La qualità dell’aria influisce sullo sviluppo iniziale del cervello

Immagine: Public Domain.
I ricercatori dell’Università della California, Davis, hanno trovato un legame tra l’inquinamento atmosferico legato al traffico e un aumentato rischio di cambiamenti nello sviluppo del cervello, rilevanti per i disturbi dello sviluppo neurologico.
Lo studio, basato su modelli di roditori, conferma precedenti prove epidemiologiche che dimostrano questa associazione. L‘inquinamento atmosferico è stato a lungo considerato un problema per la salute polmonare e cardiovascolare. “E’ stato solo negli ultimi dieci anni che gli scienziati hanno rivolto la loro attenzione ai suoi effetti sul cervello”, ha affermato recentemente il tossicologo della UC Davis Pamela Lein, autore senior dello studio pubblicato in Translational Psychiatry.
I ricercatori avevano precedentemente documentato collegamenti tra la vicinanza a strade trafficate e disturbi dello sviluppo neurologico come l’autismo, ma i dati preclinici basati su esposizioni in tempo reale all’inquinamento atmosferico legato al traffico erano scarsi o inesistenti. Lein ha lavorato con lo scienziato dell’UC Davis Anthony Wexler e il primo autore dello studio Kelley Patten, un dottorando nel gruppo della UC Davis per farmacologia e tossicologia, per sviluppare un nuovo approccio per studiare gli impatti dell’inquinamento atmosferico legati al traffico, in tempo reale. I ricercatori hanno allestito un vivarium vicino a un tunnel del traffico nella California del Nord in modo da poter imitare, il più vicino possibile, l’esperienza degli umani in un modello di roditore.
“Questo approccio è stato un modo creativo per affrontare la questione degli impatti dell’inquinamento atmosferico sul cervello in assenza di fattori confondenti quali influenze socioeconomiche, dieta, ecc.”, Ha affermato Lein. “È importante sapere se vivere vicino a queste strade comporta un rischio significativo per lo sviluppo del cervello umano. Se è così, gli scienziati devono avvertire le persone sensibili, come le donne in gravidanza – in particolare quelle a cui è già stato diagnosticato un bambino con un disturbo dello sviluppo neurologico – di adottare le precauzioni appropriate per ridurre al minimo i rischi per la salute del cervello del loro bambino”.
Risultati dell’ esposizione precoce
I ricercatori hanno confrontato il cervello dei cuccioli di ratto esposti all’inquinamento atmosferico legato al traffico con quelli esposti all’aria filtrata. Entrambe le fonti d’aria sono state prelevate dal tunnel in tempo reale. I ricercatori hanno trovato una crescita anormale e un aumento della neuroinfiammazione nel cervello degli animali esposti all’inquinamento atmosferico. Ciò suggerisce che l’esposizione all’inquinamento atmosferico durante periodi di sviluppo critici può aumentare il rischio di cambiamenti nel cervello in via di sviluppo associati a disturbi dello sviluppo neurologico. “Ciò a cui abbiamo assistito sono cambiamenti sottili”, ha detto Patten. “Ma stiamo assistendo a questi effetti utilizzando esposizioni all’inquinamento atmosferico che rientrano nei limiti normativi. Con lo sfondo di altri fattori di rischio genetico e ambientale nell’uomo, questo può avere un effetto più pronunciato. Questa esposizione contiene anche particolato fine che attualmente non è regolamentato “.
In uno studio separato, Patten ha esteso questa esposizione a 14 mesi per esaminare gli impatti a più lungo termine dell’inquinamento atmosferico legato al traffico ed è in procinto di redigere tali risultati. Il team è anche interessato a quale componente dell’inquinamento atmosferico legato al traffico sta guidando i risultati dello sviluppo neurologico.
Altri co-autori dello studio includono: Eduardo González e Anthony Valenzuela, UC Davis School of Veterinary Medicine; Elizabeth Berg, UC Davis School of Medicine; Christopher Wallis, UC Davis Air Quality Research Center; Joel Garbrow, Università di Washington; e Jill Silverman presso l’UC Davis MIND Institute e la School of Medicine.
Lo studio è stato sostenuto dal National Institutes of Health.
Fonte: UC Davis