Home Salute Cervello e sistema nervoso La dopamina migliora la funzione cognitiva nell'Alzheimer

La dopamina migliora la funzione cognitiva nell’Alzheimer

Immagine: Public Domain.

Riepilogo: La rotigotina, un farmaco che agisce sulla trasmissione della dopamina, migliora la funzione cognitiva nei pazienti con malattia di Alzheimer da lieve a moderata. Il farmaco non ha aiutato a migliorare la memoria, ma ha migliorato la funzione esecutiva nel lobo frontale e ha avuto un impatto positivo sulla capacità dei pazienti di svolgere attività di vita quotidiana.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA.

 Lo studio clinico randomizzato, “Effetti della terapia dopaminergica nei pazienti con malattia di Alzheimer (DOPAD)“, è stato condotto da Giacomo Koch, MD, Ph.D., neurologo della Fondazione Santa Lucia a Roma, in collaborazione con Alessandro Martorana, MD dell’ Università di Tor Vergata a Roma.

“I pazienti trattati con Rotigotina in questo studio hanno mostrato alcuni miglioramenti pratici che sono molto importanti per le persone con Alzheimer”, ha dichiarato Howard Fillit, MD, Direttore esecutivo fondatore di ADDF e Chief Science Officer. “La Rotigotina ha migliorato la funzione esecutiva, che aiuta i pazienti con compiti cognitivi chiave, come ragionamento, giudizio, memoria di lavoro e orientamento. Ha anche migliorato la loro capacità di completare le attività quotidiane di routine come lo shopping, la pianificazione e persino il bagno, la toilette e l’alimentazione, il che significa preservare la loro indipendenza più a lungo e ridurre l’onere per i caregiver”.

I trattamenti attuali per l’Alzheimer agiscono sul neurotrasmettitore acetilcolina, ma la ricerca ha suggerito che anche la dopamina svolge un ruolo chiave nella malattia. I ricdercatori si sono concentrati sui cambiamenti nel lobo frontale perché la dopamina modula l’attività in questa sezione del cervello. I miglioramenti sperimentati dai pazienti nelle funzioni cognitive controllate del lobo frontale corrispondevano a un test di laboratorio che mostrava che la Rotigotina migliorava le vie dopaminergiche che raggiungevano questa sezione del cervello. I ricrcatori hanno usato nuovi test sui biomarcatori – una combinazione di stimolazione magnetica transcranica e registrazioni di elettroencefalografia per capire come la Rotigotina influenza la connettività e la funzione del cervello.

“Questo studio è un importante passo avanti nel mostrare che i pazienti con malattia di Alzheimer possono trarre beneficio dalle combinazioni di farmaci che migliorano le funzioni cerebrali interagendo con diversi sistemi di neurotrasmettitori”, ha affermato il ricercatore capo Dr. Koch. “Inoltre, potrebbe favorire nuove opzioni terapeutiche incentrate sulla trasmissione dopaminergica per il trattamento precoce dei pazienti, quando le funzioni cognitive correlate all’attività del lobo frontale e le capacità di vita quotidiana sono solo lievemente compromesse, per ritardare l’insorgenza della piena demenza della malattia di Alzheimer”.

Koch e i suoi coautori affermano che sono necessari ulteriori studi per determinare il potenziale ruolo della Rotigotina nel trattamento dell’Alzheimer.

Vedi anche: Scoperto un gene che sopprime naturalmente i segni dell’ Alzheimer

“L’ADFF ha una lunga storia di studi di supporto come questo che riutilizzano i farmaci esistenti per accelerare la nostra capacità di trovare nuovi trattamenti per l’Alzheimer”, ha affermato il Dott. Fillit. Ha spiegato che ciò è dovuto al fatto che la sicurezza e la tossicità dei farmaci esistenti (la Rotigotina è usata per trattare il morbo di Parkinson e la sindrome delle gambe senza riposo) sono già ben studiate, portando a tempi di approvazione più rapidi. “All’ADDF ci concentriamo sul finanziamento di studi che mirano a nuovi percorsi implicati nella malattia di Alzheimer, oltre alla beta-amiloide e alla tau, perché l’Alzheimer è una malattia complessa causata da molteplici fattori. Tra questi, affrontare le anomalie nei percorsi dopaminergici è molto promettente”.

Informazioni sugli effetti della terapia dopaminergica nei pazienti con malattia di Alzheimer (DOPAD)

DOPAD è stato uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo che ha arruolato 94 pazienti di età compresa tra 55 e 83 anni con malattia di Alzheimer da lieve a moderata. I pazienti sono stati assegnati a ricevere Rotigotina 4 mg (Neupro, UCB pharma) o placebo attraverso un cerotto transdermico per 24 settimane, come terapia aggiuntiva al trattamento standard con un inibitore dell’acetilcolinesterasi. In quanto finanziatore, l’ADFF non era responsabile della progettazione e dell’implementazione dello studio, della raccolta, della gestione, dell’analisi o dell’interpretazione dei dati.

Fonte: Alzheimer Drug Discovery Foundation


ULTIMI ARTICOLI

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un "casco leggero" nel luglio 2019. Credito:RON...

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all’insulina

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all'insulina e altri indicatori di salute negli individui con diabete di tipo 1,...

Studio di fase 1 mostra un’incoraggiante attività anti-cancro di Sotorasib

Immagine: Public Domain. "Uno studio clinico di fase 1 in pazienti con tumori solidi avanzati pesantemente pretrattati, mostra un'attività anti-cancro incoraggiante di Sotorasib (AMG 510),...

Gli astrociti sono essenziali per la salute della barriera emato-encefalica

Immagine: Public Domain. Oltre a un guscio esterno resistente, il cervello ha difese interne, tra cui un potente scudo chiamato barriera emato-encefalica che difende le...

La vitamina E è necessaria per il corretto sviluppo del sistema nervoso

Immagine: Public Doimain. La ricerca dell'Oregon State University, che interessa anche le donne in età fertile, mostra che gli embrioni prodotti dal pesce zebra carente...