Individuata una classe di molecole per il trattamento delle malattie correlata al miRNA

miRNA

Immagine, questa immagine illustra il meccanismo molecolare del modo in cui l’HDO-antimiR a doppio filamento silenzia il microRNA bersaglio all’interno delle cellule rispetto all’antimio a filamento singolo originale.

Il microRNA (miRNA) è un tipo di RNA che svolge un ruolo importante in vari processi cellulari ed è anche coinvolto nello sviluppo di difese contro i patogeni. Un numero crescente di studi ha indicato che alcune malattie umane sono causate da espressione alterata e organizzazione del miRNA.

Kotaro Yoshioka e Takanori Yokota della Tokyo Medical and Dental University (TMDU) hanno sviluppato nuove molecole che possono mettere a tacere o inibire il malfunzionamento dei miRNA, con la speranza che il loro lavoro possa portare a nuovi modi di trattare le malattie causate dai miRNA.

Vedi anche, MicroRNA appena scoperto regola la mobilità delle cellule tumorali.

La creazione di un nuovo tipo di antimiR, che è una molecola che inibisce il miRNA, potrebbe fornire le basi per nuove terapie geniche.

Yoshioka e Yokota hanno recentemente sviluppato un nuovo tipo di antimiR con una maggiore efficacia contro il miRNA e una riduzione della tossicità. Usando la loro tecnica originale, gli oligonucleotidi etero duplex (HDO), hanno combinato un antimiR con il suo RNA complementare per produrre una nuova molecola, chiamata “HDO-antimiR”. Hanno quindi caratterizzato l’HDO-antimiR – in particolare, hanno valutato la sua forza nell’inibire il miRNA, hanno valutato la sua distribuzione biologica e hanno verificato la sua azione specifica modificando la sua struttura nei topi.

Di recente i ricercatori hanno pubblicato i loro risultati in  Nucleic Acids Research.

“HDO-antimiR ha una struttura unica a doppio filamento totalmente diversa dagli antimiR precedentemente descritti“, afferma l’autore corrispondente Yokota. “Questa struttura è responsabile di un sostanziale aumento della potenza del miRNA messo a tacere da HDO-antimiR rispetto all’antimiR genitore a singolo filamento“.

I ricercatori hanno scoperto che rispetto all’antimiR convenzionale, l’HDO-antimiR era 12 volte più efficiente in termini di legame con miRNA mirato e aveva una potenza migliorata all’interno delle cellule. Inoltre, l’HDO-antimiR ha prodotto effetti fenotipici migliorati nei topi, aumentando in particolare l’espressione di mRNA che colpisce i miRNA, portando a una maggiore inibizione dei miRNA.

La potenza potenziata di HDO-antimiR non era correlata all’elevata bio-stabilità o ad un aumento del tasso di consegna alla cellula bersaglio. La struttura unica di HDO-antimiR gli ha permesso di comportarsi in modo diverso rispetto ad altri tipi di inibitori del miRNA.

Fonte, EurekAlert