Invecchiamento, come essere per sempre giovane

invecchiamento

Gli scienziati potrebbero aver trovato una risposta sotto forma di una proteina che incoraggia la competizione cellulare, al desiderio di sconfiggere l’invecchiamento e rimanere per sempre giovane.

La proteina prosaicamente chiamata COL17A1 potrebbe non sembrare una fonte di giovinezza, ma agisce incoraggiando la competizione cellulare, un processo chiave per mantenere la forma fisica del tessuto. Efficacemente “caccia” le cellule più deboli mentre incoraggia la replicazione di quelle più forti.

Purtroppo l’invecchiamento comporta un esaurimento di COL17A1, così come i nemici familiari della pelle giovane, come le radiazioni UV.

E quando ciò accade, le cellule più deboli si replicano, lasciando la pelle più sottile, più incline al danno e più lenta a guarire.

La ricerca pubblicata giovedì sulla rivista Nature si basa su indagini che utilizzano code di topi, che condividono molte delle stesse caratteristiche della pelle umana.

Vedi anche, Una nuova terapia CRISPR / Cas9 può sopprimere l’invecchiamento.

Dopo aver confermato l’importanza di COL17A1, il team ha deciso di indagare la possibilità di stimolare la proteina una volta esaurita, cercando in modo efficace composti che potessero dare il via al processo anti-invecchiamento della pelle.

I ricercatori hanno isolato due composti chimici – Y27632 e apocinina -che sono stati testati sulle cellule della pelle, con risultati positivi.

“L’applicazione di questi farmaci alle ferite cutanee ha notevolmente favorito la riparazione delle ferite“, affermano i ricercatori. “I due composti “facilitano la rigenerazione della pelle e riducono l’ invecchiamento cutaneo “, hanno aggiunto .

In una recensione dello studio, due professori dell’Università del Colorado hanno dichiarato che la competizione cellulare in precedenza era stata studiata solo estesamente nei moscerini della frutta.

La ricerca “fornisce la prova che le cellule sane nei mammiferi possono anche ripopolare in modo efficiente i tessuti adulti, sostituendo le cellule non idonee o danneggiate “, hanno scritto i Professori Ganna Bilousova e James De Gregori.

La ricerca ha offerto la “prova di principio” che i due composti chimici potrebbero combattere l’invecchiamento.

“Sono necessari studi futuri per determinare i meccanismi della competizione cellulare in altri tessuti e per identificare composti in grado di invertire l’invecchiamento in altri organi”, hanno concluso i ricercatori.


Altri articoli su invecchiamento