Home Salute Cuore e circolazione Nuovo farmaco riduce il rischio di eventi correlati all'insufficienza cardiaca cronica

Nuovo farmaco riduce il rischio di eventi correlati all’insufficienza cardiaca cronica

 Immagine: insufficienza cardiaca.Credit: Public Domain.

Omecamtiv Mecarbil, un nuovo farmaco sperimentale per il cuore, ha ridotto il rischio di eventi correlati allo scompenso cardiaco in pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, secondo una recente ricerca presentata oggi all’American Heart Sessioni scientifiche dell’Associazione 2020.

L’incontro virtuale si è svolgerà da venerdì 13 novembre a martedì 17 novembre 2020 ed è un importante scambio globale dei più recenti progressi scientifici, della ricerca e degli aggiornamenti della pratica clinica basati sull’evidenza nella scienza cardiovascolare per l’assistenza sanitaria in tutto il mondo. Il manoscritto di questo studio è stato pubblicato anche sul New England Journal of Medicine.

- Advertisement -

Vedi anche:Svelati i segreti della rigenerazione del cuore nell’insufficienza cardiaca cronica

La frazione di eiezione è una misura della proporzione di sangue che il cuore pompa ad ogni contrazione. L’insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, o HFrEF, si verifica quando il ventricolo sinistro, la più grande camera di pompaggio del cuore, perde la sua capacità di contrarsi normalmente. Il cuore non può pompare con una forza sufficiente per spingere il sangue in circolazione. Una frazione di eiezione del 40% o inferiore viene utilizzata per definire la HFrEF. 

Lo studio GALACTIC-HF (Global Approach to Lowering Adverse Cardiac Outcomes Through Improving Contractility in Heart Failure) ha valutato Omecamtiv Mecarbil, un farmaco sperimentale a cui è stata concessa la designazione “fast track” come nuova opzione di trattamento per lo scompenso cardiaco dalla Food and Drug Administration statunitense a Maggio 2020.

Omecamtiv Mecarbil si lega alla miosina cardiaca, la proteina del cuore che trasforma l’energia chimica in lavoro meccanico, potenziando così la contrazione muscolare. In studi precedenti, si è scoperto che migliora la funzione cardiaca aumentando l’efficacia con cui la miosina interagisce con l’actina, un’altra proteina coinvolta nella contrazione del muscolo cardiaco.

- Advertisement -

“Omecamtiv Mecarbil è il primo di una classe di medicinali per il cuore chiamati miotropi che prendono di mira selettivamente il muscolo cardiaco per migliorare le prestazioni cardiache“, ha affermato John R. Teerlink, MD, autore principale dello studio, Direttore del laboratorio di ecocardiografia presso il San Francisco Veterans Affairs Medical Center e Professore di medicina presso l’Università della California a San Francisco. “Nello studio di fase 2 che ha portato a GALACTIC-HF, Omecamtiv Mecarbil ha aumentato le misure delle prestazioni e della funzione cardiaca. GALACTIC-HF si è concentrato sulla valutazione dell’effetto di questo potenziale farmaco sui risultati in pazienti con insufficienza cardiaca cronica“.

GALACTIC-HF era uno studio di fase 3, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Lo studio ha arruolato più di 8.000 pazienti in 35 paesi con insufficienza cardiaca cronica che erano al momento ricoverati in Ospedale per insufficienza cardiaca o con una storia recente di ospedalizzazione o visita al pronto soccorso per insufficienza cardiaca entro un anno prima dello screening.

I partecipanti erano prevalentemente maschi (79%) con un’età media di 66 anni e una frazione di eiezione media del 27%. Inoltre:

Il 62% aveva una malattia coronarica;

  • Il 40% aveva il diabete di tipo 2;
  • Il 70% aveva la pressione alta;
  • Il 36% aveva una malattia renale cronica; 
  • Il 25% era ricoverato al momento dell’arruolamento.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere un placebo orale o Omecamtiv Mecarbil. Lo studio ha esaminato quanto tempo è trascorso prima del primo evento di insufficienza cardiaca come il ricovero in ospedale, una visita urgente che richiede una terapia endovenosa per insufficienza cardiaca o morte cardiovascolare.

Lo studio ha rilevato che i pazienti che assumevano Omecamtiv Mecarbil avevano un rischio minore di manifestare un evento di insufficienza cardiaca o morte cardiovascolare. Il farmaco ha avuto un effetto maggiore sui pazienti con frazione di eiezione inferiore (frazione di eiezione 28%), un indicatore di insufficienza cardiaca più avanzata. Inoltre, la concentrazione nel sangue del peptide natriuretico di tipo B N-terminale, un ormone che aumenta con il peggioramento dell’insufficienza cardiaca, è stata ridotta nei pazienti trattati con Omecamtiv Mecarbil. Non sono stati osservati effetti collaterali che tipicamente limitano l’uso delle attuali terapie per l’insufficienza cardiaca, come effetti avversi sulla pressione sanguigna, sulla frequenza cardiaca, sui livelli di potassio o sulla funzione renale.

Questo studio fornisce prove sostanziali che caratterizzano l’efficacia e la sicurezza di questa nuova terapia“, ha affermato Teerlink. “Lo studio ha incluso una vasta gamma di pazienti sia in regime ospedaliero che ambulatoriale, e questi risultati informeranno la potenziale futura implementazione di Omecamtiv Mecarbil per il trattamento dell’insufficienza cardiaca cronica”.

Fonte: Newsroom Hearth

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...