Home Medicina Alternativa La Clorella diminuisce l'assorbimento dei grassi alimentari

La Clorella diminuisce l’assorbimento dei grassi alimentari

La clorella è un’alga unicellulare molto nutriente che contiene circa il 60% delle proteine della stessa qualità di quelle che si trovano nelle uova, è ricca di fibre, contiene tutte le vitamine del gruppo B, C ed E, bioflavonoidi, sali minerali, inclusi gli olgoelementi, acidi omega 3 e mucopolisaccaridi.

La clorella è anche l’alga con la più alta percentuale di clorofilla al mondo, è ricca di ferro altamente assimilabile, grazia alla presenza della vitamina C e della clorofilla che aiutano l’organismo ad assorbire il ferro.
La ricerca scientifica ha dimostrato che l’uso di clorella aumenta le difese immunitarie nelle persone trattate con chemio e radioterapia, possiede un effetto antitumorale …. stimola la crescita della flora batterica utile, che a sua volta migliora le capacità di difesa dell’organismo.

Potreste aver sentito dire che la clorella è un nutrizionalmente un potente superfood, ma lo sapevate che la ricerca ha dimostra che può anche ridurre l’assorbimento dei grassi a livello intestinale, provocando in tal modo la riduzione del  rischio di malattie cardiache? 

Per decenni, i ricercatori hanno sospettato che clorella potesse ridurre il rischio di malattie cardiache. Uno studio condotto nel 1975, per esempio, ha mostrato che i pazienti con colesterolo alto che assumevano la clorella aveva una riduzione dei livelli di colesterolo, rispetto ai pazienti che non ne facevano uso.Nel 1987, i ricercatori hanno scoperto che Chlorella vulgaris (una varietà) contribuisce a combattere anormali livelli di grassi nel sangue e l’ispessimento delle pareti delle arterie. Un’altra varietà, la Chlorella pyrenoidosa, è stato trovata utile per diminuire il rapporto colesterolo totale / colesterolo HDL nei criceti, che implica un miglioramento della salute del cuore.

Di recente, la ricerca ha dimostrato che la Clorella modifica il contenuto di grassi nel sangue e fegato dei ratti.

La clorella  riduce l’assorbimento di grassi

Nel 2005, uno studio ha suggerito che la varietà Chlorella pyrenoidosa riduce i grassi nel sangue, limitando l’assorbimento dei grassi nel tratto intestinale. In uno studio pubblicato sulla rivista Nutrition Research and Practice , nel 2008, i ricercatori della Ewha Womans University in Corea del Sud hanno esaminato se tale effetto potrebbe essere più direttamente osservato utilizzando la varietà Chlorella vulgaris . I ricercatori hanno assegnato ratti maschi ad una dieta  normale o ad una dieta ricca di grassi e assunzione di clorella. Dopo nove settimane, i ricercatori hanno scoperto che tra i ratti che avevano assunto una dieta ricca di grassi ed erano stati trattati con la clorella, i livelli ematici di lipidi e i livelli epatici di trigliceridi erano significativamente più bassi che negli altri gruppi. Inoltre, trigliceridi, colesterolo totale del sangue, lipidi totali del fegato e il totale delle concentrazioni di colesterolo  erano significativamente più bassi nel gruppo trattato con il 10 per cento di clorella.

I risultati suggeriscono che la clorella in effetti porta a ridotto assorbimento e aumenta l’escrezione di grassi e colesterolo. 

“Questi risultati suggeriscono che la Clorella vulgaris è efficace per la prevenzione delle dislipidemia che possono essere dovute alla modulazione del metabolismo lipidico e favorisce l’aumento dell’escrezione fecale di lipidi “, hanno concluso i ricercatori.

 


ULTIMI ARTICOLI

Le statine riducono la gravità di COVID-19

Immagine: l'infezione da SARS-CoV-2 (verde, a sinistra) è inibita dal trattamento con 25HC (a destra). Credito: UC San Diego Health Sciences. Non ci sono trattamenti approvati...

Il trattamento con metformina è collegato al rallentamento del declino cognitivo

Immagine: Public Domain. La metformina è il trattamento di prima linea per la maggior parte dei casi di diabete di tipo 2 e uno dei...

Il fruttosio prodotto nel cervello potrebbe essere alla base dell’Alzheimer

Una nuova ricerca pubblicata dall'Anschutz Medical Campus dell'Università del Colorado propone che la malattia di Alzheimer possa essere guidata dall'iperattivazione del fruttosio prodotto nel...

Come il microbioma della madre influenza il neurosviluppo fetale

Immagine: Public Domaian. "Durante la gravidanza nei topi, i miliardi di batteri e altri microbi che vivono nell'intestino di una madre regolano i metaboliti chiave,...

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un "casco leggero" nel luglio 2019. Credito:RON...