HomeAlimentazione & BenessereIntegratori naturali aumentano l'immunità?

Integratori naturali aumentano l’immunità?

(Integratori naturali-Immagine Credit Public Domain).

Diversi integratori naturali a base di erbe sono stati suggeriti per aumentare la funzione immunitaria. Cosa dice la ricerca?

Esiste una dieta immunostimolante?

Consumare abbastanza nutrienti come parte di una dieta variata è necessario per la salute e la funzione di tutte le cellule, comprese le cellule immunitarie. Alcuni schemi dietetici possono preparare meglio il corpo agli attacchi microbici e all’eccessiva infiammazione, ma è improbabile che i singoli alimenti offrano una protezione speciale. Ogni fase della risposta immunitaria del corpo si basa sulla presenza di molti micronutrienti. Esempi di nutrienti che sono stati identificati come critici per la crescita e la funzione delle cellule immunitarie includono vitamina C, vitamina D, zinco, selenio, ferro e proteine ​​(incluso l’aminoacido glutammina). Si trovano in una varietà di alimenti vegetali e animali.

- Advertisement -

Una carenza di singoli nutrienti può alterare la risposta immunitaria del corpo. Gli studi sugli animali hanno scoperto che carenze di zinco, selenio, ferro, rame, acido folico e vitamine A, B6, C, D ed E possono alterare le risposte immunitarie. Questi nutrienti aiutano il sistema immunitario in diversi modi: agiscono come antiossidanti per proteggere le cellule sane, supportano la crescita e l’attività delle cellule immunitarie e producono anticorpi. Gli studi epidemiologici hanno scoperto che coloro che sono mal nutriti sono a maggior rischio di infezioni batteriche, virali e di altro tipo.

In questi casi può essere utilizzato un integratore multivitaminico/minerale generale che fornisca le dosi dietetiche raccomandate (RDA), se non diversamente indicato dal proprio medico. Gli integratori a megadose (molte volte la RDA) non sembrano giustificati e talvolta possono essere dannosi o addirittura sopprimere il sistema immunitario (p. es., come con lo zinco). Ricorda che gli integratori vitaminici non devono essere considerati un sostituto di una buona dieta perché nessun integratore contiene tutti i benefici degli alimenti salutari.

Integratori naturali:

  • Echinacea: studi sulle cellule hanno dimostrato che l’echinacea può distruggere i virus dell’influenza, ma la ricerca limitata nell’uomo è stata inconcludente nel determinare i componenti attivi dell’echinacea. Non è stato dimostrato che l’assunzione di echinacea dopo aver preso un raffreddore ne riduca la durata, ma assumerla in condizioni di salute può offrire una piccola possibilità di protezione dal raffreddore.
  • Aglio: si propone che il principio attivo dell’aglio, allicin sativum, abbia effetti antivirali e antimicrobici sul comune raffreddore, ma mancano studi clinici di alta qualità che confrontino gli integratori di aglio con il placebo. Una revisione Cochrane ha identificato solo uno studio di qualità ragionevole su 146 partecipanti. Coloro che assumevano l’integratore di aglio per 3 mesi avevano meno episodi di raffreddore comune rispetto a quelli che assumevano un placebo, ma dopo aver contratto il virus del raffreddore, entrambi i gruppi avevano una durata simile della malattia. Si noti che questi risultati provengono da un singolo studio, che deve essere replicato.
  • Catechine del tè: studi sulle cellule hanno dimostrato che le catechine del tè, come quelle che si trovano nel tè verde, possono prevenire la replicazione dell’influenza e di alcuni virus del raffreddore e possono aumentare l’attività immunitaria. Gli studi sull’uomo sono ancora limitati. Due studi randomizzati controllati hanno scoperto che le capsule di tè verde hanno prodotto meno sintomi di raffreddore/influenza o incidenza dell’influenza rispetto a un placebo; tuttavia entrambi gli studi sono stati finanziati o avevano affiliazioni di autori con le industrie del tè.

8 passaggi per sostenere un sistema immunitario sano

  1. Segui una dieta equilibrata con frutta intera, verdura, proteine ​​magre, cereali integrali e molta acqua. Una dieta mediterranea è un’opzione che include questi tipi di alimenti.
  2. Se una dieta equilibrata non è facilmente accessibile, può essere utilizzato un multivitaminico contenente la RDA per diversi nutrienti.
  3. Non fumare (o smettere di fumare se lo fai).
  4. Bevi alcolici con moderazione.
  5. Esegui un moderato esercizio regolare.
  6. Cerca di dormire 7-9 ore ogni notte. Cerca di mantenere un programma di sonno, svegliandoti e andando a letto alla stessa ora ogni giorno. Il nostro orologio biologico, o ritmo circadiano, regola le sensazioni di sonnolenza e veglia, quindi avere un programma di sonno coerente mantiene un ritmo circadiano equilibrato in modo che possiamo entrare in un sonno più profondo e riposante.
  7. Mira a gestire lo stress. È più facile a dirsi che a farsi, ma cerca di trovare alcune strategie salutari che funzionino bene per te e il tuo stile di vita, che si tratti di esercizio fisico, meditazione, un hobby particolare o parlare con un amico fidato. Un altro consiglio è di praticare una respirazione regolare e consapevole durante il giorno e quando sorgono sensazioni di stress. Non deve essere lungo, anche pochi respiri possono aiutare.
  8. Lavarsi le mani durante la giornata: quando si entra dall’esterno, prima e dopo aver preparato e mangiato il cibo, dopo aver usato il bagno, dopo aver tossito o essersi soffiati il ​​naso.

Vedi anche:Rimedi naturali per le malattie autoimmuni

- Advertisement -

Fonte:Harvardnutrition

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...