La cura chiropratica può disturbare la visione?

Per coloro che hanno l’abitudine di farsi “aggiustare il collo” da un chiropratico, l’Università del Michigan Kellogg Eye Center ha informazioni interessanti : la manipolazione chiropratica del collo ad alta velocità ha dimostrato di provocare uno stress sull’occhio e portare ad una visione chiazzata.

Il rischio è raro, ma è quello che Yannis Paulus, uno specialista della retina di Kellogg, riporta nell’American Journal of Ophthalmology Case Reports.

Le spinte e le rotazioni energiche a volte eseguite nella manipolazione del collo ad alta velocità sono state collegate al danneggiamento dei vasi sanguigni nella retina. Il sanguinamento anomalo risultante all’interno dell’occhio può anche causare perdita della vista.

Questo è il caso di una donna di 59 anni che ha sperimentato un punto a forma di “girino” nella sua visione mentre tornava a casa da una visita da un chiropratico, con il peggioramento della sua vista il giorno successivo. Aveva appena ricevuto la manipolazione della colonna vertebrale cervicale usando la tecnica ad alta velocità per alleviare i suoi mal di testa.

La visione della donna tornò alla normalità in circa due settimane senza trattamento ed è stata indirizzata al Kellogg Eye Center dal suo optometrista che è coautore del case report.

Poiché le cellule della retina sono molto sensibili, anche piccole lesioni ai vasi sanguigni possono tradursi in problemi di vista.

Rischi da trattamento chiropratico

Gli esperti cardiovascolari sono stati espliciti sui rischi per la salute derivanti dal trattamento chiropratico.

La manipolazione del collo ad alta velocità è stata associata a un certo tipo di ictus, o dissezione dell’arteria vertebrale che ha portato l’American Heart Association a rilasciare una dichiarazione di avvertimento nel 2014.

I movimenti rapidi e brevi della manipolazione del collo possono causare una piccola lacerazione nelle pareti delle arterie del collo. La lesione della parete arteriosa può causare un ictus se si forma un coagulo di sangue nel sito e successivamente si rompe liberamente per bloccare un vaso sanguigno nel cervello.

In seguito alla manipolazione chiropratica possono insorgere problemi agli occhi, inclusa la doppia visione o occlusione dell’arteria retinica centrale, un blocco dell’arteria che porta ossigeno alle cellule nervose nella retina nella parte posteriore dell’occhio.

Ma il caso di Kellogg suggerisce una nuova complicazione: danni diretti alle strutture nell’occhio a causa della forza delle regolazioni del collo.

“È il primo caso clinico di assistenza chiropratica che porta a numerose emorragie preretiniche”, dicono gli autori.

Altre possibili complicazioni riguardano la distruzione dell’umor vitreo, la sostanza gelatinosa che riempie l’occhio tra la lente e la retina.

La tecnica chiropratica ad alta velocità può aver indotto un distacco vitreo posteriore, o PVD, che si verifica quando l’umore vitreo si allontana dalla retina.

Non è necessario alcun trattamento specifico per la PVD. La maggior parte dei pazienti non nota più i bagliori nella loro visione dopo circa tre mesi.

Le complicazioni da PVD sono rare, ma possono essere gravi e in alcuni casi richiedono un trattamento urgente come il trattamento laser per sigillare la rottura della retina o la chirurgia per un distacco di retina.

Sebbene la connessione alla cura chiropratica sia considerata un’associazione temporale, è difficile ignorare i tempi dei sintomi oculari del paziente che seguono la visita chiropratica.

Paulus non ha escluso future visite di chiropratica per il paziente, ma osserva che “il suo chiropratico potrebbe dover modificare le tecniche utilizzate durante le sue visite”.

Fonte: American Journal of Ophthalmology Case Reports