La vitamina B12 aumenta il volume del cervello e migliora la memoria

cervello,vitamina B12

Molte persone sono consapevoli del fatto che la vitamina B12 diminuisce durante l’invecchiamento causando problemi di assorbimento nel tratto digestivo con conseguente scarsa captazione dai tessuti del corpo, specialmente dal cervello.
I ricercatori,nella pubblicazione sulla rivista  Neurology, hanno stabilito un legame definitivo tra scarsi livelli di vitamina B12 e restringimento del cervello, un causa di declino cognitivo e demenza nella malattia di Alzheimer. L’integrazione con la forma biologicamente attiva della vitamina B può aiutare a prevenire il restringimento e conservare le capacità di apprendimento e le funzioni di memoria  nel tempo.
Carenze di vitamina B12 collegata a ridotto volume cerebrale e declino cognitivo tra gli anziani
Lo studio ha coinvolto 121 partecipanti provenienti da Chicago, nel Progetto la salute e invecchiamento. I pazienti  sono stati sottoposti a risonanza magnetica per immagini (MRI) per un periodo di quattro anni e mezzo. Inoltre, ad ogni membro dello studio è stato prelevato il sangue, per misurare i livelli di vitamina B12 e relativi marcatori che possono indicare una carenza di vitamina B12. Gli stessi soggetti sono stati sottoposti a prove per misurare la loro memoria e altre abilità cognitive.
I dati della risonanza magnetica sono stati analizzati per misurare il volume  totale del cervello  e cercare eventuali  segni di danno cerebrale. I test hanno incluso sette misure di memoria episodica, due misure di capacità visiva spaziale e organizzazione percettiva, due misure di velocità percettiva, due misure di memoria semantica e tre misure di memoria di lavoro. I campioni di sangue sono stati analizzati  per il controllo della vitamina B12 e  omocisteina, un sottoprodotto del metabolismo associato a demenza, declino cognitivo e malattia coronarica.
Più alti  livelli di vitamina B12 migliorano le abilità cognitive e possono  aiutare a prevenire l’ictus
I ricercatori hanno determinato che bassi livelli vitamina B12  o carenza,sono stati associati a punteggi più bassi sui test cognitivi e più piccolo del volume totale del cervello. Indicatori di vitamina B12 insufficienti hanno  contribuito a scarsi punteggi globali dei test cognitivi e ad una diminuzione del volume del cervello, rivelato dai risultati della risonanza magnetica, rispetto a  persone  con un migliore status di vitamina B12. Elevati livelli di omocisteina erano indicativi di  aumento del rischio di eventi cerebrovascolari.
Il ricercatore, Dr. Christine Tangney ha concluso “I nostri risultati suggeriscono che … la carenza di vitamina B12, può influenzare la cognizione, riducendo il volume totale del cervello .” La carenza di vitamina B12 tra gli anziani è una causa importante di preoccupazione e può benissimo essere un fattore chiave per l’esplosione di casi di malattia di Alzheimer `s nel corso degli ultimi 50 anni. I nutrizionisti raccomandano l’integrazione con la forma biologicamente attiva di vitamina B12 nota come metilcobalamina (da 1 a 5 mg al giorno assunta per via sublinguale) anche per regolare livelli circolanti di omocisteina,sostanza cerebrale critica.

Altri articoli su cervello, vitamina B12