HomeAlimentazione & BenessereLa caffeina sembra ridurre il volume della materia grigia

La caffeina sembra ridurre il volume della materia grigia

(Caffeina-Immagine Credit Public Domain).

Caffè, cola o bevanda energetica: la caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo. I ricercatori dell’Università di Basilea hanno ora dimostrato in uno studio che l‘assunzione regolare di caffeina può modificare la materia grigia del cervello. Tuttavia, l’effetto sembra essere temporaneo.

Nessun dubbio: la caffeina aiuta la maggior parte di noi a sentirsi più vigili. Tuttavia, può disturbare il nostro sonno se assunta la sera. La privazione del sonno può a sua volta influenzare la materia grigia del cervello, come hanno dimostrato studi precedenti. Quindi il consumo regolare di caffeina può influenzare la struttura del cervello a causa del cattivo sonno? Un gruppo di ricerca guidato dalla Dott.ssa Carolin Reichert e dal Professor Christian Cajochen dell’Università di Basilea e UPK (l’Ospedale psichiatrico dell’Università di Basilea) ha cercato di rispondere a questa domanda in uno studio.

- Advertisement -

Il risultato è stato sorprendente: la caffeina consumata nell’ambito dello studio non ha comportato un sonno scarso. Tuttavia, i ricercatori hanno osservato cambiamenti nella materia grigia, come riferiscono sulla rivista Cerebral Cortex. La materia grigia si riferisce alle parti del sistema nervoso centrale costituite principalmente dai corpi cellulari delle cellule nervose, mentre la materia bianca compre

nde principalmente le vie neurali, le lunghe estensioni delle cellule nervose.

Vedi anche:La caffeina aumenta la produzione di un enzima che protegge dalla demenza

Allo studio ha preso parte un gruppo di 20 giovani sani, che bevono tutti caffè regolarmente su base giornaliera. Sono state somministrate compresse di caffeina da  assumere più di due periodi di 10 giorni e durante questo periodo è stato chiesto ai partecipanti di non consumare altra caffeina. Durante un periodo di studio, alcuni partecipanti hanno ricevuto compresse con caffeina; altri, compresse senza principio attivo (placebo). Alla fine di ogni periodo di 10 giorni, i ricercatori hanno esaminato il volume della materia grigia dei soggetti ante scansioni cerebrali. Hanno anche studiato la qualità del sonno dei partecipanti in laboratorio registrando l’attività elettrica del cervello (EEG) durante il sonno.

- Advertisement -

Il confronto dei dati ha rivelato che la profondità del sonno dei partecipanti era uguale, indipendentemente dal fatto che avessero assunto la caffeina o le capsule di placebo. Ma hanno visto una differenza significativa nella materia grigia, a seconda che il soggetto avesse ricevuto caffeina o placebo. Dopo 10 giorni di placebo, cioè “astinenza da caffeina”, il volume della materia grigia era maggiore rispetto a quello del gruppo che aveva assunto capsule di caffeina.

La differenza era particolarmente evidente nel lobo temporale mediale destro, compreso l’ippocampo, una regione del cervello essenziale per il consolidamento della memoria. “I nostri risultati non significano necessariamente che il consumo di caffeina abbia un impatto negativo sul cervello”, sottolinea Reichert. “Ma il consumo quotidiano di caffeina influisce evidentemente sul nostro hardware cognitivo”. Aggiunge che in passato gli effetti sulla salute della caffeina sono stati studiati principalmente nei pazienti, ma c’è anche bisogno di ricerca su soggetti sani.

Sebbene la caffeina sembra ridurre il volume della materia grigia, dopo soli 10 giorni di astinenza dal caffè la materia grigia si è notevolmente rigenerata nei soggetti del test. “I cambiamenti nella morfologia del cervello sembrano essere temporanei, ma finora sono mancati confronti sistematici tra i bevitori di caffè e coloro che assumono poca o nessuna caffeina“, afferma Reichert.

Fonte:Cerebral Cortex

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...