La carne rossa può aumentare il rischio di Alzheimer

alzheimer,carne rossa

Mangiare troppa carne rossa, che aumenta i livelli cerebrali di ferro, può aumentare il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer, secondo i ricercatori dell’Istituto Semel di Neuroscienze e Comportamento Umano all’UCLA. La ricerca è stata  riportata dalla rivista Journal of Alzheimer .

Come informazioni di base, gli autori hanno spiegato che il ferro può accelerare le reazioni dannosi dei radicali liberi. Nel tempo, il ferro si accumula nelle regioni della materia grigia e sembra contribuire al rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer e altre malattie legate all’età.

La malattia di Alzheimer è un nemico particolarmente impegnativo da sconfiggere. Il suo fattore di rischio numero uno è l’invecchiamento – qualcosa che nessuno di noi può evitare.

La maggior parte dei scienziati e specialisti concordano sul fatto che il morbo di Alzheimer è causato da due proteine:

  • Tau
  • Beta-amiloide

Come si invecchia, queste due proteine ​​o interrompono la segnalazione tra i neuroni o li uccidono.

Il dottor George Bartzokis e colleghi, credono che ci sia una terza probabile causa del morbo di Alzheimer : l’ accumulo di ferro .

Il Professore Bartzokis ed il suo team hanno utilizzato per lo studio dell’ippocampo e il talamo,sofisticate brain-imaging ad alta e bassa intensità di campo con strumenti come la MRI. L’ippocampo è una regione del cervello che risulta  danneggiata nella fase iniziale nella malattia di Alzheimer, mentre il talamo viene influenzato solo durante le ultime fasi.

Le scansioni MRI hanno dimostrato che il ferro si accumula nel tempo nell’ippocampo, ma non nel talamo ed hanno  anche evidenziato un’associazione tra i livelli di accumulo di ferro nell’ippocampo e danni ai tessuti in quella zona.

“Molti scienziati si sono concentrati sull’ accumulo di beta-amiloide e tau che causano le placche caratteristiche associate al morbo di Alzheimer”, ha spiegato Bartzokis.

La comunicazione tra i neuroni si interrompe quando la mielina, un tessuto grasso che ricopre le fibre nervose, viene   distrutta, promuovendo l’accumulo di placche. Queste placche amiloidi a loro volta distruggono più mielina – una cascata di auto-perpetuazione di distruzione. Più il segnale è disturbato, tanto più le cellule nervose muoiono e compaiono i classici segni del morbo di Alzheimer

La mielina è prodotta dagli oligodendrociti. Gli oligodendrociti sono un tipo di cellule del cervello. Bartzokis ha  spiegato che gli oligodendrociti, insieme con la mielina, hanno i più alti livelli di ferro di tutte le cellule del cervello.

“Le prove circostanziali sostengono da tempo la possibilità che i livelli di ferro del cervello potrebbero essere un fattore di rischio per le malattie legate all’età, come l’Alzheimer”, dice Bartzokis.

Troppo ferro favorisce il danno ossidativo

Il ferro è essenziale per la funzione delle cellule. Tuttavia, troppo ferro incoraggia il danno ossidativo, cosa a cui il cervello è particolarmente suscettibile.

Bartzokis e la sua squadra hanno cercato di determinare se alti livelli di ferro nel tessuto, potrebbero causare la rottura dei tessuti associati con il morbo di Alzheimer. Si sono concentrati sull’ippocampo, un’area del cervello che è coinvolta nella formazione dei ricordi. Hanno confrontato l’ippocampo al talamo, che è relativamente inalterato fino agli ultimi stadi della malattia.

La loro tecnica MRI è stata in grado di misurare la quantità di ferro del cervello. Lo studio ha incluso 31 pazienti affetti da Alzheimer e 68 soggetti sani della stessa età (controlli).

Misurare la quantità di ferro nel cervello di una paziente affetto da Alzheimer non è cosa facile perché la quantità di acqua nel cervello, aumenta con il progredire della malattia.” Più acqua c’è nel cervello, più è difficile rilevare il ferro”, ha spiegato Bartzokis .

Bartzokis ha dichiarato: “E ‘difficile misurare il ferro nei tessuti quando il tessuto è già danneggiato. Ma la tecnologia MRI che abbiamo utilizzato in questo studio ha permesso di determinare che l’aumento di ferro è in corso insieme al danno tissutale. Abbiamo scoperto che la quantità di ferro viene aumentata nell’ippocampo ed è associata a danno tissutale in pazienti con morbo di Alzheimer, ma non nei soggetti sani anziani -. o nel talamo. Così i risultati suggeriscono che l’accumulo di ferro può effettivamente contribuire allo sviluppo della malattia di Alzheimer “.

Il gruppo ha aggiunto che l’accumulo di ferro nel cervello potrebbe essere il risultato di alcuni fattori modificanti ambientali, tra cui la quantità di carne rossa che la persona consuma, o l’assunzione di integratori alimentari di ferro. Un altro fattore che può aumentare i livelli di ferro nel cervello potrebbe essere un intervento di isterectomia, prima della menopausa .

I

Squilibrio di ferro legato alla malattia di Creutzfeldt-Jakob, la malattia di Alzheimer e di Parkinson

I ricercatori della Case Western Reserve University di Cleveland, hanno  riportato nel Journal of Alzheimer (marzo 2013 ) che uno squilibrio di ferro causato da proteine ​​prioniche di raccolta nel cervello è probabilmente la causa della morte delle cellule in CJD (Creutzfeldt-Jakob).

Gli autori hanno aggiunto che alcune proteine ​​che si trovano nel cervello dei pazienti con Alzheimer e Parkinson regolano anche il ferro. Essi suggeriscono che ” neurotossicità dalla forma di ferro, ferro chiamato redox-attivi, può essere un tratto distintivo in condizioni neurodegenerative delle tre  malattie . ”

Studio leader, Neena Singh, ha dichiarato: “Ci sono molti scettici che pensano che il ferro non ha alcun ruolo da svolgere in condizioni neurodegenerative. Non stiamo dicendo che lo squilibrio di ferro è l’unica causa, ma la mancanza di stabili  livelli di ferro nel cervello, sembra contribuire in modo significativo alla morte neuronale. ”

 

Fonte Journal of Alzheimer , Volume Numero 37, Numero 1/2013, Pages 127-136, doi: 10.3233/JAD-130209 


Altri articoli su alzheimer, carne rossa