Insufficienza epatica: scoperta una cellula che rigenera il tessuto epatico

insufficienza epatica

Insufficienza epatica: i ricercatori hanno scoperto una cellula che rigenera il tessuto epatico utilizzato il sequenziamento dell’RNA a singola cellula..

I ricercatori del King’s College di Londra hanno utilizzato il sequenziamento dell’RNA a singola cellula per identificare un tipo di cellula che potrebbe essere in grado di rigenerare il tessuto epatico e che potrebbe portare a trattare l’insufficienza epatica senza la necessità di trapianti.

In un articolo pubblicato oggi su Nature Communications, gli scienziati hanno identificato un nuovo tipo di cellula chiamata progenitore ibrido epatobiliare (HHyP), che si forma durante il nostro sviluppo iniziale nell’utero. Sorprendentemente, l’HHyP persiste in piccole quantità negli adulti e queste cellule possono crescere nei due principali tipi di cellule del fegato adulto (epatociti e colangiociti) che conferiscono proprietà simili alle cellule staminali degli HHyP.

Vedi anche, Insufficienza epatica acuta: sviluppato un nuovo approccio di straordinaria efficacia.

Il team ha esaminato le cellule HHyP nei topi e ha scoperto che assomigliano alle cellule staminali che riparano rapidamente il fegato dei topi a seguito di gravi lesioni, come si verifica nella cirrosi.

L’autore principale, il Dottor Tamir Rashid del Center for Stem Cells & Regenerative Medicine del King’s College di Londra, ha dichiarato: “Per la prima volta, abbiamo scoperto che nel fegato umano possono benissimo esistere cellule con proprietà simili a quelle delle cellule staminali. Ciò a sua volta potrebbe fornire una vasta gamma di applicazioni di medicina rigenerativa per il trattamento delle malattie del fegato, compresa la possibilità di aggirare la necessità di trapianti di fegato “.

La malattia del fegato è la quinta condizione fatale del Regno Unito. E’ la terza causa più comune di morte prematura e il numero di casi continua ad aumentare. Può essere causata da problemi di stile di vita come obesità, virus, abuso di alcool o da malattie autoimmuni e genetiche.

I sintomi della malattia epatica comprendono ittero, prurito e sensazione di debolezza e stanchezza e, nei casi più gravi, cirrosi. L’unico trattamento per le gravi malattie del fegato è attualmente un trapianto di fegato che può portare a una vita di complicazioni e per le quali la necessità di organi da donatori supera di gran lunga le crescenti esigenze.

“Ora dobbiamo lavorare rapidamente per convertire le cellule staminali pluripotenti in HHyPs in modo da poter trapiantare tali cellule nei pazienti. A lungo termine, lavoreremo anche per vedere se possiamo riprogrammare le HHyP all’interno del corpo usando farmaci tradizionali per riparare i fegati malati, senza trapianto di cellule o di organi “, ha affermato il Dott. Rashid.

Fonte, EurekAlert


Altri articoli su insufficienza epatica