l’ansia a un rischio più elevato di malattie cardiache e problemi gastrointestinali.

“I nostri risultati sono abbastanza sorprendenti perché non era mai stata riportata l’associazione tra livelli di ansia e salute delle ossa“, ha detto l’autore dello studio il Dr. Antonino Catalano, anche se lo studio non ha dimostrato che l’ansia causa il rischio di fratture.

Catalano è un esperto di medicina interna, metabolismo osseo e osteoporosi presso il dipartimento di medicina clinica e sperimentaldell’Ospedale universitario di Messina.

Per quanto riguarda ciò che potrebbe spiegare l’associazione, Catalano ha sottolineato una serie di fattori.

“La nostra opinione è che le donne ansiose hanno maggiori probabilità di impegnarsi in cattive condizioni di salute, come il fumo o una dieta povera“, ha detto il ricercatore. “Inoltre, gli effetti negativi degli ormoni dello stress sullo stato osseo possono incidere sul rischio di fratture“.

Catalano ha aggiunto anche che le donne che lottano con livelli più elevati di ansia hanno livelli più bassi di vitamina D. “Lo scarso stato di vitamina D è stato precedentemente associato ad un aumentato rischio di fratture”.

L’osteoporosi è la malattia ossea metabolica più comune al mondo. Secondo le stime, il 33% delle donne e il 20% degli uomini soffriranno di una frattura legata all’osteoporosi a un certo punto della loro vita.

( Vedi anche:Ansia: un primo indicatore del morbo di Alzheimer?).

Il team di ricerca ha anche osservato che il 7% della popolazione mondiale soffre di disturbi d’ansia.

Per vedere come potrebbero intersecarsi i due problemi, i ricercatori si sono concentrati sui pazienti che frequentavano una clinica italiana per l’osteoporosi nel 2017.

In media, i partecipanti avevano quasi 68 anni. Tutti sono stati sottoposti a screening approfonditi sulla salute per valutare, tra le altre cose, precedenti anamnesi di frattura, diagnosi di artriti, salute del cuore e dei polmoni, abitudini al fumo e alcol. Sono stati eseguiti anche esami di densità minerale ossea.

È stata anche esplorata un’ampia gamma di problemi di salute mentale, tra cui depressione, tensione, insonnia, memoria e livelli di ansia che vanno da moderati a gravi.

I ricercatori hanno stabilito che le donne che avevano più ansia si trovavano di fronte a un rischio di fratture sensibilmente più elevato rispetto alle donne con il più basso grado di ansia.

“L’ansia più elevata era legata a un rischio maggiore del 4% di frattura in un periodo di 10 anni e ad un rischio maggiore del 3%  di frattura dell’anca nello stesso periodo di tempo”, ha detto il dR. JoAnn Pinkerton, direttore esecutivo della Società menopausa del nordamericana.

Lo studio è stato pubblicato online il 9 maggio nella rivista Menopause.

L’ansia più elevata era anche legata ai punteggi più bassi di densità minerale ossea sia nella zona lombare (nota come colonna lombare) che nell’area del collo del femore (appena sotto la sfera dell’articolazione dell’anca).

I risultati dovrebbero incoraggiare i medici a esplorare i livelli di ansia tra le donne anziane nel valutare il rischio di fratture.

Pinkerton ha evidenziato una serie di misure che le donne possono intraprendere per minimizzare il rischio di frattura con l’età.

“Le donne raggiungono la massima massa ossea intorno ai 35 anni”, ha osservato Pinkerton. “Quindi diventa importante per le donne in perimenopausa e le donne in menopausa ottenere un’adeguata quantità di calcio. Gli esperti raccomandano 1.200 milligrammi al giorno, tra dieta e integratori, di calcio”.

“Anche l’assunzione di magnesio e vitamina D dall’esposizione al sole o da supplementi è fondamentale”, ha aggiunto il ricercatore, “oltre all’allenamento di forza e resistenza di routine”.

“Le donne dovrebbero anche evitare di fumare, bere troppo alcol, essere sedentarie, assumere eccessivi farmaci sostitutivi della tiroide e / o farmaci come steroidi o inibitori della pompa protonica”, ha detto Pinkerton.

Per le donne particolarmente preoccupate per l’ansia, Pinkerton ha suggerito di passare a “terapia cognitiva, strategie auto-calmanti, yoga o cercare aiuto attraverso il counseling o, se necessario, i farmaci”.

Fonte: Medicalxpress

Altri articoli su ansia