La realtà virtuale utilizzata per il trattamento delle fobie comuni

realtà virtuale

Dick Tracey non ha dovuto visitare un edificio alto per superare la sua paura delle altezze. Ha indossato una cuffia per la realtà virtuale. Attraverso la realtà virtuale, ha guidato un ascensore in un atrio molto alto che sembrava così reale che è caduto in ginocchio. “Avevo bisogno di cercare con la mano qualcosa di solido intorno a me”, ha detto Dick. “Devo essere stupido, alziamoci e non succederà nulla”, ha aggiunto.

La terapia con la realtà virtuale può aiutare persone come Tracey esponendole gradualmente alle loro più grandi paure. La tecnologia sta raggiungendo il mainstream solo dopo 20 anni di ricerca. Le attrezzature sono più leggere e più economiche grazie ai progressi tecnologici che si stanno diffondendo dall’industria dei giochi, per aiutare le persone a combattere le paure disabilitanti di volare, delle altezze, ragni o cani.

E l’aumento dei prodotti sta portando la realtà virtuale negli studi di più terapisti. Gli esperti prevedono che le persone con lievi fobie si tratteranno con successo a casa.

La ricerca dimostra che la terapia con la realtà virtuale per trattare le persone con fobie funziona così come la terapia tradizionale dell’esposizione che sottopone i pazienti lentamente a ciò che causa loro ansia.

Per il bibliotecario di Denver Nick Harrell, la VR è stata una ripresa dopo la terapia tradizionale per la paura di volare.

“Non mi piace essere bloccato nel tubo di metallo”, ha spiegato Harrell. “Non riuscivo a respirare, il petto mi martellava.”

Nuova era nella terapia della realtà virtuale per le fobie comuni
Nick Harrell tiene in mano un paio di occhiali per la realtà virtuale che vengono utilizzati in terapia per trattare la sua paura di volare durante una dimostrazione della tecnologia per curare le fobie al Centro Nazionale di Innovazione della Salute Mentale ad Aurora.

Con l’aiuto di un terapista, Harrell ha affrontato per la prima volta le sue paure attraverso l’esposizione terapeutica. Ascensori, autobus e treni erano una buona pratica per gli aeroplani.

“Nel giro di pochi mesi, potevo volare di nuovo”, ha detto Harrell.

Con la realtà virtuale recentemente aggiunta alla sua terapia, Harrell mantiene le sue paure sotto controllo. Ma poche persone con fobie cercano un trattamento.Troppo imbarazzati per chiedere aiuto, molti pianificano le loro vite evitando le loro paure.

Tracey of Oxfordshire in Inghilterra, aveva paura delle altezze, dalle scale alle viste mozzafiato. Le scale mobili gli hanno procurato le palpitazioni cardiache a 62 anni. Sua moglie camminava tra lui e pendii ripidi.

La terapia VR di Tracey faceva parte di uno studio. È stato uno dei primi a provare un mondo virtuale con un allenatore virtuale animato. Il professore di psicologia dell’Università di Oxford, Daniel Freeman, ha sviluppato il programma per uno spin-off di Oxford con il supporto del Servizio Sanitario Nazionale.

La squadra di Freeman è ora al lavoro in un mondo di realtà virtuale in cui le persone con schizofrenia possono esercitarsi a stare in un bar, in un ascensore o in un negozio.

“Molti dei nostri pazienti si sono ritirati dal mondo”, ha detto Freeman. Il programma VR per la paura delle altezze dimostra che puoi automatizzare il trattamento.

Cos’è la realtà virtuale? Indossa un auricolare e guardati intorno. Vedrai una simulazione di un ambiente interattivo tridimensionale. Guarda in alto e vedrai il cielo; guarda in basso e puoi vedere le tue mani e i tuoi piedi.

Nuova era nella terapia della realtà virtuale per le fobie comuni
Questa immagine fornita da Limbix nel luglio 2018 mostra un punto di vista della realtà virtuale da una simulazione di guida. Limbix ha un accordo con il National Mental Health Innovation Center presso la facoltà di medicina dell’Università del Colorado per aiutare per aiutare a testare sul campo il contenuto VR per il trattamento delle fobie. (Limbix via AP).

Con la terapia di esposizione, un terapeuta può accompagnare una persona che ha paura dell’altezza di un edificio alto. Con la realtà virtuale, un paziente impara a sentirsi sicuro su un balcone a molti piani, senza lasciare lo studio del terapeuta.

L’esposizione funziona gradualmente portando via il panico. Mani sudate e cuori martellanti si rilassano. Le paure si riducono a livelli gestibili. 

“I migliori studi sulla terapia di esposizione alla realtà virtuale sono stati piccoli con meno di 100 pazienti. Sempre più la terapia della realtà virtuale verrà consegnata a casa via Internet, un’area ancora in gran parte non studiata”, ha detto Katharina Meyerbroker, ricercatrice all’Università di Utrecht nei Paesi Bassi, che ha pubblicato recensioni di ricerche fatte sul campo.

“Abbiamo sfruttato tutti questa tecnologia sviluppata inizialmente per i videogiochi”, ha dichiarato Hunter Hoffman, ricercatore presso l’Università di Washington a Seattle, che ha sviluppato una terapia VR precoce chiamata Spider World vent’anni fa.

“Un giorno i bambini potrebbero usare la VR per imparare ad affrontare l’ansia”, ha detto Stephen Whiteside, Direttore della Mayo Clinic Pediatric Anxiety Disorders Clinic, dove uno studio si rivolge ai bambini con ansie scolastiche.

Nello scenario VR, un insegnante di classe restituisce un foglio di scuola con un brutto voto.

“Senti le voci degli altri bambini che ridono e ti dicono che non hai fatto così bene”, ha detto Whiteside. “Quando l’ho guardato per la prima volta, ho avuto una reazione viscerale da solo, mi ha reso nervoso”.

Nuova era nella terapia della realtà virtuale per le fobie comuni
Hunter Hoffman, ricercatore presso l’Università di Washington a Seattle. Credit.  (AP Photo / Carla Johnson).

I ricercatori Mayo dicono che i bambini preferiscono l’esperienza VR alla terapia tradizionale dell’esposizione e successivamente testeranno se funziona altrettanto bene.

Whiteside ha affermato che i ricercatori di VR in tutto il mondo devono dimostrare benefici superiori ai costi di trattamento, che possono raggiungere i $ 200 per sessione in alcune cliniche specializzate..

La terapia VR ha reso la vita più semplice a Tracey che dopo sette sessioni di VR, ora parcheggia facilmente la sua auto in un garage multipiano.

Fonte: The New York Times

Altri articoli su realtà virtuale