Home Salute Cervello e sistema nervoso La privazione del sonno interferisce con la comunicazione cerebrale

La privazione del sonno interferisce con la comunicazione cerebrale

Un nuovo studio è il primo a rivelare come la privazione del sonno interferisce con la capacità delle cellule cerebrali di comunicare tra di loro, portando a temporanei “temporali mentali” che influenzano la memoria e la percezione visiva.

“Abbiamo scoperto che il fatto di morire di sonno riduce anche nei neuroni, la capacità di funzionare correttamente”, ha dichiarato l’autore maggiore dello studio Dr. Itzhak Fried, Professore di neurochirurgia presso la Scuola di Medicina David Geffen della UCLA e l’Università di Tel Aviv.

Fried ha guidato una team internazionale nello studio di 12 pazienti epilettici presso la UCLA che avevano gli elettrodi impiantati nel loro cervello per individuare l’origine delle loro crisi prima dell’intervento chirurgico. Poiché la mancanza di sonno può provocare convulsioni, questi pazienti sono rimasti svegli tutta la notte per accelerare l’inizio di un episodio epilettico e accorciare il loro soggiorno in ospedale.

La squadra ha chiesto ai pazienti di classificare una varietà di immagini il più velocemente possibile mentre i loro elettrodi hanno registrato in tempo reale 1.500 singole cellule cerebrali in tutto il gruppo. Gli scienziati si sono concentrati sul lobo temporale, che regola la percezione visiva e la memoria.

( Vedi anche: Come il sonno favorisce la formazione di memorie).

“Siamo stati affascinati di osservare come la privazione del sonno riduce l’attività delle cellule cerebrali”, ha dichiarato l’autore principale Dr. Yuval Nir dell’Università di Tel Aviv. “A differenza della solita reazione rapida, i neuroni rispondevano lentamente e le loro trasmissioni si trascinavano più a lungo del solito”.

La mancanza di sonno interferisce con la capacità dei neuroni di codificare le informazioni e di tradurre l’input visivo nel pensiero cosciente.

“Ci vuole più tempo per il cervello, per registrare quello che sta percependo”.

In un secondo riscontro, i ricercatori hanno scoperto che le onde cerebrali più lente hanno accompagnato un’attività cellulare lenta nelle stesse regioni dei cervelli dei pazienti.

“Le onde rallentate del sonno hanno disturbato l’attività del cervello dei pazienti e le prestazioni”, ha detto Fried. “Questo fenomeno suggerisce che regioni selezionate del cervello dei pazienti stavano dormendo, causando i disordini mentali, mentre il resto del cervello era sveglio e funzionante come al solito”, ha detto Fried.

I risultati del studio provocano domande su come la società vede la privazione del sonno.

“Il sonno inadeguato esercita un’influenza simile all’assunzione di troppo alcol nel nostro cervello”, ha detto il ricercatore.

Fried ed i  suoi colleghi intendono immergersi più profondamente nei benefici del sonno.

Studi precedenti hanno collegato la privazione del sonno a un elevato rischio di depressione, obesità, diabete, attacchi cardiaci e ictus, nonché errori medici.

Lo studio è stato pubblicato in Nature Medicine.

Fonte:

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...