HomeSalutePelleLa terapia della luce aiuta a guarire le ustioni

La terapia della luce aiuta a guarire le ustioni

(Ustioni-Immagine: Praveen Arany, assistente Professore di biologia orale presso la UB School of Dental Medicine, ha guidato lo sviluppo di un protocollo di guarigione delle ustioni per la terapia della luce. Credito: Douglas Levere).

La terapia della luce può accelerare la guarigione delle ustioni, secondo uno studio condotto dall’Università di Buffalo.

La ricerca, pubblicata su Scientific Reports, ha scoperto che la terapia di fotobiomodulazione, una forma di terapia della luce a basso dosaggio in grado di alleviare il dolore e promuovere la guarigione e la rigenerazione dei tessuti, accelera il recupero dalle ustioni e riduce l’infiammazione nei topi attivando TGF-beta 1 endogeno, una proteina che controlla la crescita e la divisione cellulare.

- Advertisement -

“I risultati dello studio possono avere un impatto sui trattamenti terapeutici per le ustioni, che colpiscono più di 6 milioni di persone in tutto il mondo ogni anno”, afferma il ricercatore principale Praveen Arany, DDS, Ph.D., assistente Professore di biologia presso la UB School of Dental Medicine. “La terapia di fotobiomodulazione è stata efficacemente utilizzata nella cura di supporto del cancro, nella degenerazione maculare legata all’età e nel morbo di Alzheimer“, afferma Arany. “Una caratteristica comune tra questi disturbi è il ruolo centrale dell’infiammazione. Questo lavoro fornisce prove della capacità di TGF-beta 1 attivato dalla fotobiomodulazione di mitigare l’infiammazione, promuovendo al contempo la rigenerazione dei tessuti utilizzando un modello di ferita da ustione transgenico“.

Vedi anche:Nuova possibile strategia per il trattamento del dolore cronico dovuto alle ustioni

Lo studio ha misurato l’effetto della fotobiomodulazione sulla chiusura delle ustioni di terzo grado per un periodo di nove giorni.

Il trattamento ha innescato TGF-beta 1 che ha stimolato vari tipi di cellule coinvolte nella guarigione, inclusi i fibroblasti (le principali cellule del tessuto connettivo del corpo che svolgono un ruolo importante nella riparazione dei tessuti) e i macrofagi (cellule immunitarie che riducono l’infiammazione, puliscono i detriti cellulari e combattere le infezioni).

- Advertisement -

I ricercatori hanno anche sviluppato un preciso protocollo di guarigione delle ustioni per i trattamenti di fotobiomodulazione per garantire che ulteriori lesioni termiche non vengano generate inavvertitamente dall’uso del laser.

Spiegano gli autori:

“La gravità del danno tissutale nelle ferite da ustione da sequele infiammatorie e immunitarie associate presenta una significativa sfida di gestione clinica. Tra i vari approcci biofisici per la gestione delle ferite, i trattamenti biofotonici a basse dosi, chiamati terapia di fotobiomodulazione (PBM), hanno recentemente attirato l’attenzione. Uno dei meccanismi molecolari PBM dei trattamenti PBM prevede la fotoattivazione del TGF-β1 latente che è in grado di promuovere la guarigione e la rigenerazione dei tessuti. Questo lavoro ha esaminato l’efficacia dei trattamenti PBM in una ferita da ustione a tutto spessore in topi C57BL/6. Per prima cosa abbiamo ottimizzato il protocollo PBM monitorando la temperatura della superficie del tessuto e l’istologia. Abbiamo notato che questo protocollo PBM monitorato dalla temperatura della superficie dell’irraggiamento dinamico ha migliorato la guarigione delle ferite da ustione nei topi con un’elevata segnalazione di TGF-β (fosfo-Smad2) e una ridotta espressione genica associata all’infiammazione. Successivamente, abbiamo studiato i ruoli dei singoli tipi di cellule coinvolti nella guarigione delle ferite da ustione dopo i trattamenti PBM e abbiamo notato effetti discreti sulle funzioni dell’epitelio, dei fibroblasti e dei macrofagi. Queste risposte sembrano essere mediate da vie di segnalazione sia dipendenti da TGF-β che indipendenti“.

L’efficacia della fotobiomodulazione nel trattamento del dolore e nella stimolazione della guarigione è stata documentata in centinaia di studi clinici e migliaia di articoli accademici. La terapia è stata recentemente raccomandata come trattamento standard per alleviare il dolore da mucosite orale associata al cancro (infiammazione e lesioni in bocca) dalla Multinational Association for Supportive Care in Cancer.

Fonte:Scientific Reports 

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...